lunedì 5 agosto 2013

La Gelmini, la Carfagna, la Santanchè sostengono che Anna Maria Cancellieri è stata protagonista di brogli elettorali.



di Sergio Di Cori Modigliani

Un brevissimo post fiscale e noioso. Ma è necessario, oggi più che mai.

La falsità, le bugie, la manipolazione dei fatti estesa al punto da rovesciarla nel suo contrario; queste sono le caratteristiche comportamentali del delinquente, come base quotidiana operativa e ordini forniti ai propri giannizzeri dai consulenti della comunicazione.

Anche ieri, la on. Carfagna, la on. Gelmini e la on. Santanchè sono andate in giro per le televisioni sostenendo che Anna Maria Cancellieri, attualmente Ministra della Giustizia (persona che io stimo per davvero, considerandola la persona migliore che abbiamo avuto al governo dal novembre 2011) in verità è una bugiarda, una falsaria, e ancora peggio autrice di broglio elettorale; quindi passibile di denuncia penale immediata. 
Infatti, tutte e tre, hanno seguitato a sostenere pubblicamente che "Berlusconi rappresenta quei 10 milioni di italiani che lo hanno votato.....noi abbiamo il dovere di salvaguardare quei 10 milioni di voti". 
E' FALSO.
E' stato votato da 6.829.135 persone al Senato della Repubblica in data 25 Febbraio 2013.
E' stato votato da 7.332.667 persone alla Camera dei Deputati in data 25 Febbraio 2013..
La firma certificata di questi dati è quella apposta dall'allora Ministra degli Interni, per l'appunto Anna Maria Cancellieri, alla fine del prospetto  pubblicato della Gazzetta Ufficiale: unico atto formale legalmente autorizzato a poter essere usato come fonte di notizia oggettiva, verificata, attendibile; intendiamoci, così recita la Legge.

Ma da noi, il Delinquente -altrimenti non sarebbe tale- usa la comunicazione per far passare opinioni personali come se fossero dati oggettivi, e questo impone ai suoi eletti che eseguono gli ordini. Perchè loro ritengono che la Legge non vada applicata e la seguono e la rispettano soltanto gli stupidi.
Quindi, chi -chiunque essa o esso sia- sostiene delle cifre diverse da queste (che il sottoscritto ha ricavato dalla pagina del Ministero degli Interni) sta dicendo che la Cancellieri ha firmato il falso, ed è passibile di denuncia per broglio elettorale.

Le tre deputate del PDL, dal 28 Febbraio 2013 insistono invece nel sostenere che Berlusconi ha ottenuto 10 milioni di voti. E' FALSO!

Non c'è stato nessun giornalista della cupola mediatica che le abbia mai interrotte per correggerle -nessuno nel senso di neppure uno- da quando loro hanno cominciato a diffondere queste cifre alla tivvù, come un mantra per un pubblico robotizzato, negli ultimi sei mesi, consentendo a queste elette in Parlamento di poter falsificare la realtà e blandire l'immaginario mentale dei telespettatori facendo loro credere il Falso, introducendo in maniera subliminale quel tipo di cifra per far credere a qualcosa che non ha nessun riferimento con la realtà.
Silvio Berlusconi ha perso le elezioni. Ed è bene ricordarlo.
Il 25 Febbraio 2013 ha ottenuto il 48% di voti di meno rispetto al 2008, quando ne aveva presi ben 13 milioni e rotti.
Con abilità sconcertante, sapendo che poteva contare sul totale rimbecillimento della stampa (perchè nessuno avrebbe mai corretto i loro dati) hanno iniziato a diffondere falsità.
In un paese totalmente narcotizzato come questo, il Delinquente ha avuto gioco facile. Subito dopo la fine delle elezioni, è partito immediatamente il lavoro dei consulenti della comunicazione che hanno spiegato ai loro accoliti come comportarsi perchè era anche possibile far credere di aver vinto le elezioni nascondendo il fatto di averle perse.
E' andata a finire come sappiamo.
Strada facendo, quel magro 17% (diventato 26% in parlamento ma soltanto come coalizione, grazie ad altre liste, alcune delle quali erano contro il Delinquente) è diventato prima 1/3 del paese (ovvero il 33% della popolazione), infine, una volta entrati al governo è diventato "la metà del paese" portandolo al 50%. 
Nessun giornalista (neppure ieri) ha contestato questi dati che sono FALSI.
La lista del Delinquente rappresenta il 12,8% della popolazione, pari quindi a 1/8 della nazione.
Non la metà.

Si parte da qui.
Da questo piccolissimo dettaglio.

