giovedì 16 gennaio 2014

Come ti organizzo e ti gestisco l'Alzheimer sociale. Perchè Matteo Renzi non è affidabile.


"In Italia non esiste la democrazia ma vige una feroce dittatura, stemperata e annacquata dal fatto che nel nostro paese nessuno rispetta la Legge e quindi i cittadini non se ne rendono conto".
                                                                         
                                                                        Arnoldo Foà  (1917-2014)

di Sergio Di Cori Modigliani

Una decina di giorni fa mi è arrivata la consueta lettera mensile di Barack Obama.
Tranquilli, non sono stato preso da un attacco di mitomania. La stessa identica missiva viene inviata ad altri 85 milioni di persone: è il numero degli iscritti alla newsletter della Casa Bianca. Ho ricevuto anche la newsletter del Partito Repubblicano, del gruppo base di Occupywallstreet, dei verdi californiani, dei sionisti americani pro-Israele e della lobby arabo-americana contro-Israele, quella di Goldman Sachs, di J.P.Morgan e di Merryl Lynch, e quella di un gruppo nazista americano. Di solito sono redatte a fini propagandistici e ciascuno tira l'acqua al proprio mulino esaltando la fazione di appartenenza. Ma esistono dei casi in cui, invece, forniscono informazioni.
Come questa volta.
La lettera del presidente annunciava due notizie, va da sè, in tono trionfalistico.
Una era relativa alla loro questione sanitaria e spiegava come "dal 2 Gennaio 2014, altri 842.000 cittadini statunitensi, appartenenti ai settori più disagiati socialmente, per la prima volta nella Storia, hanno avuto accesso alla copertura sanitaria gratuita grazie alla mia riforma"; l'altra parlava del lavoro e annunciava che "l'indice di disoccupazione è ulteriormente sceso per il quattordicesimo mese consecutivo e nel mese di dicembre 2013 ha raggiunto il 6,5%, la punta più bassa dal 1997; andiamo avanti a creare lavoro e occupazione".

Nelle newsletter -stessa data pressappoco- delle altre formazioni politiche, (la maggior parte delle quali opposte e antagoniste a quella del presidente) davano le stesse identiche notizie.
E' quello che si definisce "informazione", ovvero: "una notizia oggettiva composta di dati verificabili che viene proposta all'opinione pubblica al fine di rendere edotta la cittadinanza sull'andamento della cosa pubblica e il suo impatto nella realtà".

Nelle newsletter, dopo aver dato la notizia, venivano presentate le proprie interpretazioni e i commenti, e così i repubblicani sostenevano che "per poter pagare la sanità di queste persone lo Stato centrale è stato costretto ad aumentare la propria massa debitoria spingendo il debito pubblico a livelli insostenibili che finiremo per dover pagare tutti noi".
E' quello che si definisce "libertà di stampa e di opinione", ovvero: "la possibilità per chiunque, qualunque sia la sua aderenza politica, religiosa, culturale, a esprimere in piena libertà la propria opinione e interpretazione personale e individuale dei fatti oggettivi".

Che invidia!

Le zuffe tra le fazioni politiche appartenenti a movimenti contrapposti non avvengono mai su inoppugnabili dati oggettivi, bensì sulla loro interpretazione. Si parte da un dato e, dopo che tutti i soggetti hanno preso atto che la situazione è quella, ci si confronta sulla diversa modalità di interpretazione, esprimendo diversi punti di vista.

