giovedì 14 marzo 2013

Un rivoluzionario? Un santo? Un doppiogiochista che ha appoggiato i criminali? E gli argentini che cosa pensano?



di Sergio Di Cori Modigliani



Per la prima volta nella Storia è stato eletto Papa un cittadino dell’America Latina. E’ una grande gioia per ogni sudamericano. Noi non possiamo che benedire questa scelta e augurargli buona fortuna e buon lavoro con tutto il nostro cuore. Auguriamo a Papa Francesco che possa trionfare nella sua missione spirituale e che possa portare, a nome di tutti noi, il nostro messaggio alle grandi potenze oligarchiche, agli enti deputati, ai colossi finanziari, alle banche internazionali, affinchè li possa convincere a gettare un’occhiata alla gente che soffre nel disagio sociale, per riagguantare il proprio diritto alla dignità come persone. Confidiamo in questa missione pastorale per aprire un dialogo di fratellanza e solidarietà tra i popoli, le nazioni, le etnie, le religioni, nessuno escluso e per nessun motivo. Con l’augurio sincero che finalmente le cause giuste dell’umanità trionfino e si affermino in questa martoriata e benedetta terra che noi chiamiamo il nostro pianeta. Che Dio lo benedica”.
                                                            Cristina Kirchner, Buenos Aires 13 marzo 2013, 17.30 ora locale.
Basterebbe questo estratto del discorso della presidenta della Repubblica Argentina, Cristina Kirchner, dedicato al suo conterraneo, per chiarire –con i fatti- quale sia la posizione politica attuale dei sudamericani, rispetto all’elezione del papa. Mezz’ora dopo questo discorso, tutte le repubbliche sudamericane si sono associate dichiarando che la Kirchner aveva parlato a nome di tutti.
Mi dispiace per i complottisti che oggi, con la consueta imbecillità che contraddistingue i sempliciotti dal palato facile, spiegavano in rete che il nuovo papa è considerato in Argentina un nemico del fronte popolare della sinistra sindacale che guida il governo argentino, e che lui e la Kirchner si odiano.
In rete, infatti, oggi, si legge di tutto.
In meno di 24 ore, il Papa è già diventato un santo, un mascalzone, un torturatore al soldo di Videla, un rivoluzionario, un impiegato della Cia, un rappresentante delle multinazionali, a seconda dei siti che uno legge o del tipo di amicizie che ha su facebook.
Sulla rete si legge di tutto. Ed è anche normale, perché la rete parla di tutto e alla fine prevale chi urla di più e chi è posizionato meglio nei motori di ricerca.
Sarebbe accaduto la stessa cosa, identica, per qualunque altro papa. Se fosse stato eletto Sean O’Malley, mezz’ora dopo avremmo avuto l’elenco (con notevole documentazione fotografica) dei suoi svariati incontri con i rappresentanti del gruppo Sein Feinn a Chicago e forse qualcuno avrebbe anche titolato “un terrorista sul trono di Pietro”. Se invece fosse diventato papa Scola, tutti si sarebbero gettati a raccontare i suoi rapporti con Formigoni fin nei minimi particolari, e se invece fosse stato eletto il cardinale Pulijc, allora sarebbero venute fuori le collusioni tra la chiesa cattolica yugoslava e il maresciallo Tito, essendo stato il cardinale un amico personale del leader comunista, con il quale amava giocare a carte ogni tanto nei week end. Nella rete sono sempre pronti file e dossier su chicchessia, perché è possibile dire qualunque cosa su chiunque.
Il mio proposito, oggi, consiste nel fornire il mio contributo di interpretazione di questa elezione, soprattutto per il fatto che si riferisce a una persona, una società e una nazione che conosco abbastanza bene, essendo la mia nazione di nascita e di provenienza, e avendo visto e toccato con mano che cosa il cardinale Bergoglio ha fatto (e non ha fatto) in Argentina tra il 2007 e il 2010, nei tre anni in cui sono tornato a vivere a Buenos Aires.
Tra i post che ho letto in rete, ne ho selezionato uno che ritengo elegante e ponderato. Nel presentare la figura di Bergoglio, l’autore, il prof. Andrea Velardi, racconta di come l’attuale Papa fu coinvolto, trent’anni fa, nella perfida e assassina dittatura militare, spiegando come andrebbe letta quella vicenda. Mi è sembrata un’ottima sintesi di una persona intelligente che ragiona, elabora e pondera. Non a caso è un filosofo.


