lunedì 19 maggio 2014

Ciascuno ha le armi che si merita.



di Sergio Di Cori Modigliani

Dai sondaggi sono passati agli insulti e agli attacchi personali.
Non potendo più usare le cifre (false) gestite da istituti di sociologia e rilevazioni statistiche che sopravvivono grazie ai finanziamenti da parte delle fondazioni gestite dai partiti, sono rimasti senza argomenti. Li hanno usati in maniera impietosa, i sondaggi, diffondendoli con un bombardamento continuo attraverso le televisioni, usando trucchi da baraccone per manipolare le menti senza che i malcapitati se ne rendessero conto. Nessuna azienda seria (tipo Morgan Stanley o Black Rock che hanno interessi multimiliardari nel mercato dei capitali in Italia) userebbe anche per un secondo i dati che i nostri professionisti della cupola mediatica sciorinavano alla tivvù facendo credere  che si trattasse di scienza infusa, o peggio ancora "dati statistici oggettivi". La maggior parte dei meccanismi di rilevazione usati da questa aziende sono biecamente propagandistici e pilotati, quindi falsati. Ce n'è uno di cui gli esperti parlano in giro perchè è diventato (nell'ambiente professionale di gente seria) il simbolo del totale degrado della nazione, secondo il quale Renzi risulterebbe il politico considerato dagli italiani "il più democratico" tra tutti. La rilevazione è stata effettuata nel seguente modo: dopo diverse domande di vario genere e in diverse materie arriva la seguente domanda "Secondo lei da 0 a 5 quanto è stato democratico Adolf Hitler?". Naturalmente, il 100% delle persone risponde 0, anche quelli che non sanno nulla nè di Storia nè di Politica, se non altro per sentito dire. Arriva la seconda domanda, "Secondo lei da 0 a 5 quanto è stato democratico Stalin?" anche qui circa il 100%. E così via dicendo, proponendo i nomi dei più efferati e sanguinari dittatori mai esistiti sul pianeta. Alla quinta domanda, arriva il quesito "Secondo lei da 0 a 5 quanto è democratico Matteo Renzi?'". Poichè la mente umana funziona secondo il concetto di associazione, confronto e paragone, automaticamente anche il più focoso anti-renziano tra tutti gli italiani risponde almeno 2, perchè, il suo inconscio obbligato ad asscociarlo subito a Gheddafi, Pol Pot, Pinochet capisce che c'è una differenza enorme tra quelli e Renzi (il che è vero). Il risultato accredita quindi Renzi di un bel 4 o 5 da cui i rilevatori ne ricavano che "per la maggioranza degli italiani, Matteo Renzi è il politico considerato il più democratico tra tutti". Ma i rilevatori televisivi non spiegano i termini di paragone. Se alle stesse identiche persone venisse posta la stessa domanda facendola precedere però da Roosevelt, Pertini, Zapatero, Mitterrand, il risultato sarebbe completamente diverso perchè per la mente umana degli italiani associare il nome di Renzi a quelli di Hitler, Stalin e Pinochet è completamente diverso che associarlo a Mitterrand, Pertini o Roosevelt. 
E' il motivo per cui i grossi colossi della finanza (dotati di loro segreti sondaggi che a loro servono per calcolare la realtà sociale di un territorio e quindi valutare se vale la pena o meno investire su questa o quella persona) sono nel pallone e stanno disinvestendo dalla Borsa di Milano e dall'Italia ritirandosi precipitosamente. Sanno che gli italiani nella stragrande maggioranza non ne possono più, non considerano credibile nessun esponente dell'attuale classe politica dirigente, e sono disposti a bocciarli anche da subito. Sanno anche che l'attuale classe politica dirigente italiana non combinerà nulla, peggiorando la situazione del paese.
Lo sanno anche i Berlusconi, i Renzi, i Vendola, ecc., i quali -è la mia personale opinione- cercano di spingere l'elettorato verso l'astensione sperando in tal modo di poter aumentare le proprie percentuali di consenso: meno italiani votano, meglio è per chi comanda. Tanto più è piccolo il numero complessivo dei votanti, tanto più facile ed economico sarà il compito di chi deve gestire le clientele a pagamento. Una cosa è pagare 1 milione di elettori, ben altra cosa è doverne pagare soltanto 200 mila. 
L'insulto, l'aggressione personale, l'evocazione dell'oppositore politico presentato come un mostro sanguinario è l'estrema risorsa di chi è consapevole di non essere in grado di poter sostenere alcuna argomentazione plausibile, di non poter sedurre il proprio potenziale elettorato con programmi o progetti (non ne hanno), di non essere in grado di presentare candidati impeccabili dato che sono costretti a far votare personalità fiacche (e quindi controllabili) dotate soltanto di visibilità televisiva, una piacevole presenza fisica e un'enorme capacità di apprendimento immediato dei trucchi standard delle tecniche di comunicazione di carattere pubblicitario. Ma niente più di questo.