In Italia, invece, siamo molto ma molto lontani da questi livelli.
Perchè il "lavoro" dell'informazione, in Italia, consiste nel confondere la mente e contribuire alla diffusione dell'Alzheimer sociale, avendo abolito la validità inoppugnabile del dato oggettivo.
La stragrande maggioranza dei giornalisti italiani (per fortuna esistono nobili eccezioni, poche ma vere) non forniscono notizie nè danno informazioni oggettive, anzi. La loro attività è tutta incentrata nella trasformazione di un dato oggettivo in un elemento arbitrario e quindi opinabile, soggetto alla interpretazione di parte, soggettiva e individuale, e al cittadino non viene fornita la informazione nuda e cruda sulla quale dibattere, bensì l'uso che serve al produttore della notizia.
Questa è la ragione per cui siamo al 70esimo posto nella classifica relativa alla libertà di stampa. 
Lo fa la televisione, lo fa la carta stampata, lo fa la radio. 
Lo fa anche il web, dato che è italiano.
Essendo la nostra un'etnia intelligente, chi gestisce il potere sa benissimo che, di fronte ai dati oggettivi, la realtà apparirebbe così come essa è, anche un deficiente ne coglierebbe il Senso.
Abbattendo la validità dell'oggettività, invece, vince chi urla di più e chi usufruisce di un potere mediatico/finanziario tale da consentirgli di poter elaborare dati a proprio piacimento. 
Questo annebbiamento delle coscienze porta -inevitabilmente- a un abbrutimento della memoria, perchè non avendo alcun valore il dato oggettivo, la memoria non ne registra il ricordo. 
E' una tecnica di comunicazione.
Secondo me non è vero che la classe politica dirigente sia composta da pasticcioni.
Non è vero che i politici non si rendono conto.
Non è vero che non sanno ciò che dicono o fanno.
Lo sanno benissimo.
E' così che esercitano il potere, da noi. Ciò che conta è impedire in ogni modo che il dato oggettivo abbia un Valore di riferimento.
In questo modo si può far passare ogni cosa, compreso il fatto di sostenere candidamente che una personalità della propria fazione politica è vittima di un complotto ordito dalla parte antagonista perchè l'evento di per sè non ha alcun valore.

Tutta questa premessa serviva per introdurre il mio modesto punto di vista a commento di un dato oggettivo, quindi di una notizia vera: "Il segretario del PD, Matteo Renzi, incontrerà sabato prossimo il cavaliere Silvio Berlusconi per chiudere con lui la trattativa definitiva sulla legge elettorale".
Si dà per scontato, quindi, che gli ultimi venti anni non esistano più.
Si dà per scontato che definire Berlusconi "un delinquente pregiudicato" sia l'opinione personale di qualcuno e si spinge il cittadino (e il proprio elettore) a non vedere la notizia per ciò che essa è: il segretario politico del più importante partito italiano va a visitare una persona giudicata in sede definitiva (dato oggettivo) che sostiene pubblicamente "sono sicuro e certo che verranno accolte le mie ragioni nel mio appello e quindi entro il 24 maggio mi presenterò alle elezioni" spingendo il cittadino a chiedersi: "Ma allora la Corte di Cassazione non ha alcun valore! Non è vero che è definitiva".

Ciò che Matteo Renzi avrebbe dovuto fare ieri, oppure oggi, oppure domani pomeriggio (ha ancora un giorno di tempo) sarebbe stato quello di rilasciare la seguente dichiarazione:
"La legge elettorale, poichè appartiene a tutti, deve essere fatta trovando un accordo tra Forza Italia, PD e M5s, essendo queste le tre formazioni politiche che rappresentano la quasi totalità di coloro che hanno votato alle ultime elezioni. In seguito alla condanna definitiva di Berlusconi, non essendo lui (come prescrive la Legge, cioè il dato oggettivo) nè atto nè adatto a poter esercitare una funzione pubblica essendo stato condannato in via definitiva, chiedo formalmente alla formazione politica denominata Forza Italia di farmi avere il nome di un loro esponente al più alto livello gerarchico con il/la quale incontrarmi per valutare le nostre posizioni. Chiunque egli o ella sia, verrà da me ben accolto nel rispetto degli elettori che hanno dato il voto al PDL, a condizione che non sia nè un pregiudicato, nè un indagato, e tantomeno un condannato in via definitiva".
Una dichiarazione inappuntabile che nessuno avrebbe potuto contestare, perchè si basa sul ricordo di un dato oggettivo.

Non lo ha detto.
Non lo dirà.

E' per questo che è inaffidabile.

Appartiene ai produttori di Alzheimer sociale, il suo fine non è l'informazione alla cittadinanza.
Spera, come gli altri, che la gente dimentichi, tutta presa dal cercare di capire se ha ragione il Ministro del Tesoro quando sostiene che la crisi è finita e l'Italia va alla grande oppure ci siamo ancora dentro e non si vedono all'orizzonte adeguate risposte operative.

L'Italia non è allo sbando.
E' annebbiata dall'eccesso di soggettività, di individualismo e di narcisismo.
Ben altro dire.

