martedì 13 novembre 2012

Ecco il futuro che avanza. Arriva dalla California la rivoluzione esistenziale nel sociale.



di Sergio Di Cori Modigliani


Parliamo oggi del nuovo, locuzione davvero estranea per noi italiani.
Ovverossia, di geopolitica, di Barack Obama e del nuovo, strepitoso ed evoluto risultato elettorale –e politico, tutto politico- ottenuto nello Stato della California, di cui, neanche a dirlo, in Italia non è stata fatta neppure menzione, né sulla stampa mainstream ben controllata dalla cupola mediatica (sia cartaceo che radiofonico che televisivo), né sui siti online e tantomeno nella consueta produzione italiana di bloggers, ormai caduti come pere cotte nella grandiosa trappola comunicativa ben allestita da Monti & co.: occupatevi di me, soltanto di me ed esclusivamente di me, ma soprattutto parlate sempre di soldi, di monete, di spread, di teorie economiche, e non azzardatevi a parlare mai né di esistenze né di persone.

Non è facile spiegare al pubblico italiano che cosa voglia dire democrazia rappresentativa, democrazia diretta, bilancio sociale, condivisione. Sono pratiche dell’attività politica che non appartengono da molto molto tempo alla consuetudine del dibattito nazionale. Basterebbe sottolineare il fatto che a gennaio del 2011, quando la cosiddetta crisi economica ha cominciato a mordere l’Italia, non esisteva nessun sito on line, nessun commentatore, nessun opinionista, nessun blogger che parlasse mai né di controllo della finanza né di sistema bancario italiano; erano tutti presi dalle mutande di Ruby. La moneta, lo spread, le teorie economiche, le denunce contro Monti, sono, oggi, novembre 2012 il corrispondente delle mutande di Ruby di allora: sono diventate moda, cioè mainstream.
Qualche mese fa è uscito per la Rizzoli un libro di Giulio Tremonti contro le banche; l’autore si è messo su un partito denunciando lo strozzinaggio del sistema bancario italiano e va in giro a far convegni per spiegare come fare a uscire dalla crisi. Basterebbe un’unica domanda per archiviare la penosa esibizione di questo signore: “In base a quale principio economico, lei da gennaio del 2010 al 31 dicembre del 2010, attraverso tre manovre economiche, diciotto decreti leggi, scritti e presentati in parlamento con la sua firma insieme a quella di Berlusconi, La Russa, Bossi, Maroni e approvate in commissione finanze da Fassina, Veltroni, D’Alema, Casini, Fini, avete dato 87 miliardi di euro alle prime 50 banche italiane con il via libera a investirli nei derivati controllati da Goldman Sachs, J.P.Morgan, Royal Bank of Scotland e Citibank?”. Non glie lo chiede nessuno. Eppure ci sono gli atti parlamentari a disposizione del pubblico, sono documenti formali.
Nel frattempo, il mondo cambia perché affronta il nuovo.
In Italia neppure se ne accorgono. 
Perché l’Italia si è inceppata dentro un pericoloso gorgo dove la malafede, l’abilità degli oligarchi e la mistificazione di chi ci governa si è mescolata alla mala pianta della ideologia, della manipolazione e del più deteriore populismo starnazzante. Gli italiani hanno scelto (consapevolmente e dichiaratamente) di guardare al passato. Di volgersi verso il passato. Di cercare soluzioni nel proprio passato. E’ il modo migliore per salvaguardare lo status quo. Questo consente di comprendere come sia possibile che tanti giovani, oggi, siano fascisti o comunisti, che in Italia si stia diffondendo il neo-nazismo, ovvero delle ideologie che appartengono al passato della storia italiana. Non essendo mai stato elaborato nulla, si è condannati a vivere soltanto nel passato e quindi è impossibile andare verso il futuro. A questo bisogna aggiungere la nuova trappola ben congegnata dai media nel cavalcare il disagio, manipolando i giovani e spingendoli a presentarsi in televisione piagnucolando disperati con argomentazioni davvero catastrofiche e surrealistiche, del tipo “noi giovani non abbiamo futuro” oppure “il nuovo governo ci sta togliendo il futuro” oppure “la gente si uccide disperata perché non ha futuro” e altre pericolose idiozie del genere, volute dalla classe degli oligarchi. Loro, infatti, ovvero i privilegiati aristocratici proprietari della rendita parassitaria, e dei grandi patrimoni dinastici, appartengono a una realtà vecchia, che viene dal passato;  per loro il futuro non esiste, e non esisterà mai. Il governo perfetto, per questi signori, consiste in una “totale assenza del Tempo Storico” in un continuo perpetuare delle stesse identiche istanze delle ultime centinaia di anni. La migliore garanzia, per gli oligarchi, consiste nell’estendere il più a lungo possibile il passato nel presente, fingendo che sia una novità, e nei momenti di crisi, cioè quando il disagio sociale è forte ed è comprensibile psicologicamente che la gente cerchi con disperazione di sottrarsi al proprio tragico presente, manipolare la plebe spingendola verso il passato, a caccia di emblemi, simboli, liturgie, tradizioni. Per gli oligarchi che vivono nel presente è irrilevante che i simboli siano la svastica, i fasci, i miti celtici, la civiltà contadina pre-industriale, la falce e martello. Non ha alcuna importanza per loro. Ciò che conta, ed è fondamentale, è che la gente si senta “aspirata” verso suggestioni del passato e quindi, sfuggendo per dolore sociale al proprio presente eviti di “scegliere” di andare verso il futuro. Si tratta, infatti, di una scelta.
Per l’ennesima volta nella Storia, gli italiani si stanno costruendo la propria galera preferendo il passato all’ipotesi di un futuro. E’ comprensibile: come automi rispondono alle suggestioni di chi governa e comanda fingendo di aver dato –e star dando- libertà di espressione. Del resto, negli ultimi 90 anni, l’Italia è passata dalla sbornia criminale del fascismo al trasformismo corrotto della Democrazia Cristiana, per poi proseguire nel narcisismo illiberale dei socialisti, nella boria autoritaria dei comunisti, nell’illegalità truffaldina del berlusconismo, e infine nel controllo bancario, aristocratico e oligarchico, del sistema esistenziale, quello attuato dal governo Monti. I nostri precedenti storici nella gestione della cosa pubblica, negli ultimi 90 anni, sono stati, in stretta sintesi: Mussolini, Andreotti, Craxi, D’Alema, Berlusconi, Monti. Con il risultato che oggi l’Italia si trova –rispetto al resto del mondo occidentale- in una situazione molto simile a quella del 1920. Perché lì siamo rimasti. E lì vogliono che noi restiamo. E’ per questo che bisogna spingere la gente a non vedere il futuro, a non volerlo, a non evocarlo, a non visionarlo, a non costruire delle auto-profezie sociali costruttive; in modo tale che, tanto più dilaga la paura nel futuro, tanto più –è un meccanismo banale di controllo della mente collettiva- ci si rifugi nel passato, dove, a scelta troverete la variante odierna di Mussolini, Andreotti, Craxi, D’Alema, Berlusconi, Monti. Verrà presentata, come stanno facendo (e come ormai dilaga anche sulla rete, dopotutto è la versione “italiana” del web) un modello “apparentemente” nuovo, ma che non avrà nulla di nuovo; una persona, un gruppo, un partito, un collettivo, che proporranno soluzioni, medicine, programmi che avranno comunque una caratteristica: non spingono la nazione verso il futuro. Da noi, il futuro non esiste. Si parla soltanto del passato: perché è lì che vogliono spingerci, perché è lì, tra le maglie degli stivali di Mussolini, delle babbucce di Andreotti, della pelata di Craxi, del baffetto di D’Alema, delle rughe invisibili di Berlusconi, e infine nel linguaggio ossessivamente economicista di Monti che trovano la chiave per impedire a questa bellissima gente (che tutti noi potremmo essere) di rimboccarci le maniche e pianificare, organizzare, costruire il nostro futuro. L’oligarchia è terrorizzata all’idea del futuro e del progresso: amano la stagnazione, lì prosperano e si sentono rassicurati. Ogni cambiamento per loro è un allarme rosso. Ciò che conta, dunque, è spingere l’Italia a seguitare ad attuare lo stesso identico comportamento avuto nel passato e non azzardarsi a modificarlo neppure di un millimetro. Perché così si è garantiti che non vi saranno cambiamenti nella coscienza interiore. Così non aumenterà la consapevolezza collettiva. Così non avverrà nessuna modificazione. Così le dinastie oligarchiche di ieri rimarranno anche quelle di domani.