La realtà, invece, è molto diversa.
E' per questo che hanno paura, sentono franare la terra sotto i piedi.
In tutta la campagna elettorale non si è mai parlato di Europa, di Fiscal Compact, di Diritti Civili, per un motivo elementare: Forza Italia, Fratelli d'Italia, Scelta Civica, PD, la pensano nello stesso identico modo sui temi più importanti e quindi non avrebbero potuto concorrere dato che la piattaforma è la stessa: rispetto di tutti i trattati, salvaguardia dell'austerity, difesa a oltranza della finanza, sostegno a pioggia del sistema bancario, imminente aumento della tassazione, nessuna revisione del pareggio di bilancio, sostegno alle rendite finanziarie.
Ciò che per l'intera classe politica dei partiti italiani contava, e ancora conta, era ed è: "non parlate dell'Europa, non parlate di problemi europei, non parlate di alcun programma rispetto all'Unione Europea". 
Non è stato possibile neppure parlare mai dei problemi dell'agricoltura in Italia, dei debiti alla pubblica amministrazione non pagati. E' passato completamente sotto silenzio il comunicato in conferenza stampa di Antonio Tajani (vice-presidente della Commissione europea) -esponente di punta di Forza Italia- il quale in data 14 maggio 2014 ha fatto sapere che "ho già dato incarico di stilare la denuncia del governo italiano per infrazione dovuta al mancato pagamento dei crediti che le aziende vantano nei confronti della pubblica amministrazione" a questo punto ha fatto una pausa e poi ha aggiunto "tale denuncia, verrà presentata formalmente in data 27 maggio", un bel regalo per Matteo Renzi: si tratta di 3 miliardi di euro che il governo non aveva conteggiato, ma se ne parlerà dopo, a elezioni avvenute. Neanche una domanda da parte dei giornalisti, soprattutto quelli televisivi, eppure si parlava di aziende italiane, di normativa europea, di regolamentazione nei rapporti tra Italia ed Europa. 
In compenso si parla di Dudù, di dentiere, degli 80 euro, ecc. 
Non c'è neanche gusto a competere con gente del genere.
Questa mattina, Debora Serracchiani ha detto su tutte le reti Rai : Il fatto che Grillo questa sera vada a Porta a Porta da Vespa significa che il M5s è dentro al palazzo e quindi non sta più all'opposizione. Una frase completamente priva di alcun senso logico, un insulto all'intelligenza degli italiani, come se contemporaneamente all'intervista fossero state organizzate delle riunioni tra i deputati di M5s e faccendieri indagati per gestire appalti di Stato preparandosi a votare la fiducia a Matteo Renzi. Che cosa c'entra? Che Senso ha?
Per l'appunto: nessuno.
In questi ultimi quattro giorni, faranno tutto ciò che è loro possibile per abbattere il Senso.
Un paese ormai senza Diritto, senza Etica, senza Morale, senza Lavoro, senza Prospettive.
Farlo abboccare a un'idea della realtà Senza Senso è la loro ultima spiaggia.
Un governo senza mandato popolare, composto da ministri che nessuno ha mai votato, garantito da un Presidente votato da chi non è stato votato, ma soltanto nominato, per lo più a pagamento.
Una campagna elettorale regredita e regressiva, con un unico grande risultato, questo sì davvero insperato: il definitivo smascheramento della logica consociativa della destra e della sinistra italiana. "Votate per chi vi pare, basta che non votate M5s" ha detto Matteo Renzi.
E Berlusconi gli ha fatto eco, confermando.
Anche Scelta Civica si è accodata, aggiungendoci il tocco per cui "chi vota M5s non è normale". 
Per loro è "normale" invece che gli italiani votino per il PD che vuole Martin Schulz presidente della commissione europea, un uomo che attualmente è solido e fedele alleato di governo di Angela Merkel, che non ha mai fatto mistero neppure per un secondo di avere come priorità assoluta la salvaguardia degli interessi tedeschi, la difesa delle aziende tedesche, la tenuta del mercato interno tedesco e del tenore di vita dei tedeschi: il PD è d'accordo.
Mentre, per Berlusconi, è considerato "normale" che gli italiani votino per Forza Italia che vuole Juncker presidente della commissione europea, un uomo considerato il braccio destro della Merkel e di Draghi, che non ha mai fatto mistero neppure per un secondo di avere come priorità assoluta la salvaguardia degli interessi tedeschi, la difesa delle aziende tedesche, la tenuta del mercato interno tedesco e del tenore di vita dei tedeschi: Forza Italia è d'accordo.
Anche Scelta Civica è d'accordo. 
Gli unici che non sono d'accordo sono i cinque stelle.
E' per questo che i garanti delle banche e della finanza speculativa non vogliono che gli italiani votino per M5s: un grande risultato elettorale spunterebbe le loro armi speculative.