Dichiarano il Falso, scrivono il Falso, dibattono su dati falsi e non c'è nessun giornalista che li corregge mai, li interrompe, spiega loro che i dati veri sono altri.

Pensate che in un paese fatto così, ci verranno a dire, spiegare, riferire che cosa stia accadendo in questo momento nella trattativa tra il Delinquente, il Nipotino e l'Innominabile?

E' possibile che non esista nessun giornalista che li sbugiarda?
Anzi che le sbugiarda, dato che sono tre donne a ripetere il mantra continuamente (la media, di solito, è circa sei volte a ogni comparsata televisiva) secondo lo stesso ritmo delle immagini pubblicitarie che devono essere ascoltate e/o viste almeno 6 volte al giorno per la durata di 25 giorni di seguito prima che si sedimentino nell'inconscio e vengano fatte proprie.

La tragedia di questa Falsità consiste nel fatto che la stragrande maggioranza della gente (comprese tantissime persone per bene, oneste, in buona fede, che hanno votato per Sel, per il PD per il M5s, per la lista Ingroia) sostengono che "però il Delinquente, bene o male, rappresenta 10 milioni di persone che ancora lo votano".

NON E' VERO.

L'Italia è cresciuta.
Gli italiani sono cresciuti.
I sostenitori del Delinquente sono una netta minoranza: un ottavo della popolazione non la metà.
STAMPATEVELO BENE IN MENTE.

E se non vi fidate di me (e non dovete farlo) andate a controllare sulla Gazzetta Ufficiale la cifra corrispondente ai voti ottenuti dal PDL e dal suo Presidente.

Non fatevi ingannare più.

Ci sarà pure da qualche parte qualche straccio di giornalista disposto a pubblicare le cifre giuste.
Chiedeteglielo. Fate domande. Esigete delle risposte, delle prove, le cifre ufficiali.
Questo elemento è stato fondamentale per varare questo governo e consentire questo tipo di reazione oggi alla sentenza: è stata la prova che il paese è in grado di bersi qualsivoglia frottola.

Difendetevi dai falsi e dalle sofisticazioni. Basta poco. Controllate e verificate.

Altrimenti, se tutti seguitano ad accettare un Falso come Verità, i consulenti del Delinquente avranno ragione nel pensare -e quindi agiranno di conseguenza- che questa nazione è composta da individui rimbecilliti talmente addormentati da arrivare al clamoroso punto di prendere un perdente decotto per un vincente. Ciò che è ancora più triste, farlo credere a tutti.

Just in Italy!.






3 commenti:

  1. la cosa che più mi scandalizza ancora è che tutti considerano Montesquieu ormai sotterrato... o forse nemmeno sanno nulla dei tre poteri...insomma togliere i diritti civili a un condannato al terzo grado di giudizio, è fare uno sgarbo ai milioni di italiani, quanti siano non so, che lo hanno votato!!!!m.g.m

    RispondiElimina
  2. L'azione rincretinente del mezzo televisivo è veramente subdola e tremendamente efficace.
    Quando poi è coordinata e gestita come una bomba atomica agendo sull'atomo costitutivo della materia grigia,diventa devastante.
    Il fatto che soltanto uno striminzito ottavo della popolazione votante italiana si possa definire sostenitrice degli autori responsabili di una simile devastazione delle menti e dei cuori potrebbe essere un buon elemento di speranza per il fututo.
    Uso il condizionale per la nota ed ormai evidente connivenza collaborativa con il Pd ed il suo direttorio che del rimbecillimento degli italiani e della ipocrisia più squallida e sovvertente la realtà è del pari artefice e paladino. E di conseguenza aumenta la base numerica delle menti devastate e forse irrecuperabili a breve termine.

    Il tutto per la massima soddisfazione della triade e della sua coorte,che imperterrita continuerà a spacciare il falso deformando il vero.Aumentando le dosi gradatamente per testare i tempi adatti a propinare le dosi di veleno necessario alla sopravvivenza della casta a spese dei soliti fessi.

    Una atmosfera surreale,da brividi,a pensar bene,nonostante la calura...

    Bisognerà sostenere con ogni mezzo giusto quei rappresentanti del nostro Parlamento che si sono accinti ad una azione ciclopica ,storica,di restituzione della nazione ad un vivere civile,umano,vorrei dire normale,equilibrato.

    Speriamo in bene.




    RispondiElimina
  3. Mi permetto di fare una correzione: il 12,8% dei votanti, non "della popolazione" (dai 17 anni in giù voterebbero altro!), né degli aventi diritti al voto (consideriamo gli astenuti!).

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.