Ma il mondo, invece, se ne sta andando da un’altra parte.
Lo dimostra, ormai, l’enorme spaccatura tra il livello dell’informazione in Italia, basato su una piattezza omologata, e la realtà degli accadimenti nel resto del mondo, soprattutto là dove il futuro comincia a fornire i primi chiari esempi dell’emersione di una nuova coscienza sociale evoluta, talmente nuova e originale da spingere schiere di sociologi, antropologi, psichiatri, biologi, a interrogarsi arrivando al punto di sostenere “forse siamo di fronte alla più grande rivoluzione comportamentale sociale degli ultimi 300 anni, che può davvero modificare l’intero assetto relazionale degli esseri umani sul pianeta” (intervista al prof. Sennett andata in onda sul network ABC ieri mattina).
Stiamo parlando qui della “Proposition 30”, la vera svolta epocale.
Ma prima di spiegare di che cosa si tratta, dell’impatto che sta avendo e avrà nel sociale, nella vita politica e nella mente collettiva dei cittadini, è bene spendere qualche parola sulla nuova elezione di Barack Obama, tanto per spiegare che cosa sta accadendo nell’intero continente americano, dal Canada al Polo Sud, notizie ed eventi di cui in Italia nessuno parla.
Quando Obama vinse nel 2008, è fin troppo ovvio, che l’intero peso dell’evento fosse relativo alla fine ufficiale –e per sempre- del razzismo statunitense, la mala pianta nata nel XVII secolo con l’applicazione della schiavitù forzata dall’Africa. Quella vittoria, in verità, non fu una vittoria dei democratici, ma fu una vera e propria rivoluzione sociale nel campo della gestione dell’inconscio collettivo nazionale. Fu una grande liberazione di risorse energetiche interne, l’apertura di un nuovo modello psicologico, e Obama ne pagò il prezzo. Perché lui diventava un simbolo. I suoi primi due anni furono davvero pessimi. Si trovò alle prese con un meccanismo del potere che lo stritolò, annacquando il suo intero programma. Nelle elezioni politiche di mid-term, il 4 novembre del 2010, i democratici presero una batosta colossale. Il 10 novembre del 2010 non c’era nessuno, in tutti gli Usa, che avrebbe scommesso un dollaro sul futuro politico di Obama, neppure tra i democratici. I repubblicani e i settori più conservatori e retrivi della nazione gongolavano raccogliendo consensi dovunque. Non sembrava loro vero avere a disposizione le facili spoglie di un presidente mangiato vivo dalla contestazione e dalla delusione dei suoi elettori. Ma l’uomo era davvero dotato di una notevole tempra caratteriale, inconfondibile cifra di mentalità leaderistica e capacità carismatica. Quella terribile sconfitta politica fu per lui una grandiosa liberazione. Chi lo sosteneva, allora, gettò via la spugna liberandolo dalla necessità di compromessi e mediazioni. Considerato (e trattato) come un perdente, Obama si liberò dall’ansia di dover vincere politicamente, amministrando il governo con una enorme rinnovata libertà mentale, pensando che di lì a due anni se ne sarebbe andato a casa. Il 18 gennaio del 2011 fece un discorso, sottovalutato dalla massa ma che gelò subito il sangue nelle vene ai più intelligenti e accorti tra i suoi nemici, nel quale si assumeva la totale responsabilità politica della sconfitta elettorale alle politiche di due mesi prima. Spiegò agli esterrefatti americani che era stata tutta colpa sua e che avevano ragione a non dargli più credito. Fece un discorso da leader responsabile. Ad alcuni, superficiali opinionisti di primo pelo, sembrò addirittura che presupponesse una sua rinuncia al mandato. Quaranta giorni dopo, invece, verso la fine di marzo 2011,un altro discorso, molto lungo, sempre sulla stessa scia e sulla stessa linea d’onda  ma con alcune varianti, apparentemente masochiste, perché Obama sosteneva di “essere stato veramente ingenuo e piuttosto sprovveduto” in seguito alla sua mancanza di esperienza (e quindi mettendo le mani avanti con abilità, veicolando il concetto della assoluta necessità di avere esperienza sul campo per poter fronteggiare i marpioni, sapendo che i repubblicani di lì a un anno avrebbero scelto come loro candidato un anonimo sconosciuto privo di alcuna esperienza) e si tolse qualche sassolino dalla scarpa raccontando certi aneddoti parziali sugli incontri con i grossi finanzieri, i grossi petrolieri, i grossi industriali, i generali, i gestori delle assicurazioni private, delle grandi università private. Un mese dopo, alla fine di aprile, la svolta. Un lunghissimo discorso, questa volta con tono aggressivo, nel corso del quale spiegò alla nazione che, non appena insediato, in conseguenza della gigantesca crisi finanziaria prodotta dal crollo della speculazione nella bolla immobiliare e nei derivati privi di controllo, lui aveva fatto avere centinaia di miliardi al sistema finanziario americano a patto che venissero investiti per finanziare le imprese e dar lavoro, ma “sono stato ingannato come un babbeo perché quelle persone hanno dimostrato di essere soltanto avide e indifferenti al destino della collettività”. E giù l’elenco delle persone, con il nome delle aziende, i loro traffici, i loro maneggi, il loro aggiramento delle leggi. E lì è iniziata la protesta della gente che è venuta a sapere non da blogger dietrologici bensì dalla viva bocca del loro presidente che la nazione era stata messa praticamente sotto sequestro dai colossi finanziari e dai produttori di energia. E sono stati gettati i germi di “occupy wall street”. E Obama ha dato il via alla magistratura per andare a stanare le grandiose evasioni fiscali e si è gettato da solo a combattere una furibonda battaglia per far varare una legge sulla sanità nazionale a favore dei ceti più disagiati. Ma intanto, nel paese, cominciava a cambiare la percezione psicologica della crisi. Dalla Casa Bianca cominciavano ad arrivare degli input psicologici diversi che hanno segnalato ai sociologi più accorti che “l’età del narcisismo” (definizione del grande sociologo Cristopher Lasch) andava in pensione. E per la prima volta nella storia degli Usa, la distinzione discriminante nel sociale è passata da vincenti/perdenti a individualisti egoisti/responsabili che condividono. Una radicale trasformazione socio-psicologica che ha colpito molto la coscienza collettiva della nazione. Obama è riuscito a operare un intervento nella società riuscendo a modificare gli status symbol, laddove il ricco non veniva più visto e vissuto soprattutto come il più bravo e il più abile bensì come il più fortunato e (l’aspetto più importante) nella maggior parte dei casi il più corrotto e anche traditore. Non appena eletto una settimana fa ha fatto immediatamente una duplice scelta. Ha risposto subito alle minacce pubbliche di Mario Monti (ore 12 europee del 6 novembre 2012 mentre si aprivano le urne)  -a nome dell’oligarchia massonica conservatrice, custode della tradizione del passato, e rappresentante dell’oligarchia delle grandi dinastie euro-atlantiche per impedire il salto nel futuro-   quando il ragionier vanesio ha detto “chiunque sia il vincitore delle elezioni in America dovrà fare subito i conti con il gravoso problema della spesa pubblica e del controllo dei conti”. Una inammissibile interferenza sull’autonomia decisionale degli Usa, così è stata vissuta dai capitalisti americani. Nella sua mitomania (ma Obama ringrazia) Mario Monti si è dimenticato che al tavolo dei grandi lui conta poco più del due di briscola, e la prudenza politica gli avrebbe dovuto suggerire di stare zitto. Ma non sarebbe un vanesio se non si comportasse così, lui è veramente convinto di essere al comando dei giochi internazionali.  