domenica 18 settembre 2011

Ennesimo flop suicida della Dandini e di una sinistra becera che non vuole crescere, non vuole maturare, non vuole essere adulta.


di Sergio Di Cori Modigliani


Così non se ne esce.
Proprio non ci siamo.
La sinistra andrebbe denunciata “per manifesta idiozia e ipocrisia congenita patologica”.
Accecati dal proprio sciocco veleno da tifosi, per 48 ore hanno esaltato Manuela Arcuri trasformandola in una santa “perchè ha detto no a Berlusconi”.
La questione è semplicemente ignobile.
Per il semplice motivo che è assolutamente falsa.


E ancora più ignobile è il fatto che la Dandini –pur di avere un seguito e pubblicità è disposta a fare qualunque cosa- aveva lanciato ieri mattina la proposta (purtroppo subito raccolta anche da Conchita de Gregorio, un’altra piagnona miliardaria) di fare addirittura una pagina speciale sulla Arcuri gestita dall’accoppiata Dandini-de Gregorio presentandola  come modello di riferimento per le donne italiane, approfittando del fatto che la Arcuri è di sinistra.
Un atto ignobile.
E il motivo per cui è ignobile è per il semplice motivo che tutti, ma proprio tutti, -ma davvero nessuno escluso- sanno, sia a Roma che a Milano, nell’ambiente giornalistico/cinematografico/televisivo che tra tutte, proprio la peggiore in assoluto è Manuela Arcuri.

Già le truppe mediatiche degli ipocriti della sinistra rincretinita erano pronte a marciare per sostenere la sua santità, quando è arrivata la notizia (dalla Francia, da un blogger di Lione, altrimenti non sarebbe mai venuto fuori) di altre 54 intercettazioni –nella stessa identica cartella ma 2000 pagine dopo- in cui la Arcuri, parlando con Miss Billionaire, certa Francesca Lana chiariva  “ok per una cosetta a tre, glie l’ho già spiegato, nessun problema. Il punto non è questo: il punto è che deve essere chiaro e preciso: per una cosa in cui stiamo tutti e tre, in una cosetta a due visto che quello lui vuole è necessario almeno il contratto firmato prima….e lui sa benissimo che cosa chiedo perché glie l’ho fatto sapere già da due giorni. Se ci vuole a tutte e due, ci vuole prima il contratto firmato”.
E da qui si viene a scoprire la verità, che, guarda caso, è un’altra.
Anzi, è  l’opposto.
Una volta tanto: E’ BERLUSCONI AD AVERE DETTO DI NO.

La sinistra ha costruito un clamoroso falso, e la Dandini farebbe meglio a ritirarsi a vita privata, risparmiandoci altre sue inevitabili cadute che producono soltanto danni..
Berlusconi (questa è la verità) ha fatto una telefonata e ha capito che la questione era complicata e complessa perché ci sarebbero voluti almeno venti giorni prima di organizzare il tutto e far firmare i contratti al notaio. Le richieste della Arcuri erano state nette: contratto per lei, per il fratello, per la cugina, con congruo anticipo in Rai. La sinistra la sosteneva.

Tutta la stampa di sinistra ha censurato una intercettazione successiva, nel corso della quale Berlusconi (povero squallido individuo, mi fa quasi pena) commentava con Tarantini prima e con Miss Billionaire poi, il suo disagio, concludendo “allora non se ne fa niente, dille che la passo a un altro, che s’arrangi”   cosa che, tra l’altro, ha fatto.
E’ stata presentata a un amico intimo di Berlusconi il giorno dopo, uomo molto potente in mediaset diventando la sua compagna.
Due settimane dopo entrava fissa negli sceneggiati: è la colonna portante delle fiction mediaset.
Ma alla Arcuri non bastava. Voleva di più. “Voglio anche la soddisfazione morale”.