IL PAPA DEI POVERI E LA DITTATURA ARGENTINA 

di
Andrea Velardi
Dopo il primo entusiasmo per la elezione al papato del primo latino-americano, del primo gesuita e del primo papa con il nome del santo più rivoluzionario della storia della Chiesa, abbiamo dovuto subito distogliere lo sguardo dai simboli e fare i conti con la biografia concreta del Cardinale Jorge Mario Bergoglio. E proprio la sua provenienza storico-geografica ha messo tutti in allarme. E’ infatti un argentino, figlio di una terra attraversata dalle tragedie collettive e dalle crisi epocali del secolo scorso. Tra tutti: il martirio cruento dei Desaparecidos. Sequestri notturni senza testimoni. Sparizioni improvvise e forzate. Detenzione nei campi di concentramento. Torture. Morte. Ma non solo. Con una crudeltà senza pari i corpi venivano consegnati all’oblio, occultati in fosse comuni o buttati dai voli della morte nell’Oceano Atlantico o nel Rio de la Plata. A ricostruire questi fatti, citando anche Bergoglio, è il grande giornalista Francesco Horacio Verbitsky, esponente di spicco del “Movimento argentino in difesa dei diritti umani”, collaboratore del New York Times e del Wall Street Journal, docente alla Fundación para un Nuevo Periodismo Iberoamericano, fondata da Gabriel García Márquez. Costretto all'esilio in Perù da José López Rega, membro della P2, personaggio efferato e doppio, soprannominato Lo Stregone per la sua passione per l’esoterismo, fondatore della Alianza Anticomunista Argentina, il quale nel 1973 organizza il famoso Massacro di Ezeiza dove vengono uccisi i sostenitori della sinistra di Perón e viene aperto un insanabile fossato tra la destra e la sinistra argentina.  Con il suo libro Il volo. Le rivelazioni di un militare pentito sulla fine dei desaparecidos, pubblicato in Italia da Feltrinelli, Horacio Verbitsky ha permesso la condanna del militare Adolfo Scilingo Ha inoltre scritto un libro pieno di documentazione che dimostra l'irenismo della Chiesa argentina in merito alla dittatura dei generali guidati da Jorge Rosario Videla. Non è tanto Doppio Gioco, ma El silencio tradotto in italiano da Fandango col titolo: L'isola del silenzio. Il ruolo della Chiesa nella dittatura argentina. E’ in questo libro che Verbitsky cita Bergoglio ed è, in nome di queste accuse, che «Il Manifesto» ha accolto l’elezione del cardinale argentino con il titolo lapidario: “Non è Francesco".  Io non nego affatto che ci siano stati errori di giudizio e prospettiva, attendismo e reticenza diplomatiche da valutare con attenzione (chi non ne ha mai fatti in vita sua? io tanti e la psicologia serve forse per comprenderli o no? e anche riconoscerli però!). Ma tra errore e connivenza o complicità c’è un abisso. Verbitsky parla soprattutto del nunzio apostolico Pio Laghi, veramente discutibile in molte sue azioni. Sulla deposizione di Bergoglio al processo ESMA dove Bergoglio venne citato per la sparizione di due sacerdoti Verbistky dice: «En la audiencia negó algunos hechos que tengo claramente documentados». Bergoglio disse di avere informato il suo superiore a Roma rispetto al sequestro dei due preti Orlando Yorio and Francisco Jalics. Verbistky riferisce dell'esistenza del documento che attesta che Bergoglio lasciò al loro destino i preti accusandoli di essere legati alla sovversione e facendo mancare così la protezione istituzionale dei gesuiti, lasciando indirettamente la mano libera al regime militare. I due preti rapiti nel maggio da una nave militare furono ritrovati cinque mesi più tardi impasticcati e seminudi in un campo. E questo per l'opera silenziosa di Bergoglio che, resosi conto della tremenda situazione derivata dal cinismo delle procedure canoniche e dalla efferatezza dell'azione dei generali, si mosse segretamente per riportare quei preti a casa, sani e salvi. Nel 2005 Bergoglio è stato accusato di un non specificato coinvolgimento in questi sequestri di persona. Il governo militare avrebbe incarcerato in segreto Yorio and Jalics per l'opera che svolgevano nei confronti dei poveri. Bergoglio li aveva invitati a rinunciare di fare visita ai bassifondi e davanti al loro rifiuto ritirò la protezione ufficiale dell'ordine gesuita al loro operato in quanto sacerdoti appartenenti all'ordine gesuita cosa che costituì la premessa per la loro cattura dei due preti. Ma ci si dimentica che Bergoglio (esagerando certamente e non consapevole pienamente delle conseguenze) una volta saputo del rapimento svolse una "azione straordinaria dietro le quinte per la loro salvezza arrivando perfino a chiedere al prete della famiglia del dittatore Jorge Videla di darsi malato così da potere dire lui stesso la Messa nella casa del leader della giunta militare, dove Bergoglio in privato, ma con forza chiese ed ottenne un atto di pietà al Dittatore.
Il suo intervento salvò le vite dei due preti ed è da considerarsi come un azione dell'uomo Bergoglio che comprese la gravità della situazione e le indesiderabili conseguenze umane della sua decisione ecclesiastica (cfr. il libro intervista con Rubin del 2010). Nello stesso anno del libro Bergoglio testimonia sull'argomento scottante dopo essersi rifiutato (sbagliando secondo me!) di comparire davanti alla corte in udienza pubblica.   Il giudice Myriam Bregman ha considerato le sue risposte evasive. Ma questa evasività sembra essere più frutto di una ragione di segretezza della sua azione contraria al regime, che non di connivenza. Insomma l'idea che mi faccio è quella di un prete, Bergoglio appunto, affatto connivente o complice del regime, che si barcamena in quel contesto inquietante e spinoso, commettendo errori di prospettiva dovuti al suo ruolo di superiore gesuita, al suo status di prete e alla sua formazione. Errori che però non hanno impedito che avesse la meglio sul suo operato la componente fortemente umana e filantropica della sua persona e della sua appartenenza alla Chiesa. Insomma io propenderei per il rispetto della complessità della biografia riconoscendo il dovere di una maggiore contestualizzazione storiografica. Da studioso non amo la semplificazione. Anche se, a maggior ragione, non amo nascondere gli errori di nessuno. Nemmeno quelli di un Papa.