Mettiamo da parte la nostra splendida fantasia e calda immaginazione da cartolina stereotipata e cominciamo ad innamorarci della validità dei dati oggettivi, inchiodando gli interlocutori -chiunque essi siano- a parlare di quelli.

Soltanto di quelli.

Sarebbe già un gigantesco passo in avanti.





17 commenti:

  1. Buonasera.
    Anche se solo in primo grado al momento il signorino tutto dire e niente fare Renzi è stato lui stesso condannato dalla corte dei conti della Toscana,dato oggettivo, quindi non mi stupisce vada, come già fatto anzitempo, dal suo idolo berlusconi grande maestro dell'evasione! Giustamente alla presentazione del PD Sardegna per le prossime regionali, non è stata accettata la candidatura della Barracciu perché scomoda in quanto indagata per peculato, ma lui è li al suo posto dato oggettivo e soggettivo! L'Alzheimer deve averlo colpito proprio bene a lui e a chi continua a farsi rimbecillire da certi individui!
    Ps. il minuscolo a berlusconi è voluto ed è anche troppo per il disprezzo che provo per lui. Renzi altrettanto ma volevo comunque distinguerli, in attesa di estinguerli :)
    Grazie!
    Luca.

    RispondiElimina
  2. Non sono per niente stupito, il neo segretario del PD va ad incontrare l'alleato di sempre con tanti saluti alle neo verginelle della sinistra del PD che gridano allo scandalo. Il problema è che tutto quello che fa ormai è h24 a reti unificate.

    Rasti

    RispondiElimina
  3. Grazie, Sergio, sei chiarissimo e corroborante.
    Girerò questo post a persone di buona volontà che si diano una svegliata e capiscano la differenza tra informazione e deleteria chiacchera.
    Luca D.

    RispondiElimina
  4. un post, come sempre, molto interessante.

    Non sorprende (almeno a me) che renzi e berlusconi (tutto minuscolo) si incontrino per elaborare la miglior legge elettorale che avrà lo scopo di minimizzare il risultato del M5S.

    I sostenitori del PD e di Forza Italia ringrazieranno correndo in massa alle urne... Poveri lemmings...

    Tutto torna...

    Tony

    RispondiElimina
  5. Attenzione alla trappola del dato "oggettivo" perché siamo nel contesto dell'economia finanziaria = FUFFA = IPNOSI DI MASSA!
    Ad esempio fino al 2008 le azioni della lehman brothers erano classificate come AAA dalle principali agenzie di rating, quindi stiamo parlando di un dato "oggettivo", sappiamo come è andata a finire.
    Negli USA, prima del 2007, c'erano tanti parametri economici che mostravano a tutti quanto fosse avanti l'america rispetto al resto del mondo, poi la doccia fredda dei subprimes...
    Ecc ecc

    RispondiElimina
  6. Parlando con un gruppetto di persone, dichiaravo la mia preoccupazione per il consenso generale al toscano Renzi e loro mi han detto che dovevo imparare a fidarmi, che le persone si giudicano dopo che hanno operato, e non prima.
    A me pare che questo giovane uomo ci abbia dato tante prove del suo talento politico... perchè bastano solo a pochi?
    Grazie per questo post interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu rispondi "Basta vedere come ha amministrato la provincia di Firenze e Firenze poi!" Magari ricordagli anche della condanna in primo grando ;)

      Elimina
  7. UN APPELLO AL NUOVO ORDINE MONDIALE DEL MAGISTRATO PAOLO FERRARO:un modo per rimettere i piedi per terra,altro che il burattino toscano...guardateli tutti i filmati di questo uomo,eroe moderno!!!Svegliano da un sonno mortifero lentamente inoculato.http://www.youtube.com/watch?v=Q8eqUs8RtPo

    RispondiElimina
  8. Cito: "L'Italia non è allo sbando.
    E' annebbiata dall'eccesso di soggettività, di individualismo e di narcisismo."

    Mi permetto di aggiungere un paio di tasselli a mio parer mancanti: Ignoranza come se piovesse e viscida vigliaccheria.
    La politica rimbambisce come una serie tv, propone e ripropone sempre la solita solfa, non ci sono mai cambiamenti veri ma episodi fotocopia che ci permettono di vivere sempre le solite emozioni che alla fine sono ciò che vuole davvero lo spettatore.
    Detto questo penso che Renzie e Al Tappone siano gli unici che ci possono portare fuori da questa crisi inventata, non sò come e neanche il perchè visto che ne beneficiano entrambi. Qualora non riuscissero nell'intento propagandato sono sicuro che il prossimo episodio ci darà un'ulteriore emozione o speranza degne di un gatta e vinci.
    Si, ne sono convinto, ancora solo 5 minuti e poi mi alzo, fumo l'ultima sigaretta e da domani dieta.