Obama ha detto nel suo discorso vittorioso che “la priorità assoluta del governo è il lavoro, l’occupazione e il credito alle imprese, e su questo verrà immediatamente concentrata la nostra attenzione”. A questo punto, come la Legge gli consente, avrebbe potuto avvalersi della scelta che consente ai presidenti rieletti di rimettersi al lavoro il giorno dopo, come fece Roosevelt nel 1940, Reagan nel 1984 e George Bush nel 2004, tutti e tre per motivi militari. E invece no. Obama ha scelto di seguire la strada formale, quindi il suo governo è tecnico fino al 20 gennaio del 2013 “perché è un governo vecchio che va in pensione in attesa del nuovo che verrà, soprattutto per ciò che concerne materia economica”. Questo obbliga i repubblicani a rispettare la formalità parlamentare statunitense che impone la “political honeymoon” (luna di miele politica) un dispositivo tale per cui non appena eletto, il nuovo presidente gode di 100 giorni nel corso dei quali l’opposizione rinuncia ad opporsi per consentirgli di organizzare il lavoro, e in cambio il presidente si impegna a non presentare alcuna legge, con tre eccezioni: a) esigenze dovute a catastrofi naturali di vario genere, b) questioni militari d’intervento internazionale relative alla sicurezza dello stato e c) manovre economiche specifiche al fine di intervenire sui mercati finanziari immediatamente per impedire che lo stato vada in bancarotta o finisca in una situazione di “emergenza economica nazionale tale da consentire motivo di preoccupazione per la sicurezza nazionale interna”. In ciascuno di questi tre casi, il parlamento approva congiuntamente senza discussione ogni dispositivo. La bagarre inizia dopo 100 giorni.
Tradotto vuol dire: quindi si balla tutti.
Come ha spiegato Obama due giorni fa, preannunciando i venti bellici che stanno scuotendo in questo momento l’intera area medio-orientale.”ci attendono 53 giorni di fuoco prima del mio nuovo insediamento perché le forze reazionarie le proveranno tutte per destabilizzare il mondo, soprattutto per evitare che io faccia varare un nuovo sistema di tassazione sui redditi più ricchi, che io farò comunque. E’ arrivato il momento che comincino a pagare i super ricchi. Saranno 53 giorni che decideranno il destino dell’occidente”. E ha aperto le trattative con i repubblicani. Vanno a un braccio di ferro che durerà fino al 20 gennaio. Finanza, energia, scelte keynesiane o scelte freidmaniane, credito alle imprese o soldi alle banche, questi sono i temi sul tavolo.
Obama ha vinto le elezioni con uno slogan azzeccato: “FORWARD”. Una parola che in inglese vuol dire andare avanti, tirare dritto. Ma nell’immaginario collettivo degli americani è la parola scritta sul tasto che si pigia quando si guarda un video e si vuole andare “avanti molto veloce” perché non ci s accontenta del “play” che era quello voluto dai repubblicani di Mitt Romney, tanto amati da Giuliano Ferrara, Matteo Renzi, Oscar Giannino, Alesina, Casini, Fini, Monti, l’opus dei, Enrico Letta (e zietto) e tutta la corposa pattuglia di bloggers italiani, faziosi, ideologizzati, analfabeti di geopolitica, che ancora oggi sostengono che tra Barack Obama e Mitt Romney non vi è alcuna differenza.
Questo è l’humus territoriale sul quale si è affermato “l’evento California”.
Si chiama PROPOSITION 30.
In Usa (è una repubblica federale composta da 50 singoli stati aggregati) alle elezioni presidenziali si presentano sempre referendum popolari che sono diversissimi a seconda dello stato. Ciascuno ha le proprie esigenze, tradizioni, bisogni.
In California è stato presentato un referendum che alla vigilia era considerato folle. Impossibile che potesse vincere. Era dato perdente da tutti, definito da Mitt Romney “un paradosso, un vero obbrobrio perché va contro la natura stessa degli umani”. La “pro position 30” chiamava i cittadini californiani a scegliere tra due opzioni: a) aumentare del 14,7% le tasse per chi guadagna da 500 mila a 1 milione di dollari all’anno e del 28,5% per tutti coloro che guadagnano da 1 milione di dollari in su, oppure b) non aumentare le tasse.
Scelta semplice ed elementare.
Con un’aggiunta: il referendum era specifico; si spiegava infatti che quei soldi servivano per l’istruzione pubblica e la ricerca scientifica.
Poiché in California c’è il più vasto numero di famiglie ricche del mondo occidentale (e sono quelli che votano), gli ultimi sondaggi prima del voto davano vincente il No alle tasse per un 68%. I votanti erano quasi dieci milioni.
IL risultato del voto è stato il seguente:
VotesPercentage   Yes  4,967,03953.9% 53,9%
                                  NO  4,251,55846.1% 46,1%
Ha vinto il sì.
Tre giorni dopo sono arrivati i primi dati statistici sulla composizione sociale dei votanti, dalle circoscrizioni di Malibu, Beverly Hills, Topanga Canyon, Laguna Beach, le zone dove è più alta la concentrazione di super ricchi e dove la percentuale dei votanti è da sempre la più alta. Ebbene, in quelle aree il 73% dei votanti ha detto SI’ all’aumento delle tasse.
I super ricchi, nello Stato della California, hanno consapevolmente scelto di auto-tassarsi per consentire la salvaguardia e diffusione dell’istruzione pubblica. Le 2500 televisioni locali californiane sono andati a stanare divi, ricconi, nelle loro case, e li hanno intervistati il giorno dopo. Ed è avvenuto un incredibile mutamento nella percezione collettiva dell’esistenza. I californiani hanno visto Goldie Hawn e Kurt Russell nella loro splendida tenuta a Sacramento dichiarare accanto ai loro due stallieri “loro si occupano dei nostri cavalli e dei nostri cani da sempre con amore; per noi era inaccettabile l’idea che i loro figli non potessero andare all’università” e così Julia Roberts che ha fatto lo stesso facendosi intervistare con le sue parrucchiere e George Clooney e Brad Pitt e Steve Soderbergh (quelli di Ocean Eleven) ripresi seduti a un tavolo mentre giocano a poker e il giardiniere e la cameriera servono i cocktails e loro spiegano come sia insostenibile l’idea di vivere da ricchi in un mondo disagiato e come sia “umanamente inaccettabile” il principio per cui i figli di chi ti serve e lavora per te è condannato all’ignoranza per Legge.
Ieri, alle ore 17 Jerry Brown, governatore dello Stato della California, ha annunciato le nuove disposizioni in conferenza stampa.
Ha detto: “Oggi alle ore 15 abbiamo ricevuto dalla Corte Suprema d’Alta Giustizia Elettorale la ratifica del voto. In seguito all’esito, alle ore 16 ho trasformato in legge esecutiva dello stato della California il mandato ricevuto dagli elettori, che diventa operativo a partire da lunedì 19 novembre. Questo ci consente di incassare entro 20 giorni la cifra di 9 miliardi di dollari che verranno impiegati come da statuto nel seguente modo: 4 miliardi di dollari destinati alla costruzione e mantenimento di asili nido, scuole medie inferiori e sussidi per andare all’università per i più meritevoli californiani che non se lo possono permettere; 3 miliardi di dollari verranno investiti nella realizzazione di 156 centri di ricerca scientifica avanzata nella Silicon Valley nel campo dell’alta tecnologia, industria innovativa, energie rinnovabili, e l’accesso verrà garantito ai più meritevoli provenienti dai ceti più disagiati sulla base del loro curriculum vitae; infine i restanti 2 miliardi servono per un piano di investimento in infrastrutture che mettano in collegamento le zone più retrive e abbandonate dello stato con i luoghi dove si studia e ci si applica per diffondere l’istruzione e il sapere presso chiunque ritenga di volerne avere accesso. Da oggi, siamo tutti più umani e possiamo dire di entrare a pieno diritto davvero nel nuovo millennio. Perchè l’istruzione e il sapere appartengono alla collettività e non a pochi privilegiati”.
Questa è la elementare scoperta esistenziale dei californiani, che diventa un atto propulsivo rivoluzionario: l’abbattimento della grettezza individuale e dell’egoismo bulimico, e l’accettazione dello splendido principio di vita in base al quale “non posso essere felice se vivo in una comunità di diseguali dove altri sono infelici”.
Perché questa è la base della civiltà del mondo futuro.
Si comincia da qui.
Si comincia così.
Questa è la strada che porta verso il futuro evolutivo dell’Essere Umano.
Tutto il resto sono chiacchiere per spingere verso il passato.
A me piace guardare verso il futuro.
Spero piaccia anche a voi.