Ciascuno ha le armi che si merita.




13 commenti:

  1. Meno male che Libero Pensiero è .uk, credo che l'ultima carta sia l'agcom, lo ho detto pure un mesetto fa e spero di risbagliarmi ma credo che non deluderà i suoi padroni.
    Si affannano tanto e non capiscono che chi si è risvegliato non è più in grado di tornare nel limbo dei rimbambiti, forse aveva ragione Homer Simpson, i vaccini servono per controllare la mente delle persone e funzionano molto bene.
    Torneremo ad avere il sorriso, è solo una questione di tempo, tutto il resto sono solo supercazzole al cubo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungerei che un sacco di gente, me compresa, si è rotta le scatole di seguire i loro dibattiti a senso unico fatti di scimmie urlatrici che vogliono solo stare appese all'albero.....ma chi ci crede più??

      Elimina
  2. Si...ma....io qua nel profondo nord-est, un po' di paura ce l'ho....ricordate cosa successe dopo mani pulite..? Anche allora c'erano tutti gli elementi per un risveglio delle coscienze, la delusione fu' enorme...l'anima nera dell'italiano prese il sopravvento a mio modo di vedere.
    Amici siamo ottimisti!!! (Io sono in piazza tutti i giorni col banchetto) ricordiamoci pero'che siamo ancora esuli....
    Gino

    RispondiElimina
  3. Il 25 misureremo la "febbre" della consapevolezza italiana ...io sono fiducioso, forse perché ho una bambina di 4 anni e quindi lo devo, o forse perché sono ottimista per natura.
    Nel frattempo parlo, commento, copio e incollo, divulgo ...cerco di svegliare ed incuriosire più persone che posso ...anche se a volte il muro e veramente di gomma.
    Grazie Sergio, il suo apporto è di grande conforto e stimolo.