Il martoriato continente sudamericano, fin dalla sua nascita (come America, ovvero da 500 anni) è sempre stato al centro delle dinamiche politiche internazionali che vedevano nella Chiesa di Roma il loro punto d’incontro, soprattutto la Compagnia di Gesù, essendo stati i gesuiti l’ordine ecclesiastico principale che ha gestito dalle origini, per ordine dei castigliani, il processo di evangelizzazione e di colonizzazione. La Chiesa ha scelto di macchiarsi di atroci delitti, complice per tutto il ‘500 e il ‘600 dello sterminio di massa di moltitudini inermi attuato da noi europei, in cambio della gestione religiosa dei sopravvissuti. I primi a denunciare la follia di quel periodo, l’enorme ferita e lacerazione prodotta nei secoli dalla memoria storica, furono i martiri del ‘900, i cosiddetti “teologi della liberazione”, in gran parte gesuiti, nobili anime che negli anni’60 si schierarono apertamente a fianco della popolazione locale maggiormente sfruttata, per contrastare la delittuosa avanzata delle multinazionali americane che stavano espoliando l’intero continente delle sue risorse locali. A metà degli anni ’70, irrompe sulla scena pubblica un cardinale italiano, Carlo Maria Martini, divenuto poi arcivescovo di Milano, un grande massone progressista, un illuminato teologo che divenne il punto di riferimento della dottrina sociale più avanzata in Europa, dando vita alla grande stagione di quella che in Italia venne chiamata “la primavera dei cattolici del dissenso”, un’onda di pensiero che portò lo stesso Martini a riconoscere le tragiche colpe della Chiesa nella colonizzazione forzata, spingendo i cattolici italiani verso un’acquisizione di responsabilità civiche e collettive che poi portarono –come impatto politico- alla sconfitta dell’ala più retriva della Democrazia Cristiana e all’elezione di Benigno Zaccagnini come segretario del partito. Ma allora c’era la guerra fredda e la Chiesa venne contaminata in un processo di mondanizzazione interno, da una parte l’ala sinistra gesuita legata alla liberazione e dall’altra l’ala destra legata alle necessità imperialiste statunitensi in funzione anti-sovietica. Il cardinale Martini fu il primo ad avvertire la tragedia che incombeva, dichiarando che la Chiesa aveva 200 anni di ritardo e correva il rischio di soccombere nel suo afflato spirituale, negando a se stessa l’accesso alla modernità e quindi perdendo il contatto con la realtà dei popoli. Martini definì nel 1978 l’elezione di papa Luciani “il più bel dono che lo Spirito Santo potesse fare ai popoli di questa Terra” pensando che la Chiesa si sarebbe inerpicata verso un nuovo percorso di spiritualità collettiva ritrovata, coniugando la sintesi tra la dottrina sociale e quella spirituale. Ma il suo pontificato durò appena quaranta giorni. Vinse, allora, la necessità bellica della guerra fredda. Venne eletto papa un grande e indomito guerriero, Karol Woytyla, l’uomo giusto per combattere il comunismo. Non appena insediatosi, il nuovo papa investì tutte le proprie energie per combattere sotterraneamente contro i gesuiti, considerati allora l’ala sinistra sociale della Chiesa, soprattutto in America Latina, riuscendo nella sua impresa. Sorretti da tale furibondo appoggio, le multinazionali americane e i colossi finanziari inventarono l’accoppiata Reagan-Bush, responsabile della risposta militare imperiale in tutto il continente americano, dove centinaia e centinaia di gesuiti vennero uccisi –molti a sangue freddo- finchè non riuscirono a silenziarli, riducendoli a una minoranza priva di potere politico all’interno della Chiesa. Iniziò il periodo più buio e fosco della Chiesa di Roma, dove il trono di San Pietro si macchiò della più criminale complicità sostenendo e appoggiando le dittature militari in tutto il continente sudamericano, mentre a Roma, il papa decideva di affidare il controllo dello Ior a un uomo della Cia che a Chicago gestiva i rapporti con le organizzazioni mafiose, sia quella siciliana sia quella irlandese, il cardinale Marcinkus. Quando Woytyla morì nel 2005, la Chiesa –come istituzione spirituale- era al collasso. Il prezzo per vincere la guerra contro il comunismo aveva comportato la fine totale di ogni funzione spirituale, di ogni riferimento evangelico, che aveva dato vita –ad esempio in Italia- alla stagione del berlusconismo formigoniano e in Usa all’accordo di ferro tra la Chiesa e i petrolieri texani. Nel 2000, Bush riesce ad ottenere il 90% dei voti cattolici. Quando si apre il conclave, nel 2005, i cardinali sono consapevoli della situazione. E’ il momento più basso, meno spirituale e meno nobile, mai raggiunto dalla Chiesa di Roma. Nasce una fronda interna molto forte (sostenuta con forza e vigoria proprio dal cardinale Martini) che spinge per eleggere Bergoglio al trono pontificio. Ma i tempi non lo consentono e lo stesso Bergoglio fa campagna elettorale presso i cardinali per convincerli a non votare per lui scegliendo, invece, un papa di transizione, in attesa dei tempi giusti. Serve un grande teologo, in grado di dare uno scossone poderoso all’interno dell’edificio ecclesiastico, per rimediare –se è possibile- ai nefasti guai della mondanizzazione finanziaria e della perdita di valore etico e spirituale. E’ necessaria una figura che riporti l’evangelizzazione e la teologia al centro degli interessi della Chiesa, sottraendola alla politica e alla mondanità, pena la sua scomparsa dal pianeta. Accorti vaticanisti sostengono che già da allora ci sia stato un accordo per affidare a Ratzinger un transito momentaneo in attesa di dare il via libera a Bergoglio. Tant’è vero che la sua elezione, ieri, è stata per tutti la conferma di una chiara scelta operata nel 2005, e per chiunque conosca l’autentico teatro geo-politico sarebbe stata una grande sorpresa se lui non fosse stato eletto. Non appena Ratzinger viene eletto, Bergoglio lascia Roma e ritorna in Sudamerica dove inizia a cercare di ricomporre e ricompattare la Compagnia di Gesù, ormai scomparsa dalla curia romana dove è stata soppiantata dall’Opus Dei e dai sostenitori della presenza vaticanense nel mondo finanziario internazionale. E nel 2007 avviene il primo episodio che annuncia la trasformazione operativa della Chiesa. Vince le elezioni in Ecuador Rafael Correa, un politico locale progressista, fervente e devoto