martedì 5 novembre 2013

Deputato M5s denuncia il governo per "falso in atto pubblico". La Ue sbugiarda Letta, Alfano e Saccomanni.


di Sergio Di Cori Modigliani

Una valanga di stelle smaschera e sbugiarda il governo.
La commissione europea ha ritenuto validi i conti fatti dai deputati del Movimento a cinque stelle mentre ha ritenuto NON validi quelli presentati da Saccomanni e Letta.
Clamoroso ma vero.
La Commissione Europea ha negato la validità dei dati forniti dal governo italiano, ha dichiarato ufficialmente che il deficit è del 3,01% e non del 2,9%; ha ritenuto la manovra del governo "inadeguata" sostenendo di "essere molto preoccupati per la situazione italiana perchè il pil, il deficit, la disoccupazione, il lavoro, sono tutte armi contro l'Italia in questo momento".
La manovra del governo è stata bocciata da Bruxelles.
Non solo.
I deputati Alessio Villarosa e Roberta Lombardi, eletti nelle fila del M5s, hanno presentato al procuratore della Repubblica Giuseppe Pignatone una denuncia formale contro l'Istat per aver diffuso dati falsificati. La nota ufficiale diffusa dai parlamentari pentastellati racconta, infatti, “siamo stati ricevuti dal procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone, al quale abbiamo illustrato i fatti così come l’abbiamo ricostruiti. Si tratta di un presunto falso in atto pubblico: l’Istat ha trasmesso all’Unione europea lo scorso 30 settembre una nota d’aggiornamento sul rapporto deficit-Pil ritoccata al ribasso per evitare la procedura d’infrazione”.

I parlamentari di M5s, in linea con le normative europee, hanno preso atto dei fatti e si sono appellati al rispetto della Legge. Il procuratore della Repubblica non ha nascosto il proprio imbarazzo. Pignatone, infatti, ha dichiarato: "Non esistono precedenti in materia. Seguirò personalmente la vicenda e la denuncia con grande attenzione".

La cittadinanza comincia a bussare alla porta.

Toc toc.

10 commenti:

  1. Fantastico. Questo momento storico sembra quello buono per iniziare a riappropriarci della sovranità popolare, dopo 65 anni circa di pressoché totale asservimento, in primo luogo, a chi ha vinto l'ultimo conflitto mondiale e, in secondo luogo, alle varie mafie che lo hanno aiutato a conservarne il dominio, tradendo una Nazione (la nostra) in cui non ha mai creduto e di cui appunto si è reso cancro e metastasi di intere Province e Culture, alcune delle quali perdute probabilmente per sempre o in via di estinzione.

    Grazie Mille e Cordiali Saluti. Ad Maiora.

    RispondiElimina
  2. Diamoci dentro contro 'ste canaglie!!!

    RispondiElimina
  3. e peggio verrà cari signori, peggio verrà....ma cmq sia avanti cosi, VIVA IL D-MARK...oopps scusate volevo dire VIVA L'EURO...scusatemi

    RispondiElimina
  4. Furia Bitcoin... sono a 260 dollari... https://www.mtgox.com/
    Fottiamoli così!
    Sergio sto aspettando un tuo articolo su questo fenomeno!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  5. Nulla è cambiato...tutto è cambiato.
    La squadra dei cialtroni di stato avvezzi a scorribande impunite non riesce più a contenere l'incontenibile :la verità.
    Così mentre hanno devastato una delle nazioni più ricche del mondo e decapitato la speranza e la fiducia dell'intera nazione: ora non hanno che decapitare se stessi.
    Il bello si sta facendo faticosamente ma inarrestabilmente strada,liberando una alla volta le macerie provocate dalla disumanità e dalla protervia famelica.
    Scoprendo,alla visione di tutti,la barbarie che,duole dirlo,abbiamo un po tutti permesso.
    Permettiamoci ora di sperare,agendo all'unisono per una Italia meravigliosa.
    Se non riusciremo ...diventerà almeno BELLA e gioiosamente vivibile.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Caro Cori Modigliani, la leggo sempre con piacere.
    Mi sono permessa di citare parte di un suo post (molto bello, tra l'altro) qui:

    http://recensioni-libri-tv.blogspot.it/2013/11/adriano-olivetti-la-forza-di-un-sogno.html

    Saluti.

    E continui a scrivere, mi raccomando!

    RispondiElimina
  8. In compenso adesso l'Istat bisticcia con Saccomanni per le dichiarazioni rese ieri da quest'ultimo su una crescita del Pil nostrano per il 2014 che il ministro prevede si attesterà sull'1,1%, mentre l'Istituto di statistica, stavolta fattosi pessimista (o prudente? Voci di corridoio già avevano messo i dirigenti sul chivalà per l'iniziativa dei grillini?), non se la sente di prometterci una risalita dell'economia superiore allo 0,7%.

    Il Tesoro, che era ligio ai dati economici reali il 30 settembre scorso -- gli stessi cui attingono i due deputati del M5s per il loro esposto --, adesso si è messo a fare lo spacciatore di fuffa ottimista. Il prossimo esposto dei grillini sarà per Saccomanni, allora. Sempre se la coerenza non è un'opinione, degna compare delle percentuali.

    Saluti cordiali, marilù l.

    RispondiElimina
  9. Niente di nuovo sotto il sole.Anche quando ci hanno espropriato della nostra moneta affibbiandoci quest'euro è successo qualcosa di analogo. Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Nella politica fatta ancora in questa maniera succede lo stesso fenomeno fisiologico che accade al corpo umano o animale , periodicamente si rinnova completamente, forse ogni sei o sette anni, però conserva sempre la stessa forma, conserva la memoria della forma. Ma stavolta hanno toppato, e non so se per taluni versi occorre gioire per i benefici che ne potranno nascere o se invece il fatto non produrrà gli effetti simili a quell' "ira funesta che infiniti lutti addusse agli Achei".

    RispondiElimina