    RispondiElimina
  4. Se lo vogliono gli italiani possono fare come per il referendum sull'acqua pubblica. Sommergerli di voti, in questo caso M5S.
    Paolo

    RispondiElimina
  5. non voteremo il m5s,perche non parlano di rappresentanza diretta e reale di tutti i cittadini italiani!non voteremo il m5s perche non parlano di togliere i finanziamenti ai giornali,alle tv,a internet,alla confindustria alla chiesa,ai sindacati,ai patronati,per devolverli direttamenti ai socialmente disagiati utili!e non alle piccole e medie industrie,gia ricche di loro!non li voteremo,per che sono contattabili,ne per telefono,ne per email,e perche non ti rispondono,o non ti ricottattano,provate!non li voteremo perche ci sono misere pensioni mensili di 136,150,180,di 7000,15000,30000!non voteremo il m5s,perche hanno migliorato solo la qualita della loro vita,e non quella degli altri!e non voteremo grillo,perche è andato a porta a porta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa non l'ho capita. Se volevi essere ironico ti è riuscito male. Se volevi dire sul serio ti è riuscito peggio :-)
      stefano

      Elimina
    2. Questo manco sa' scrivere ma dove li raccattano i troll???boohh

      Elimina
    3. siamo il movimento ra.di.ci:rappresentanza diretta cittadini,e a breve vi faremo un culo quanto una padella a voi servi del sistema ,dei partiti,egoisti e magnacci, che non avete mai lavorato un giorno in vita vostra,se non per sfruttare e campare sulle palle della gente onesta e laboriosa!

      Elimina
    4. Ma come si fa a rispondere seriamente ad uno così..boh..E' uno scherzo dai :)

      Elimina
  6. Rispetto a Mani pulite oggi la situazione è diversa. Sono passati 20 anni, e non invano. Si può mentire ma non per venti anni a tutto il Paese. I fatti parlano chiaro e ci dimostrano che questa banda di affaristi ha bruciato le conquiste socioeconomiche di gran parte di noi. L'esplodere della corruzione è davanti ai nostri occhi e non può essere più ignorata, anche in Vaticano il nuovo corso di Papa Francesco sta mettendo agli angoli Comunione e Liberazione, l'Opus Dei, il cardinale Bertone e le loro cricche, riportando lo Ior nella legalità. C'è qualcosa di nuovo che si percepisce e che ci fa bene sperare. I dati statistici e la realtà quotidiana non possono più essere manipolati. Anche volendolo. Non è un caso che si ricomincia a parlare di Tasi, ex Imu, di tasse sugli immobili, perché, ora che arrivano i numeri veri, i cittadini si accorgono che pagheranno più di prima...

    E quando non ci sono soldi per pagare le tasse, Grillo o non Grillo, la gente comincia ad incazzarsi veramente. Speriamo che se lo ricordi domenica prossima votando contro questa cricca, a favore di chi sinora ci ha aiutato a denunciare sprechi e ruberie. Senza i 5 Stelle in Parlamento quanti di questi tristi episodi sarebbero ancora ignorati?

    RispondiElimina
  7. Mi permetto una piccola chiosa: Fratelli d'Italia non è per l'austerity, anzi è contro l'euro.
    Il problema dei Cinque Stelle è che sono spaccati tra una base largamente favorevole all'uscita dall'euro e una classe dirigente che invece è arroccata su posizioni europeiste e a volte persino a favore dell'austerità (Casaleggio ha detto di voler tagliare 200 miliardi di spesa pubblica).
    Un eventuale successo di un partito come la Lega, credo, possa contribuire a cambiare i rapporti di forza in partiti come i Cinque Stelle ancora spaccati al loro interno riguardo alla moneta unica.

    RispondiElimina
  8. A rischio di essere molesti....fate girare,magari qualcuno apre gli occhi

    http://www.youtube.com/watch?v=zkaf1SrEIH0&feature=youtu.be

    http://www.youtube.com/watch?v=zjxmRj5YSFQ

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.