Qui di seguito vi metto tutti gli sponsor attivi della Proposition 30. Nessuna azienda, nessuna banca, nessun colosso finanziario, nessuna industria. Tutte associazioni locali territoriali, gran parte della stampa locale, e tutte –ma proprio tutte- le organizzazioni di genitori e professori di università pubbliche compresi pensionati da lungo tempo, le forze dell’ordine, gli ecologisti e i Chips (forse i più anziani ricorderanno una vecchia serie di telefilm sulla polizia stradale californiana, quelli vestiti di cuoio nero con i rayban a masticare chewing gum alla guida di gigantesche Harley Davidson). Loro, martedì scorso sono andati nei più lontani luoghi desertici a prendere la gente che di solito non votava e li hanno portati in motocicletta a votare, evento che ha commosso la cittadinanza californiana. Nei negozi di lusso a Beverly Hills, molti negozianti hanno esposto un cartello sul quale c’era scritto “io ho votato sì perché voglio che il figlio dotato della mia commessa vada gratis all’università”.
Per me, questa è la rivoluzione.
O quantomeno è la rivoluzione che piace a me, quella del cambio di passo della consapevolezza collettiva, quella che attinge all’intelligenza del cuore, che apre la strada verso quel concetto squisitamente californiano che dice sharing is everything, la condivisione è tutto.
Una bella lezione da apprendere.
E se è possibile, da fare nostra.
P.S.
Ecco i sostenitori, suddivisi per media e per associazioni.