cattolico, molto vicino ai gesuiti sudamericani, quasi clandestini ormai nella loro presenza sociale pubblica. Correa, dieci giorni dopo essere stato eletto, va a Buenos Aires dove si incontra con Bergoglio, ottenendo da lui un via libera per la sua avventura che, in quel momento, sembrava folle. Non appena insediato, il presidente ecuadoregno, come primo atto politico invia una lettera a Roma al papa, confermando la sua obbedienza ma allo stesso tempo comunicandogli di aver rigettato tutte le credenziali dei nuovi ambasciatori del Vaticano. Si apre un piccolo caso (allora nessuno ne parlò) risolto a favore dell’Ecuador, considerata in quel momento una piccola e irrilevante repubblica delle banane. E a Quito, per la prima volta dopo trent’anni, ritornano in auge i gesuiti. Un mese dopo la sua elezione, Correa annuncia ufficialmente “la protesta del debito pubblico” richiamandosi al concetto di “debito immorale” fatto applicare dagli Usa due anni prima in Iraq. Fa arrestare sedici presidenti di banche, i proprietari dei tre networks locali, i dirigenti delle multinazionali statunitensi, e li manda sotto processo e poi in galera. L’Ecuador viene denunciato dal Fondo Monetario Internazionale e cancellato dall’elenco di stati che possono usufruire di credito, ma il paese riesce a ottenere finanziamenti a tasso zero da Venezuela, Brasile, Argentina, Uruguay. E inizia il braccio di ferro tra il Sudamerica da una parte e la Banca Mondiale, la BCE e il Fondo Monetario Internazionale dall’altra.  Un anno dopo esplode la bolla dei mutui immobiliari in Usa, con il fallimento della Lehman Brothers e ha inizio la crisi economica occidentale. Il 10 aprile del 2009, le borse mondiali toccano i minimi storici. E il Fondo Monetario Internazionale va all’attacco del Sudamerica con il dichiarato obiettivo di far pagare alle più ricche nazioni di quel continente il prezzo dei debiti delle banche europee e statunitensi. Ma trova un totale e inatteso sbarramento. I nove mesi tra giugno del 2009 e aprile del 2010 vedono un gigantesco braccio di ferro tra le nazioni sudamericane e il Fondo Monetario. Tutte le nazioni bocciano le disposizioni e gli ordini ricevuti rispedendole al mittente. E lì Bregoglio svolge un ruolo importante. E’ il momento in cui in Argentina Nestor Kirchner sta accelerando la politica dei diritti civili e la propria lotta contro la finanza internazionale. Si apre a Buenos Aires il “caso Bregoglio” a proposito dell’appoggio dato dalla Chiesa alla dittatura militare degli anni’70. Sono mesi interessantissimi, di enorme dibattito pubblico, di confronto, di confessioni, di lacerazioni, di notizie sulle lotte interne nel Vaticano tra i gesuiti e l’Opus Dei, tra francescani e domenicani, tra mondanisti politicizzati e spiritualisti sociali. In Italia, che io sappia, non è stata data nessuna notizia, nessuna informazione, nessun ragguaglio sugli eventi di quei mesi infiammati. La Chiesa è messa sotto accusa pubblicamente e Nestor Kirchner si scontra frontalmente. Ma prevale la linea della moglie Cristina che avvia una complessa e vincente trattativa “sindacale” (dopotutto ha alle spalle 25 anni di esperienza nel settore) che frutterà una ritrovata pace sociale e l’appoggio della Chiesa alla nuova politica sociale keynesiana dell’ala sinistra peronista al governo. Bregoglio si mette a disposizione del nuovo governo argentino e denuncia “l’immoralità delle richieste delle grandi potenze nei confronti di nazioni debitrici senza prendere in considerazione l’esistenza delle persone e la sofferenza dei ceti disagiati più deboli e fragili”. Viene richiamato “ufficialmente” dalla curia romana per i suoi interventi, ma Ratzinger intercede per lui, convincendolo a esimersi dal fare ogni dichiarazione pubblica, ma di fatto lo sostiene. I cattolici argentini spiegano che la vera figura di Bregoglio contiene una “doppia faccia”; conservatore per tutto ciò che riguarda la dottrina della Chiesa e le questioni spirituali teologiche, ma progressista per tutto ciò che riguarda le questioni sociali ed economiche. Un compromesso che piace e che risulta vincente.
Bregoglio ottiene consensi da Lula e da Chavez e la Chiesa, in Sudamerica, lentamente ritorna ad essere un punto di incontro e di conforto come comunità sociale di riferimento al servizio della collettività. Abilissimo stratega, riesce a sottrarsi all’attacco delle oligarchie argentine del privilegio, e fa diverse dichiarazioni pubbliche contro l’aborto e contro i matrimoni gay che infiammano i conservatori argentini; ma allo stesso tempo non smette di denunciare le politiche del Fondo Monetario Internazionale e dcihiara il suo incondizionato sostegno alla Kirchner, a Chavez, a Lula, a Mujica in Uruguay, a Correa in Ecuador.
Queste sono le ragioni e i motivi per cui in Sudamerica oggi festeggiano.
Molti, in quella parte del mondo, dai Caraibi fino al Polo Sud sono consapevoli di stare in guerra contro il resto del pianeta. Molti sono consapevoli di essere in guerra contro la Banca Mondiale, contro il Fondo Monetario Internazionale, contro la BCE, contro i colossi della finanza. Soprattutto contro la Cina, grande nemico comune che l’intero Sudamerica combatte insieme alla Chiesa.
Questo è il senso del plauso da parte della Kirchner, grande combattente impeccabile per i diritti civili, vera avanguardia civica contro ogni forma di colonizzazione e di dittatura finanziaria. E’ stata lei a volere fortemente i processi contro i militari criminali. E non è certo una donna incline a compromessi ipocriti. In Argentina, presso molti circoli accreditati, si arriva addirittura al punto di sospettare che dalla curia romana, nel 2009, sia partita una bella campagna di delegittimazione di Bergoglio al fine di spingerlo alle dimissioni per sostituirlo con persona più gradita al Fondo Monetario Internazionale.
Una cosa è certa. E su questo, non vi è alcun dubbio.
Da oggi, Mario Draghi, Christine Lagarde, Mario Monti, Angela Merkel, Barroso, Van Rompuy, Rajoy e compagnia cantante, non  andranno più a letto tranquilli e così certi che la loro linea economico-sociale passerà comunque.
All’attuale Papa Francesco  la linea friedmaniana iper-liberista non piace affatto.
Questo è poco ma è sicuro.
E per noi, in questo momento, penso che sia la più bella notizia che potessimo ricevere.