    RispondiElimina
  9. DISINNESCHIAMO L'ALZHEIMER SOCIALE:Paolo ferraro - YouTube
    www.youtube.com/channel/UCD0dtXwueoCi8vQgCOkkB4Q‎
    "STATO-MAFIA" TgCafe24 intervista integrale di Paolo Ferraro ALTERNATIVA ALLE CASTE DEVIATE E NON , OCCORRE FAR SAPERE ..... INFORMARE IL ...

    RispondiElimina
  10. Né Renzi né Berlusconi né altri politici possono portarci fuori da questa crisi per il semplice fatto che loro sono i responsabili e chi è causa non può dare soluzioni. La crisi dell'Italia è una crisi di sistema e come tale si risolve quando il sistema implode dall'interno o viene scompaginato dall'esterno. Tenuto però conto che il sistema Italia è connesso con altri sistemi globali, la soluzione non potrà dipendere da noi soli.

    I politici fanno il loro gioco mirando alla sopravvivenza ed al potere, sino a quando ci riescono. Pensare che il Carneade Renzi e il pregiudicato Berlusconi facciano l'interesse di tutti noi è pura follia ed auto inganno.

    Chi vuole castrarsi da solo è libero di farlo, ma che non coinvolga chi preferisce essere ancora artefice del proprio destino.

    RispondiElimina
  11. Ma anche fosse che il PDL nomina un suo rappresentante al più alto livello gerarchico, perché mai la legge elettorale dovrebbe essere discussa da due o tre personaggi in una stanza, come fosse un accordo tra società private? Caro Sergio, sbagli anche tu: una volta si usava discutere queste cose in Parlamento, hai presente? Quell'aula sorda e grigia che ormai non conta più nulla, la sede suprema di quell'orpello ormai demodé chiamato democrazia.

    RispondiElimina
  12. Lillo, cittadino dell'Universo.18 gennaio 2014 02:35

    Miei amati Umani di buona volontà, continuiamo a blaterare e, nel contempo, i pochi s'ingrassano come oche il cui fegato MAI sarà trasformato in paté e la nostra bile continuerà a secernere tante di quelle tossine che è già praticamente impossibile pensare di salvarsi a meno che...... alla critica delle chiacchiere, rispolverando nonno Carletto, non sostituiremo la critica delle armi. Letta e digerita la nota che ci prende ulteriormente a pugni sui denti sull'aumento di 1160 euro a quei SOLOALOROESOLOPERLOROFACENTI capibastone, pardon volevo dire capigruppo, sempre CAPI sono, della Regione Sicilia?. E il documento "Quarterly Report on the Euro Area sapete cosa recita?. Noooooo... Presto fatto e detto: " Nel 2023, praticamente domani, lo standard di vita dei cittadini europei crollerà del 40% rispetto a quello dei cittadini del GRANDE SATANA". Che bello nevvero?. Io già faccio da cavia a tanta tendenza. Dal 22 u.s., in quanto "Umano Pericoloso" ( a giorni si terrà l'appello all'ordinanza che mi ha voluto soggetto pericoloso... per essere stato ASSOLTO nel procedimento penale che mi si voleva cucire addosso -una storia, la mia, degna di essere scritta dalla penna di Kafka, riesumiamolo e chiamiamo una toga ermellinata a riportarlo in vita. LORO POSSONO, non sono secondi neppure a dio) - usufruisco, per conto del Comune di Gela (sindaco Angelo Fasulo in quota PD), di una "Borsa Lavoro-Progetto Individualizzato" che mi porta a spendere 80 ore di lavoro mensili per una paga, tenetevi ben forte e zavorratevi più che potete, di ben 410 euro e BASTA!. Un rapporto di lavoro atipico il mio, prendere così com'è o lasciare, (non sono il solo e quanti siamo "miracolati" da tanta "attenzione" destiamo "invidia" agli stomaci vuoti e urlanti di diecine di migliaia di nostri simili a cui non è dato boccheggiare neanche con questa.....RIDUZIONE in SCHIAVITU'!!!). KUNTA KINTE è il mio, marchiato col fuoco, nuovo nome e cognome. Se qualche FESSO (Libero Pensiero è la casa di quanti sanno che l'arma più potente è la conoscenza) pensa che esagero o mi discosti dall'oggettività dell'esistente non ha che da chiedere lumi all'Assessorato Servizi Sociali di Gela o al Sindaco sopra citato. Ovvio se la COSA LORO si dovesse discostare, anche di una sola virgola, con quanto asserito......ho prove oggettive=documenti protocollati e ufficiali del comune suddetto e dell'ente di Pubblica Utilità ove svolgo la mia attività lavorativa per smentire chicchessia. Foà aveva, ha e avrà ragione nello scrivere sulla inesistenza della democrazia sino a quando la classe che lavora e produce non si riapproprierà di tutti gli strumenti di gestione della dignità di una vita che valga veramente la gioia di essere vissuta, che un pugno di Kriminali, da sempre, usa a suo abuso e capriccio. Una pioggia di polvere di stelle illumini la vita e le azioni di tutte le donne e gli uomini di buona volontà. Lillo, cittadino dell'Universo.