Former President Bill Clinton

 

Newspapers

§  Fremont Argus
§  Hayward Daily Review
§   
§  Academic Professionals of California (APC)
§  Academic Senate for California Community Colleges
§  Academic Senate CSU
§  Alameda County Office of Education Superintendent Sheila Jordan
§  Albany Unified School District and Superintendent M. Stephenson
§  Alumni Associations of the University of California (AAUC)
§  American River College Student Senate
§  Associated Students of College of the Canyons
§  Associated Students of CSU Long Beach
§  Associated Students of Sacramento State University
§  Associated Students of San Diego State University
§  Association of California School Administrators (ACSA)
§  Association of California School Administrators, Region VII
§  Associated Students of Sonoma State University
§  Bonita Unified School District
§  Butte-Glenn Community College District
§  Cal Alumni Association - UC Berkeley
§  California Adult Education Administrators Association
§  California Association for Postsecondary Education and Disability (CAPED)
§  The California Association of Teachers of English (CATE)
§  California Community College Association for Occupational Education (CCCAOE)
§  California Community Colleges Board of Governors
§  California Community Colleges Chancellor's Office, Vice Chancellor for Government Relations Michael S. Magee
§  California Community Colleges Region 2 Student Senate
§  California Community Colleges Region 5 Student Senate
§  California Community Colleges Region 7 Student Senate
§  California Community Colleges Region 8 Student Senate
§  California Consortium of Education Foundations
§  California Council for Adult Education (CCAE)
§  California County of Superintendents Educational Services Association (CCSESA)
§  California Faculty Association
§  California Federation of Teachers (CFT)
§  California Head Start Association
§  California Retired Teachers Association
§  California School Employees Association (CSEA)
§  California School Boards Association
§  California State University Academic Senate
§  California State University Alumni Council
§  California State University Board of Trustees
§  California State University Emeritus and Retired Faculty Association
§  California State University Employees Union
§  California State University Los Angeles Academic Senate
§  California State University San Marcos Academic Senate
§  California State University San Marcos Associated Students
§  California Teachers Association (CTA)
§  The Campaign for College Opportunity
§  Chaffey Community College District
§  Charter Schools Association of California (CCSA)
§  Child Care Alliance of Los Angeles
§  Chino Valley Unified School District
§  Community College League of California
§  College Board
§  College of the Canyons Associated Student Government
§  College of the Canyons Board of Trustees
§  College of the Sequoias Teachers Association
§  Colusa Unified School District
§  Conjeo Valley Unified School District
§  Contra Costa County Superintendent of Schools Jonathan Lightman
§  Elk Grove Unified School District
§  Faculty Association of California Community Colleges
§  Fountain Valley School District
§  Glendale Community College Board of Trustees
§  Great Oakland Public Schools
§  Green Dot Public Schools
§  Hartnell College Board of Trustees
§  Humboldt County Board of Education
§  Humboldt County Superintendent of Schools - Garry Eagles
§  Humboldt State University Senate
§  Inyo County Office of Education Superintendent Dr. Terence McAteer
§  Kernville Union School District
§  Lake County Office of Education Superintendent Wally Holbrook
§  Lake Tahoe Community College District
§  Lassen Community College District
§  Lompoc Unified School District - Superintendent Gregory Kampf
§  Long Beach City College
§  Long Beach Community College Faculty Association
§  Los Angeles Community College District
§  Los Rios Community College District
§  Mariposa County Office of Education/Unified School District
§  Martinez Unified School District Superintendent Rami Muth
§  Modesto City Schools
§  Modesto Junior College Student Senate
§  Mono County Office of Education
§  Monterey Peninsula Community College Trustees
§  Mountain View School District Board of Education
§  Mountain View School District Superintendent of Schools Lillian Maldonado French
§  Napa County Office of Education Superintendent Dr. Barbara Nemko
§  Norwalk-La Mirada Unified School District
§  Ohlone Community College District Board of Trustees
§  Patterson Unified School District
§  Rancho Santiago Community College District
§  Rancho Santiago Community College District Continuing Education Faculty Association
§  Redondo Beach Unified School District
§  Rio Hondo Community College - Alpha Gamma Sigma Honor Society - Sigma Phi Chapter
§  Rio Hondo Community College Board of Trustees
§  Riverside Community College Board of Trustees
§  Riverside County Board of Education
§  Sacramento City College Student Senate
§  San Benito County Office of Education Superintendent of Schools Mike Sanchez
§  San Bernardino Community College District
§  San Diego State University Senate
§  San Diego Unified School District
§  San Jose State University Associated Students
§  San Luis Obispo County Office of Education Superintendent Julian Crocker
§  San Mateo County Superintendent of Schools Anne Campbell
§  San Rafael City Schools Superintendent Michael Watenpaugh
§  San Rafael City Elementary District
§  San Rafael City High School District
§  Santa Barbara County Education Office Superintendent Bill Cirone
§  Santa Cruz County Office of Education Superintendent Michael Watkins
§  Santa Monica College - Emeritus Executive Council
§  Santa Monica College Faculty Association
§  Santa Monica-Malibu Unified School District
§  Santa Rosa Junior College Board of Trustees
§  Sequoias Community College District
§  Shasta-Tehama-Trinity Joint Community College District
§  Sheri Coburn, President-elect, Association of California School Administrators, Region VII
§  Siskiyous Joint Community College District

§  Solano Community College District
§  Sonoma County Office of Education

§  Stockton Unified School District

§  Student Senate for California Community Colleges Region 5

§  Student Senate for California Community Colleges Region 10
§  Student Senate for Modesto Junior College

§  Sutter County Superintendent of Schools Bill Cornelius
§  UAW Local 5810
§  UC Irvine Alumni Association
§  UC Riverside Alumni Association
§  UC San Francisco Alumni Association
§  UC Santa Barbara Alumni Association
§  UC Santa Cruz Foundation
§  UCSC Alumni Association
§  United Faculty (UF) of North Orange County Community College District
§  University of California Regents
§  University of California Student Association
§  Yosemite Community College District
§  California Association of Highway Patrolmen
§  California District Attorneys Association (CDAA)
§  California State Sheriffs Association
§  Chief Probation Officers of California
§  Southern California Alliance of Law Enforcement

Community Groups/Business

§  The Arc California
§  Alliance for a Better Community
§  Alliance of Californians for Community Empowerment (ACCE)
§  Arts for LA
§   

37 commenti:

  1. Grazie Sergio,
    ancora una volta ci fa scoprire cose che ci vengono nascoste .

    Paolo Conforto

    RispondiElimina
  2. Sono arrivati in Europa e noi che la vogliamo lasciare.
    Che?