P.S.
Ecco un link interessante; è un blogger argentino, che fa parte di un gruppo che si definisce “sinistra razionale”. Lui si chiama Gerardo Fernandez. Tanto per spiegare che umore tira a Buenos Aires e come la sinistra dei diritti civili vede questa elezione. Il link è: http://tirandoalmedio.blogspot.com.ar .
Il titolo del blog è : “Tirando al medio”. Il titolo dell’articolo pubblicato oggi è: “Es lògico que Bergoglio sea Papa”. 

27 commenti:

  1. Direi che il suo post di stasera mi riempe di gioia e speranza per il futuro, l'elezione di qust'uomo è di gran lunga la cosa più "rivoluzionaria" che la chiesa potesse in questo momento fare. Come le scrissi ieri sera di primo acchito mi sembrava una buona notizia, ora con qualche informazione in più ( come al solito lei è chiaro, di ampie vedute, colto ed esaustivo ) mi pare meravigliosa. Tra l'altro, non vorrei sembrarle veniale, ma in questo attuale quadretto geopolitico "vicino" a papa Francesco avremmo uno Ior, di cui ricordo che in tempi recenti lei scrisse una frase il cui incipit faceva più o meno così : "basterebbe una telefonata.." Voglio quindi solo sperare che il suo pontificato duri abbastanza e pensando a papa Luciani già temo. Per concludere credo proprio noi si stia vivendo un momento storico cruciale; siamo fortunati ad essere qui ora, consapevolmente. Grazie ancora del suo post e buona notte signor Sergio. Guido Allievi

    RispondiElimina
  2. Fabio Gianello14 marzo 2013 23:25

    Mi unisco ai ringraziamenti: articolo interessantissimo, e che dà da pensare.

    Anche sull'approccio alle notizie che abbiamo tutti, in questo periodo di scarsa fiducia collettiva.

    RispondiElimina
  3. Sergio,grazie ancora per le illuminanti riflessioni sul nuovo papa,che mi auguro,per il bene di tutti,abbia e riesca a fare il ""miracolo"""......

    Mi sono deciso a scriverti,perchè sono indignato e sconcertato,dalle notizie di questa mattina sulla possibilità di un governo di larghe intese,cioè una indecente ammucchiata di tutti i partiti ,con esclusione del Movimento 5 Stelle,sotto la regia dell'amico intimo del re dei pagliacci,nientepopodimeno che :D'Alema.


    L'indecenza supera sè stessa,spinta dal terrore che un manipolo di cittadini onesti possa scoprire il coperchio della loro pentola di indicibili,incofessabili,impensabili,intrallazzi operati ""ope legis"".