Ecco la storia: Il 19 luglio 2002, sul lungomare di Porto Cesareo era stata posta una statua raffigurante Manuela Arcuri con l'epigrafe «Il mare di Porto Cesareo a Manuela Arcuri simbolo di bellezza e prosperità».
C’erano state reazioni contrastanti soprattutto da parte delle mogli dei pescatori del piccolo borgo salentino, in provincia di Lecce, che volevano la rimozione della statua perché non ne comprendevano il motivo e sostenevano (soltanto questo meriterebbe un bel sceneggiato tutto italiano) che raffreddava i loro mariti distraendoli, perché tutti andavano a toccare il sedere di marmo della Arcuri sospirando.. Addirittura riunioni in consiglio comunale. Dopo anni di liti, il 30 marzo 2010 il consiglio comunale di Porto Cesareo in provincia di Lecce fa rimuovere la statua.  La Arcuri, a marzo del 2011 si è presentata nel piccolo centro insultando la gente e minacciandoli, “perché io portavo turismo e pubblicità e adesso in questo posto di merda non ci verrà più nessuno, la gente veniva qui perché io esisto, mica per voi”.
A maggio del 2011 la giunta ha perso le elezioni.

Ha vinto una lista civica della sinistra capeggiata da un medico cardiologo, il Dr. Prof. Salvatore Albano. Il giorno 8 luglio 2011, il neo-sindaco ha fatto rimettere la statua all’ingresso del porticciolo facendo spendere al comune una enorme cifra per restaurare il fondo schiena della statua, logorata. Ha sostenuto che “è un impegno del comune rilanciare la cultura italiana nel mondo veicolando il meglio dell’antica produzione che ha fatto grande il meridione d’Italia: terra di pensatori, di artisti, di scultori”.

No comment. 

Alla cerimonia ha preso parte la stessa Arcuri che si è dichiarata ”grata alla città per aver compiuto una scelta così gradita e intelligente”.

Raglia raglia Giovane Itaglia

9 commenti:

  1. Non mi è ben chiaro cosa avrebbero tentato di fare Dandini e De Gregorio. Che pagina, e dove?

    La Arcuri l'ho vista sputtanare per bene dai gemelli Sallusti e Belpietro, invece.

    Infine, "Arcuri di sinistra": dove, come, quando?

    RispondiElimina
  2. Ah, il problema adesso sono la sinistra e la Arcuri? Grandioso.
    Ma ci credi a quello che scrivi o lo fai sotto dettatura?

    RispondiElimina
  3. Abitualmente queste notizie le leggo e ci faccio sopra un sorriso amaro,altre volte,come questa,mi viene un tale nervoso da avere voglia di prendere a morsi lo stesso computer,ma la Dandini e la De Gregorio non conoscono le storie di Ambra Battilana e Chiara Danese?Non sanno quali sono le conseguenze di non concedersi all'imperatore?E secondo loro come avrebbe fatto la Arcuri a conquistarsi un posto in TV?E'cosi'difficile capire che la Arcuri non sia poi questa eccezionale artista?Ma a chi vogliono darla a bere sul fatto che queste cose e le altre riportate dall'ottimo Di Cori Modigliani non le sapevano?

    RispondiElimina
  4. @ Anonimo
    No,no sei tu che sbagli il punto di vista,la destra ha per eroe Mangano e la sinistra la Arcuri,è o non è superiorità morale questa?

    RispondiElimina
  5. Ah già hai perfettamente ragione,mi prostro di fronte a tanta virtù!

    RispondiElimina
  6. E'cosi'difficile capire che la Arcuri non sia poi questa eccezionale artista?

    scrive l'Anonimo del 18 settembre 2011 17:04

    E la Bellucci allora?
    ma entrmbe, parafrasando una vecchia pubblicità, con quelle poppo posso fare ciò che vogliono.

    Io lo so, chissà come soffrono, strappate a forze dalla clausura alla quale si erano volontariamente votate. :-)

    RispondiElimina
  7. Dimenticavo: quando quelle martiri, perchè tali sono, trapasseranno, siederanno davanti a Bunga Bunga l'unico vero dio delle vergini .....nelle orecchie.


    Ma sarebbe da chiedersi se in realtà da biasimare sono 'ste paperotte senza arte ne parte o non piuttosto quella massa di umanoidi che le adora a mo' di idoli, ne cerca il contatto, ne segue ogni mossa.

    RispondiElimina
  8. @ luigiza
    a mio parere sono da biasimare tutti e due;le prime perchè non hanno rispetto delle altre donne (e neanche di loro stesse) e "affossano" anni e anni di lotte per i loro diritti e la loro emancipazione,la massa di umanoidi proprio perchè è una massa di umanoidi ed è inutile aggiungere altro,la mia natura però tenderebbe a farmi biasimare di più gli umanoidi.

    GEORG

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.