    RispondiElimina
  3. Purtroppo, quando dico agli italiani ricchi (o più fortunati)che è un affare rinunciare a qualcosa per stare meglio tutti, mi guardano come fossi un marziano. L'egoismo la fa da padrone e l'ignoranza è enciclopedica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una questione di prospettiva e di scelta interiore spirituale, diciamo così cosmica ed energetica; la discriminante è tra porre al centro del proprio universo interiore la propria felicità egoica e individuale e solo quella oppure di pensare alla propria felicità come parte di una felicità comune, è un po' come (chi è tifoso di calcio lo capisce) guardare da soli a casa in televisione un match della squadra del cuore quando vince oppure guardarla allo stadio insieme agli amici. Forse l'esempio è stupido, ma io lo sento calzante.

      Elimina
  4. Lettera 43 ne parla qui ad esempio:
    http://www.lettera43.it/economia/macro/california-tasse-ai-ricchi-contro-il-rischio-crac_4367571282.htm
    La California era a rischio crac, più di tanti altri Stati Americani. Il suo debito mostruoso è roba nota da tempo.
    Saluti

    RispondiElimina
  5. Veramente epocale. Adesso capisco perchè alcuni ingegneri, miei conoscenti ,andati in USA, ritornati perchè 'credevano' in un miglioramento adesso stanno preparando armi e bagagli per il grande ritorno.
    Mai letto,ultimamente, uno scritto capace di risollevarmi un pochino.

    RispondiElimina
  6. Eppur si muove qualcosa in Italia
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/11/13/regionali-sicilia-movimento-5-stelle-rinuncia-ai-rimborsi-elettorali/412674/
    Un po' di speranza non guasta mai.

    RispondiElimina
  7. Sono arrivato quasi alla fine dell'articolo, poi mi sono messo a guardare Megafabbriche su SKY 401. Racconta la storia dell'auto Tesla 'Model S' e del giovane fondatore di questa nuova casa automobilistica di auto elettriche. (la più giovane automotive in America ha 90 anni, ndr)

    Una storia che lascia senza parole, assolutamente "in topic" nell'amato blog Modiglianesco. La parte ingegneristica (sempre precisa e puntuale) è romanzata dal racconto, ma ci sta perchè alla fine il documentario 'deve' essere docufiction (per mere ragioni mercatiste? non credo o non solo, altrimenti dovremmo buttare un bel pò di buona TV e anche buon cinema)

    Incredibile: c'è la versione in ITALIANO nel sito della casamadre (ha un solo stabilimento in California e credo ancora nessuna filiale in Europa, ora guardo), google me l'ha dato come secondo risultato:
    http://www.teslamotors.com/it_IT/models/specs.
    Dare un'occhiata rende subito l'idea del tipo di storia (bella e avvincente) su cui non vi ho anticipato niente.

    Ora posso finire il post per il quale ti ringrazio, Sergio. Avevo appena concluso discorso del governatore della California.

    Diego

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hanno un paio di uffici tra usa e uk e filiali in tutto il mondo. una a milano

      Elimina
    2. L'ho visto anch'io.

      Sulla rete ho trovato che sarà venduta in Italia nella primavera 2013 ma, l'autonomia massima di 480 Km ritengo sia un grosso deterrente al successo di questa tecnologia.

      Ameno ché qualcuno non pensi di installare punti Wec (Wireless Electric Vehicle Charging) vecchia idea dell'Ing. Nikola Tesla (anni '30 del secolo scorso) che intendeva ricaricare le batterie attraverso la cavità di Schumann, nella ionosfera (semplifico molto l'idea andrebbe spiegata ma in questa sede diventa lungo).

      Per farla breve, lo sviluppo di questa tecnologia rappresentava una minaccia troppo grande per gli enormi interessi di chi produceva, distribuiva e vendeva benzina ma anche energia elettrica e non solo.

      Un network sifatto avrebbe consentito alle auto di usare free energy!

      La scoperta di Tesla finì con la sospensione praticamente immediata dell'appoggio finanziario alle sue ricerche, l'ostracismo da parte della scienza ufficiale e la graduale rimozione del suo nome dai libri di storia.

      Mori in miseria.

      A Dio piacendo, forse, sarà resa giustizia a questo grande Genio!

      Per onestà và detto che attualmente gli unici che parlano di un argomento simile (a mia conoscenza) sono Stiglitz e Grillo!


      Guy F.




      P.S.: l'uso di questa "idea" tecnologica può funzionare, per esempio, anche per gli elettrodomestici.



      Elimina
    3. se vi interessa, pochi giorni fa al salone dell'auto di Parigi, l'ingegnere americano McCormick ha presentato la sua macchina (il prototipo è del 2002) che va a idrogeno liquido e viene alimentato da semplice acqua piovana, credo che in rete ci sia parecchio materiale su costui

      Elimina
    4. Le buone notizie sono sempre interessanti.

      Il preblema è che per ricavare idrogeno devo utilizzare energia che, se ricavo dalle rinnovabili è ok, ma se devo bruciare idrocrburi di origine fossile rimagono i problemi di sempre in primis le polveri sottili.

      In Gran Bretagna la Air Fuel Synthesis ha prodotto un combustibile 'verde' dall'anidride carbonica dall'aria e idrogeno dall'acqua. I due elementi estratti dall'aria e dall'acqua vengono trasformati in combustibile.

      Il capo dell'azienda Peter Harrison ha detto che "sembra petrolio ma è un prodotto più pulito rispetto al combustibile fossile".

      L'indovinello è sempre quello di prima. Serve energia per il processo tenologico.

      Penso che in futuro, come avviene per i treni adesso, il motore a combustione interna per gli autoveicoli debba proprio sparire.

      Alla prossima.

      Guy F.



      Elimina
    5. purtroppo sullo stesso canale (immagino) ho visto un servizio sul petrolio che sta esaurendo, ma non temete, le multinazionali hanno già le soluzioni... in ordine di sucessione dopo la fine del petrolio classico:
      1- scavi in fondo all'oceano dai 3000 ai 12000 metri di profondità
      2- estrazione del petrolio da una pietra fossile di cui molti stati americani e canada sono ricchissimi
      3- estrazione da giacimenti di sabbia impregnata da milioni di anni (costosissimo e devastante per l'ambiente sia nell'estrazione sia dopo)
      4- utilizzo del "petrolio pesante", grigiastro, molto meno pregiato del classico, presente in enormi quantità in sud america, molto piu costoso da raffinare e si ottiene minore quantità di surrogati come benzina, olio, ecc...

      il bello è che queste informazioni erano date dagli stessi dirigenti della BP, molto fieri delle loro scoperte.