    Stiamo a vedere a che livelli sale il termometro dello schifo,con l'escusatio,della impellente necessità di dare comunque un governo al paese.....ed altre amenità dall'apparenza seria!!

    Poi,Sergio,ho accidentalmente ascoltato il fantozziano dibattito,su rainews24 di questa notte,tra il giornalista di turno con un giornalista mi sembra del Il fatto quotidiano,che ha scritto addirittura un libro su quello che c'è dietro Beppe Grillo,Casaleggio.L'illuminato giornalista si poneva domande veramente intelligentissime del tipo:
    ""perchè i grillini,(concediamolo per brevità giornalistica o evidenziamo il solito subdolo sistema di distorcere quando non peggio...)non ci fanno partecipare alle loro riunioni......
    perchè non ci concedono di entrare con una webcam nella Casaleggio a registrare.....i processi di formazione degli indirizzi mediatici....
    All'apparenza richieste condivisibili....specie alla luce di una presunta imbecillità del popolo che crede che è nelle riunioni pubbliche che si forma il profilo operativo di un partito,piuttosto che di un movimento,pittosto che di una azienda .

    Cosicchè partendo da un presupposto subdolamente falso,lo pseudo scrittore intende sostenere che il Movimento 5 Stelle non rappresenta altro che un finto movimento di democrazia condivisa,appalesandosi ai suoi occhi (io sostengo,miopi,presbiti,anastigmatici e affetti da glaucoma bilioso,ma soprattuto in consapevole malafede) come una struttura di potere verticale.

    La sconsolante conclusione è che se gli italiani,abbeverati alla tecnica del guardonismo,per credersi informati,acquisteranno una sola copia del sullodato libro,.....siamo messi veramente male.

    Il conforto sono i quasi 9milioni di voti che il Movimento ha già conquistato dagli italiani onesti,di buon senso e consapevoli ,che diventeranno 18 milioni alle prossime elezioni.

    Ci risentiamo.

    RispondiElimina
  4. Grazie, caro Sergio per questa panoramica di informazioni utilissime e preziose! Continuo a rimanere impressionato dalla tua capacità di analisi e sintesi nell'illustrazione di fatti storici complessi. Le tue interpretazioni sono per me davvero un faro mentre navigo nel buio o quasi. Troppi hanno spento le luci: giornalisti, politici, fanatici, religiosi ecc. Quindi non ci resta che osservare 'le stelle' per orientarci... E io ne conto più di cinque... ;-) Walter

    RispondiElimina
  5. Caro Sergio,

    non trovi preoccupanti queste dichiarazioni del 2007 rilasciate commentando la candidatura alle presidenziali argentine di Cristina Kirchner:

    "Le donne sono naturalmente inadatte per compiti politici. L'ordine naturale ed i fatti ci insegnano che l'uomo è un uomo politico per eccellenza, le Scritture ci mostrano che le donne da sempre supportano il pensare e il creare dell'uomo, ma niente più di questo. Abbiamo avuto una donna come presidente della nazione e tutti sappiamo cosa è successo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le troverei preoccupanti se fossero vere. La fonte? (Yahoo answers non vale)

      Elimina
  6. Io preferisco non focalizzarmi sul passato di un uomo, nemmeno su quello che dice. Voglio vedere i fatti e solo allora potro´ capire chi ho difronte. Purtroppo fin´ora quello che i miei giovani occhi hanno visto riguardo alla chiesa cattolica non e´ un esempio. Il nuovo papa ha scelto il nome del Grandissimo S. Francesco e spero che sia all´altezza di tale nome. E per fatti intendo: una chiesa caritatevole, equa, senza ostentazioni, umile, senza interessi economici, fraterna, chiara, rispettosa dei diritti di tutti senza distinzione di alcun tipo, consapevole dei suoi limiti e errori, che non si arroghi il diritto di essere l`unica e vera parola di Dio, tollerante, non gerarchica, non maschilista, che metta all´opera quello che predica insomma. Un caro saluto

    RispondiElimina
  7. ...Dimenticavo, io reputo la Sig.ra Kirchner molto intelligente e quello che ha scritto dimostra che il suo scopo, al di la´ del passato e di polemiche riguardo a Bergoglio, sia il bene di tutti. E´ lungimirante e veramente credente, e non a caso ha inserito nell´augurio il punto fondamentale verso il quale tutto il mondo deve combattere e aprire gli occhi: gli interessi economici di pochi sopra la vita delle persone.

    RispondiElimina
  8. Caro Sergio il tuo Post ha ridato, penso, a buona parte di coloro che ti seguono, una speranza di cambiamento me compreso. Poi ho letto questo: http://lospecchiodelpensiero.wordpress.com/2013/03/14/habemus-papam-i-gesuiti-al-potere/ che mi ha riportato alla realtà!!! Come lo giudichi??? Comunque grazie per il tuo lavoro. Bisio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non facciamoci troppe seghe mentali. già il fatto di avere un papa che mostra evidenti segni di indifferenza verso i clichè istituzionali e un nutrito gruppo di giovani appollaiati sugli ultimi scanni del palamento, dovrebbe farci esultare di gioia!
      Dimenticavo: ho finito gli aggettivi per lodarti Sergio, ma tu continua a scrivere, ti riesce troppo bene!