    RispondiElimina
  13. Nuove facce vecchie politiche. Non vi e' nemmeno il pensiero in tutto il bla-bla di Renzi di una ristrutturazione dello stato in direzione almeno di diminuire le tasse e dare un po' di efficenza a questo cottolengo, bisogno ormai ineluttabile delle classi produttrici; parlare poi di democrazia diretta fa sorridere. Chiunque avesse questo pensiero per prima cosa farebbe passare una
    legge sul reddito garantito. Cosa che lui odia.
    Il suo incarico specifico e' quello di mantenere il piu' a lungo
    le necessarie clientele per la continuazione dello status quo.
    Quale miglior alleato e maestro che il signor Berlusconi. Berlusconi per 20 anni ha rappresentato la parte di quello che avrebbe cambiato tutto e allo stesso tempo garantito alle vecchie classi la continuita'.
    Ci e' riuscito splendidamente aumentando i posti a tavola. In fondo
    questo uomo era una magnifica soluzione. Ripristinarla non sarebbe
    male dice il bambino Renzi. Se no come faccio?
    Inaffidabile? Inaffidabile a chi? Perche' forse Grillo e' fidabile secondo i loro cannoni? Le pensioni minime sono state aumentate di 7 o 8 Euro, loro se mai se le fossero diminuite se le sono subito aumentate aumentandosi i loro stipendi. Loro possono. Presente del verbo potere.
    Loro non amministrano un paese. Politicamente pensano solo a come vincere un'altra elezione che si fara' quando e come andra' bene a loro. E il luogo della discussione non e' il Parlamento, se mai lo sia stato. Altrove si discute di come conservare le proprie clientele e di come garantirsi una maggioranza che dia una parvenza di democrazia a cio' che non e' ormai altro che la struttura di queste clientele.
    Imbrigliate dentro il parlamento le opposizioni si stanno facendo
    massacrare. Incapaci di creare contro potere verrano trattate
    di conseguenza. Forse sarebbe ora di pensare di uscire dal loro
    gioco, uscire dal loro vuoto parlamentino. Isolarli, conquistare
    l'Europa, pensando a un nuovo modello amministrativo e poi dall'alto
    tirare sberle a questi signori che ora si divertono a darci buffetti sulle guance.

    RispondiElimina
  14. Volete un altro dato oggettivo? Il pd ha preso 10 milioni di voti. Pensate che questo sia imputabile ai media di regime che manipolano le informazioni e rimbecilliscono le persone? Niente affatto, perché ci sono altre 9 milioni di persone che hanno votato per il M5S. E' evidente ed "oggettivo" che volendo ci si può sottrarre dall'influenza venefica dei mass-media. Allora perché quei 10 milioni di voti? Vogliamo finirla di continuare inutilmente a sparare sulla casta e cominciare ad attribuire le vere responsabilità di questo sfascio? CHI VOTA IL PD? E PERCHE LO FA? E' TANTO DIFFICILE DA CAPIRE?
    stefano

    RispondiElimina
  15. italia: un paese di poeti, santi, navigatori e attori

    RispondiElimina