      Ho paura che l'era del petrolio non sia nemmeno vicina alla mezz'età...

      Elimina
    6. Diego di Elon Musk hai dimenticato di citare l'altra impresa ancora più grandiosa, riuscita e visionaria: Space X.

      A mio giudizio l'ultima speranza (oltre che la nuova frontiera) per l'umanità per non finire arrosto.

      Elimina
  8. Stimabile Sergio, riporto una minuziosa incongruenza informativa che ho riscontrato: fra i supporter, fra gli sponsor che hanno sostenuto e contribuito vi è un'azienda, fra le peggiori del puzzle corporatocratico (fra l'altro da te a più riprese deplorata), ed è la spietata "The Coca-Cola Company", che ha erogato ben $2,072,793 – si quella che in Chiapas spara ai sindacalisti, e in Bolivia ha fatto quello ha fatto.
    Comunico non per screditare, ma per onestà e purezza argomentativa – è un blog che da speranza, e la speranza abbisogna d'esser corale con la verità.

    RispondiElimina
  9. Io Sergio credo che dire "ci tolgono il futuro" non sia una bella pubblicità per i buffoni della festa in maschera (PD) e dei monti boys....penso pure che si può e si vede conoscere il proprio passato per comprendere dove si sta andando.Sposo in pieno il concetto che non ci si debba incatenare alle simbologie stereotipate.Quelle ti collocano, sono conosciute e lì ti imprigionano.Siano esse silvio, il duce, d'alema, andreotti o stalin.Di certo (e Alessandra mi appoggerà) l'unica tecnologia che non hanno è la speranza e l'amore per le cose, per la natura, per gli animali.Queste vibrazioni (se così dovrà essere) sono troppo potenti per loro. Certo, alcuni scritti dicono che alla fine non è sulla Terra il Destino ma questo potrebbe voler dire semplicemente che esiste una illuminazione perpetua.Per questo io sbaglio a battermi spesso con le loro stesse armi in cui peraltro credo di cavarmela strabene. Quelle però tornano indietro.Si comprende si evolve e pian piano vediamo la strada da percorre e quella da non percorrere. MG75

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente ti appoggio, e ti ho gia’ detto che sei un genio (o forse sei un arcobaleno o un indigo?).
      E’ vero, alcuni testi dicono (e anche li’ si tratta di interpretazioni) che non tutti ce la faranno (noi ce l’abbiamo gia’ fatta!) a sostenere questo ‘quantum leap’(sembra che anche il DNA stia subendo delle mutazioni) e percio’ dovranno continuare il loro cammino ascensionale su un altro planeta o in un’altra dimensione; io voglio credere che ce la faremo tutti, ma proprio tutti, anche ‘i cattivi’, in virtu’ della legge della risonanza…
      Esiste una illuminazione perpetua, basta dissolvere l’ego e tornare all’essenza, dove non c’e’ separazione ma si e’ parte del tutto (we are one).

      Alessandra

      Elimina
    2. Se vai sul mio sito c'è una intervista a una indigo che dice che lo sono pure io :D (Magari mi dirai di più in merito). Quindi anche tu sei un bel tipo! http://www.marcogiannini1975.ilcannocchiale.it/?YY=2012&mm=10
      Detto questo ti ringrazio e da persona pragmatica però ti dico che mi ritrovo pienamente nella seconda parte.(Perchè ne so di più). Il we are one. La risonanza. La Luce che ha generato altra luce ma anche il buio, in questa Esperienza.Insieme sono sempre Luce con spazio e tempo. L'1, l'Esperienza, le sincronicità. Anche te sai molte cose apprezzabili e mi fa piacere che fai parte di questa comunità virtuale.Da quel che ho capito vivi in USA dove queste cose sono più sperimentate in gruppo. In effetti da là partono forti intenzioni si sente, io le sento. Sergio ha i suoi meriti.Si sta bene quando comprendiamo questa TECNOLOGIA.
      CIAO!

      Elimina
    3. Io vivo a Londra, tra tutti i luoghi possibili! Ti diro' anche che i luoghi sono relativi, queste vibrazioni si trasmettono su canali sottili, non convenzionali (onde a modulazione di frequenza); e' pur vero che a volte le limitazioni da parte dell'ambiente (sulla psiche delle persone) possono fare da deterrente perche' ci fanno vibrare a frequenze basse, pero' in questa visione gli ostacoli sono solo prove da superare, e' come un training, possono essere molto utili e comunque fanno parte del nostro percorso (le abbiamo scelte prima di venire). Poi scopriremo che dominiamo anche il tempo...e che le uniche limitazioni sono quelle che mettiamo noi.

      Io sono un'anima antica su questo pianeta, non giovane come voi. Aspettavo questo momento per poter dare il mio contributo e fare il salto tutti insieme. E il momento e' arrivato, finalmente!

      Alessandra

      Elimina
    4. P.S.: non ho avuto modo ancora di vedere il tuo video, ho intenzione di farlo perche' e' un tema che mi interessa molto; non ne so molto piu' di te, pero' ne ho conosciuti parecchi di 'star born first time' (come li chiama una dei miei 'masters'), per questo ti ho 'sgamato'...

      xxxAles

      Elimina
  10. Purtroppo è utile parlare di economia. Serve anche avere un linguaggio familiare..mi si dirà che così non si innalza la coscienza ma è pur vero che nemmeno va costretta.Questa è luce.
    "Fu una grande liberazione di risorse energetiche interne" ottimo passo.
    PS: Splendida la proposition 30!Diffondero'!
    MG75