      Elimina
    2. Non è una questione di seghe mentali. Mi pare che il post segnalato afferma cose diametralmente opposte rispetto a quelle dette da Sergio!! Lui che ha da dire?? mi piacerebbe un suo commento, se lo ritiene utile, tutto qua.

      Elimina
  9. Grazie Sergio, non sono un dietrologo; tuttavia penso che le notizie su Bergoglio, fatte uscire da sinistra, ma riprese con improntitudine dal mainstream nostrano non siano neutre ma volute proprio da quelle centrali economiche che contrastano il nuovo corso nel continente latino-americano. Grazie ancora, concordo altresì che Francesco sarà un dottrinario nella morale come sanno essere però gli austeri conservatori, ma rivoluzionario nel contempo con l'esempio e la difesa degli umili.

    RispondiElimina
  10. Questo articolo mi è piaciuto molto, lo attendevo; soprattutto mi ha fatto bene allo spirito poichè oggi ho fatto una scorpacciata di letture, non tutte“mainstream” e non certo rinfrancanti, con opinioni varie e spesso controverse, per esempio sui rapporti con la dittatura, con i Kirchner, sulle posizioni di destra e progressiste, oppure conservatrici e di austerità, di collaborazione integrazionista con i presidenti dell’Unione che proprio conservatori e di destra non sono.
    Non ho ben capito tuttora come stiano le cose.

    L’altra sera seguivo in diretta TV l’elezione del papa per la curiosità e la passione con cui seguo questo momento storico e politico; all’annuncio del papa argentino mi è uscito un urlo “e vaaai…” per l’interesse che nutro per la storia più recente del Sud-America ma anche per i significati e i risvolti che ciò poteva avere.
    Io penso che ci sarà del vero, un po’di tutto, in questo calderone di opinioni e testimonianze, ma soprattutto penso che questo papa, di grande personalità, abbia una storia di uomo libero e di vocazione incondizionata.
    Mi interessa, personalmente, ciò che questo papa porta con la sua vita, la cultura del popolo da cui origina, le sue esperienze e i suoi errori, ed è ciò che vedremo solo nell’opera e nei fatti molto presto.
    Non mi aspetto che celebri matrimoni gay, né che apra degli spacci di contraccettivi o faccia sposare i sacerdoti, non mi appassiona particolamente, ma mi piacerebbe che superasse l’ossessione della vita e dell’embrione che ha caratterizzata il messaggio della chiesa negli ultimi decenni come se non ci fosse altro, mi piacerebbe che modulasse i messaggi piuttosto sulla dignità della vita, mi piacerebbe che avvicinasse la Chiesa alla sofferenza e all’inquietudine dell’essere uomo in questa epoca, tema di interesse imprescindibile tanto dei credenti quanto dei non credenti, mi piacerebbe che fosse in grado di portare il messaggio evangelico in modo virale nella società, e soprattutto cominciasse una storica opera di pulizia, oralizzazione, reindirizzamento e spoliazione di potere politico nei ranghi ecclesiatici, l’unica cosa che ho capito farà di sicuro.
    Carmen

    RispondiElimina
  11. Anch'io la ringrazio per questo e tutti gli altri suoi articoli, che trovo sempre stimolanti perche' esprimono opinioni indipendenti (=libere).

    La prima bella notizia riguardo questo papa, qui, e' che la cosa non e' andata giu' molto bene a Cameron, per via di alcuni suoi vecchi commenti sulla questione Malvine (gli inglesi si ostinano a chiamarle Falklands...).

    Mi pare proprio un buon inizio!

    Alessandra

    RispondiElimina
  12. il fatto, caro Sergio DCM, è che quello di Papa è un mestiere di m...., e quindi ogni canaglia è adatto a farlo

    RispondiElimina
  13. Fabio C. La Spezia16 marzo 2013 01:11

    La frase riportata da Lei è semplicemente perfetta e sarà il metro con il quale si giudicheranno gli atti di questo Papa ma cosa ne pensa del fatto che non un solo media italiano (per quel che ne so io) ha riportato questa frase? Eppure la presidenta del paese di provenienza del Papa dovrebbe avere una certa eco...Chi è complottista dunque? una certa sinistra anticlericale che mette in cattiva luce il Papa o i media che oscurano uhna frase chiave sottoscritta a quanto dice Lei da tutto il sudamerica? Mi piacerebbe avere una sua risposta sul blog e anche sapere da dove ha estrapolato la frase (sul Web italia non sono riuscita a trovarla...)Grazie e a rileggerla
    Fabio C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si riferisce alla frase della Kirchner è stata riportata dall'emittente Rainews24 che ha mostrato nel corso della rubrica "decoder" l'intera conferenza stampa della presidenta argentina.

      Elimina
    2. Grazie, sono riuscito a vedere l'estratto video.
      Comunque un trattamento molto marginale, data l'importanza,non crede?
      Fabio C La Spezia

      Elimina
    3. Finalmente del vero giornalismo. Grazie!

      Elimina
  14. come commenta questo documento http://tiempo.infonews.com/notas/programa-del-cardenal-bergoglio

    RispondiElimina
  15. Un articolo equilibrato, comeequilibrato deve essere il nostro giudizio affinche' possaessere veramente oncreto e veritiero. Confesso di essere un pochino pendente tra quelli che descrivono con dietrologie piu' o meno veritiere un giudizio non positivo sul Papa Francesco, che forse si e' ispirato piu' a Francesco Aversio cofondatore dei gesuiti, che non a San Francesco. Tuttavia, vorrei sottolineare che la sua candidatura sembrerebbe certamente esser stata pilotata; cosi come le dimissioni di Ratzinger e gli scandali precedenti. E allora, mi domando, quanto ci sia di puro e nobile in un personaggio , che e' la pedina, anzi lo scacco , divenuto Re della scacchiera. Oppure le forze che hanno manovrato tutto cio' si sono poi servite di un pover uomo? Vedremo.

    RispondiElimina
  16. centinaia e centinai di gesuiti furono uccisi
    ma come fai ad invertarti simili corbellerie
    ma certo che hai una fantasia immensa ti aamiro per questo mescoli bush, la chiesa, i domenicani, i gesuiti
    hai vissuto in tanti posti diversi che ci sarebbero volute tre vite
    dopo tre post sul quarto sei capace di smentire quello che hai scritto nel primo
    e ci sono pure quelli che credono che tutto quello che scrivi è vero
    ragazzi non fatevi prendere in giro questo si inventa il novanta per cento di quello che scrive

    RispondiElimina
  17. Caro Sergio,
    perchè non legge questi messaggi e ci fa un analisi critica?

    http://messaggidagesucristo.wordpress.com/2013/03/16/14-marzo-2013-questo-gesto-nefando-durante-la-settimana-santa-sara-visto-da-coloro-che-tengono-gli-occhi-aperti/

    RispondiElimina
  18. salve Sergio
    ha visto come sul fatto del 15/3
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/15/papa-francesco-santa-sede-su-accuse-a-bergoglio-diffamazioni-da-sinistra-anticlericale/531617/

    sembrano dare una notizia diversa o decontestualizzata da come vede lei la questione
    grazie
    Tiziano

    RispondiElimina
  19. e come mai Giovanni Paolo secondo che e' stato qua descritto come un complice di assassinii di gesuiti e di connivenza con la mafia lo fanno santo? Non e' una vergogna?

    RispondiElimina
  20. L'articolo e' molto interessante. Scrivo pero' per fare due appunti. Al momento ho la fortuna di essere in Argentina. Cosa che mi da la possibiita' di seguire in modo molto calzante quanto avviene in questi giorni. Anzitutto non e' cosi' netta la posizione di rallegramento dei sudamericani su questa elezione. Oggi nel centro di Buenos Aires si alternavano schiere di manifesti che si felicitavano per questa elezione papale con altrettanti manifesti che sotto la foto di Bergoglio presentavano la scritta "Argentino y Peronista". Da queste parti l'attributo peronista e' da assimilarsi, con le dovute sfumature differenti, al nostro fascista.
    La seconda puntualizzazione riguarda l'entusiasmo con cui si tratteggia nell'articolo la figura di Cristina Kirchner. Cerco di sintetizzare al massimo la mia perplessita' a riguardo. La sinistra extra parlamentare e anche molta sinistra istituzionale prende le distanze in modo deciso dal suo operato, accusato di palesare evidenti tratti di populismo (parola che non amo assolutamente usare). Da osservatore esterno posso invece descrivere le mie esperiene personali. La tv pubblica trasmette, ad esempio, tutte le partite di calcio del campionato di serie A argentino. Un po' come Sky o Mediaset premium qui da noi. Nei tempi morti dell'inconntro qui in Italia siamo soliti vedere la pubblicita' dello sponsor di turno. Mercedes. Acqua Uliveto. Kinder. E cosi' via. Sulla tv pubblica argertina questi sono sostituiti con la scritta "futbol para todos" (calcio per tutti), seguita da un primo piano de La presidenta (la chiamano cosi') e da una grande scritta Tina (tutti la chiamano Cristina con il tono direttamente identificativo che in Italia ha il nome Silvio) che gradatamente si rimpicciolisce per essere affiancata da un'ulteriore scritta Argen (tina). Dopo tutto cio' compare una grande scritta "Presidencia de la Nacion". Il tutto avviene almeno ogni 5 minuti per l'intero incontro. E' evidente che si usino strumenti di propaganda molto simili sia a categorie politiche formalmente antitetiche sia alle multizionali. Il tutto va pensato in un paese in cui, ad esempio, l'istruzione e' completamente affidata al settore privato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Luca, non so che paese hai visto e dove vivi. Comunque sia -te lo dico con affetto- hai letto "da italiano" l'Argentina. La frase "Da queste parti l'attributo peronista e' da assimilarsi, con le dovute sfumature differenti, al nostro fascista" è davvero ridicola, oltre che fuorviante dal punto di vista storico. La sinistra argentina, anche se critica, è interamente peronista in funzione dello schieramento bellico contro il FMI, contro la Banca Mondiale e contro la BCE. Leggi il giornale "Pagina 12" e lo capirai. E' la destra oligarchica che si autodefinisce "moderati democratici" che accusa i peronisti di essere fascisti per cercare di convincere la sinistra a non appoggiarli più. Il gioco è sempre riuscito, fino al 2003. Dopodichè non ha più funzionato perchè all'interno del partito ha vinto la linea dei "montoneros" e quella dei sindacalisti.

      Elimina