    RispondiElimina
  11. Verrebbe quasi voglia di crederci, l’America che si rimette a produrre beni reali partendo dall’agricoltura, che diventa leader mondiale nella produzione di energia alternativa, l’America che comincia a vivere del suo, com’è stato fino alla prima metà del 900, così la smette di andare in giro per il mondo a depredare e piantare guerre a vario titolo; l’America che la smette di sentirsi un generatore di Bene messa lì per volere di Dio e per questo in diritto di esportare la sua mirabile cultura in ogni angolo del pianeta.
    Ma non è Obama che comanda in realtà, Obama può fare solo ciò che le oligarchie della finanza e dell’economia vogliono che faccia, o gli permettono di fare; tra l’altro i soldi, quando serve, chi glieli dà?
    Kennedy fu fermato per essersi messo in testa di fare a modo suo sul Vietnam, tra l’altro.
    Tutto questo quadro, che ti riempie il cuore solo a pensarci, sarà possibile quando quei quattro poteri che detengono i fili dell’economia del mondo, avranno trovato il modo di guadagnarci su, sostituendo una fonte di profitti con un’altra, ovvero quando l’energia del vento costerà ai cittadini più o meno quanto costa ora l’energia con le attuali condizioni, e se i pomodori prodotti in Arizona o nel Maryland avranno prodotto almeno gli stessi profitti che procura la finanza; l’occupazione che si crea in un caso o nell’altro non è una finalità o un presupposto ma una variabile.
    A me personalmente procura un certo piacere pensare a questi scenari di belle speranze, soprattutto perché potrebbero essere fattibili, ma che siano possibili è altra questione. Il benessere dei popoli e delle nazioni è correlato in maniera inversamente proporzionale ai profitti e agli interessi di pochi; bisogna solo stabilire chi comada, stabilito questo, potremo interpolare i fatti prossimi futuri. Carmen

    RispondiElimina
  12. Grazie Sergio per l'opera meritoria di divulgazione.

    RispondiElimina
  13. Diana da Genova14 novembre 2012 03:44

    Ho ancora i brividi.. Non ho mai letto un tuo articolo, questo è il primo (e ringrazio mio padre per avermelo inoltrato). Caso non tanto strano di questi periodi ho avuto il tempo di leggerlo perchè sono disoccupata da due settimane, e mi vergogno di ammettere che anche se ho più tempo a disposizione purtroppo non lo sfrutto come dovrei per informarmi su ciò che accade, per sentirmi anche io una cittadina del mondo. Ma come ben sai, appena accendi la tv i telegiornali ti riempono di nozioni fondamentalmente inutili, come se non esistessero altro che i disastri ambientali, i dulivi, il tempo, il caldo d'estate e il freddo in inverno, scomparse di persone, omicidi, casi vecchi di anni triti e ritriti come se non ci fosse altro di cui parlare. La politica stessa è difficile da comprendere perchè loro stessi te a rendono incomprensibile. Per non parlare dei giornali. Ognuno dice la sua, o meglio ancora "inventa" la sua versione dei fatti, per cui sei disilluso e demotivato dal cercare la verità dei fatti, dall'informarti su quello che succede non solo in Italia, ma in Europa e in tutto il mondo.
    Tutti siamo pronti a lamentarci di come vanno male le cose, di come gli altri sono ladri, disonesti, truffaldini, ma mai nessuno che faccia il primo passo per cambiare, per migliorare. Per sacrificare se stesso in favore del bene comune.
    Io sono educatrice scout, ed è questo che insegno ai miei bambini, e da quest'anno anche ai ragazzi liceali e universitari. Migliorarsi, tendere la mano a chi è in difficoltà a discapito di qualche sacrificio personale, fare delle scelte, non farsi influenzare dagli altri ma dare voce alle proprie idee, trasformare parole in fatti, mettersi al servizio dell'altro. Questo è il primo passo verso la consapevolezza che se voglio che le cose cambino,devono partire da me.
    L'Italia purtroppo è vero.. più il mondo va avanti più noi torniamo indietro, ammuffiamo, e non vediamo orizzonti perchè ben pochi son capaci di mostrarli alla comunità.
    Grazie Sergio per averci rivelato che sperare in un mondo migliore è possibile, basta volerlo con tutta l'anima e con tutto il cuore. Bisogna trovare la persona giusta a cui affidare il nostro destino, e noi rimboccarci le maniche e responsabilizzarci delle scelte che facciamo ogni singolo giorno, ricordandoci sempre che le nostre scelte influenzano il mondo che ci circonda.

    RispondiElimina
  14. E' avvenuto veramente un incredibile mutamento nella percezione collettiva californiana dell’esistenza??? Non mi azzarderei a sostenere fortemente questa ipotesi!!! C'è una cosa che a me ha fatto molto pensare e che è in deciso contrasto con la spinta moderna e culturale di cui lei ha scritto: c'era anche un secondo referendum in California sull' abrogazione della pena di morte e ....in questo caso ha vinto il NO!
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è vero, ma bisogna considerare quella che è la reale situazione di tradizione storica della California; nel 1948 la Gran Bretagna avviò il primo piano mondiale di sanità pubblico gratuito facendo un colossale sforzo, e due anni dopo varò un gigantesco piano di istruzione pubblica, soltanto quattro anni dopo, sir Bertrand Russell il grande filosofo pacifista cominciò a muoversi sostenendo che era arrivato il momento di portare avanti la battaglia per abolire l'impiccagione. Prima devi formare i cittadini e poi puoi portare avanti battaglie collettive per evolversi, altrimenti restano pura demagogia.

      Elimina
  15. La pena di morte non c'entra. Altrimenti si parla di risveglio nei soliti termini new age modarecci anche troppo venduti nelle librerie. Ovviamente anche io sono contro la pena di morte. MG75

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aggiunta/precisazione:
      Credo però che in un secondo momento sarà come dici tu e cioè che il risveglio porterà ad abolire anche la PDM (meglio non citarla perchè ciò che si cita persiste) .MG75

      Elimina
  16. Ad Maiora semper !

    C'è anche un'altraottima notizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...quel concetto squisitamente californiano che dice sharing is everything, la condivisione è tutto.

      Scommetto la testa (la tua naturalmente) che la frase riportata qui sopra al Modigliani l'hai suggerita tu, pericoloso rivoluzionario :-)

      Elimina
  17. grazie delle grandi informazioni

    RispondiElimina
  18. Grazie di aver aperto anche questa finestra. Certo però che se guardando gli incrementi la Proposition 30 è davvero grande (incremento delle tasse del 3,45% per i redditi più bassi e del 29,13% per i più alti), se invece guardiamo alle aliquote (7,5% e 13,3% rispettivamente sotto i 250.000 e sopra 1 milione di dollari) di strada da fare anche in California ne resta davvero tanta. Speriamo che questo eventi segni davvero un punto di svolta che possa contagiare altre realtà e creare un'inerzia per muoversi ancora più velocemente forward. Gerhard

    RispondiElimina
  19. La fonte dei dati dek mio precedente commento è: http://ballotpedia.org/wiki/index.php/California_Proposition_30,_Sales_and_Income_Tax_Increase_(2012). Gerhard

    RispondiElimina
  20. Grazie Sergio, apprezzo la sua intelligenza, la competenza e la sua sensibilità.

    Attilio Piazza

    RispondiElimina