domenica 18 agosto 2013

La rivoluzione d'Egitto. O la truffa europea. A seconda di come si guarda il mondo.



di Sergio Di Cori Modigliani


Capire l’Egitto, oggi, per comprendere che cosa fare in Europa domani.
Lo vediamo ogni giorno sugli schermi della tivvù e lo leggiamo in rete: l’Egitto è in fiamme. E quella nazione si trova a un millimetro dall’esplosione di una sanguinosa guerra civile che, in tempi molto brevi e molto rapidi, si estenderebbe in tutta la zona del Mediterraneo, dal Marocco fino all’Asia Minore. Con un’alta probabilità di far esplodere di nuovo il conflitto israelo-palestinese, che questa volta coinvolgerebbe anche la Giordania, l’intervento militare della Russia, e senza alcun dubbio promuoverebbe, inevitabilmente, una nuova stagione di terrorismo sfrenato in tutta l’Europa. Italia in testa. Perché siamo un importante paese della Nato, perché siamo un paese fondamentale della Unione Europea, e perché, all’interno delle diverse fazioni in campo, ci sono anche diversi gruppi di fanatici armati di tutto punto che hanno come obiettivo strategico il centro del papato a Roma.
La situazione è, quindi, esplosiva.
Ma non è una novità. Neppure una sorpresa.
Proprio su questo blog, in un lontano post dell’ottobre 2012, cercavo di spiegare ai lettori quale fosse la vera posta in gioco nell’elezione di Obama, e quali evrebbero potuto essere le conseguenze, in termini finanziari, economici, politici, e infine militari, se in tutto il continente americano, dal Canada all’Antartide, fosse stata presa la decisione di mandare in pensione la stagione dell’iper-liberismo, dell’austerità economica, della finanza speculativa, della cinesizzazione del mercato del lavoro. Insomma, per dirla in soldoni, se l’idea socio-economica evocata da Keynes avesse finito per prevalere su quella aristocratico-elitaria imposta dai colossi della finanza multinazionale. Perché i proprietari delle banche non avrebbero mollato, perché i produttori e distributori di petrolio, carbone, fossili inquinanti, non avrebbero mollato; perché i controlloti dell’energia, delle sementi, del credito alle imprese, delle rendite passive elitarie, non avrebbero mollato. A costo di scatenare la guerra mondiale. Quella calda, anzi, quella bollente, tanto per capirsi.
Perché l’oligarchia aristocratica, quella storicamente battuta dalla grande rivoluzione francese (proprio quella) avrebbe tentato con ogni mezzo la definitiva rivincita storica per chiudere –questa volta per sempre- il grande progetto planetario nato dall’affermazione dei principii della Dichiarazione universale del 1789, quando aveva posto il primo mattone della vera e unica Europa pensabile: quella dei Diritti Civili, della primogenitura del concetto di cittadinanza, dell’uguaglianza e rispetto tra diversi, dell’abbattimento dei privilegi consolidati, della cancellazione delle rendite storiche per censo.
Perché sono due idee del mondo contrapposte e incompatibili.
Non  a caso da diversi anni –almeno trenta- siamo in guerra.
Una guerra diversa da quella solita, quella cosiddetta “calda” con i mitra, a sua volta diversa da quella cosiddetta “fredda” con le spie,  tramontata con il crollo del muro di Berlino nel 1989. Questa guerra io la definisco “la guerra esistenziale”: ossia l’attacco frontale delle oligarchie finanziarie contro l’idea della cittadinanza collettiva in ogni paese, in ogni nazione, in ogni Stato. Senza rispetto né compassione, come avviene sempre in ogni guerra che si rispetti.
Una guerra spietata, questa, di cui, in questi giorni stiamo assistendo ai primi –primissimi-  singulti tragici, con l’nevitabile scia di sangue e di morti innocenti.
Una guerra voluta, dichiarata, pianificata, progettata fin dalla fine degli anni’70, affermatasi con successo, in tutta la sua virulenza, agli inizi del nuovo millennio, dal varo dell’euro all’attentato delle torri di Manhattan; dalla guerra in Iraq alla crisi finanziaria del 2008; dai diktat della BCE agli ordini perentori del Fondo Monetario Internazionale.
La guerra esistenziale, secondo i loro pianificatori, non avrebbe trovato adeguata né preoccupante resistenza. Avevano già provveduto a costruire un occidente distratto e narcisista, totalmente deculturizzato, narcotizzato e imbelle, in modo tale da assicurarsi dovunque l’affermazione di un sistema di consociativismo complice tra apparenti opposizioni. Chiunque andasse al potere, destra o sinistrra che fosse, religiosi o laici, ciò che contava era il rispetto degli ordini delle elite finanziarie: pena la fame dei cittadini. Quella vera.
Ma in tempi mediatici, questo progetto si è dimostrato rozzamente infantile.
Perché lo sviluppo di massa del web, dei social networks, di twitter, ha provocato un inatteso sistema di diffusione delle notizie, delle informazioni, che ha finito per provocare  insolite forme di aggregazione e di risveglio della coscienza collettiva responsabile, sempre meno faziosa, sempre meno schierata, sempre di più votata alla lotta oppositiva contro la dittatura della finanza nel nome dell’interesse di una comunità di liberi pensanti, autonomi e indipendent. E così, inatteso, a livello di massa, è apparso sul teatro della Storia un inedito soggetto politico: il libre citoyen
L’imposizione dittatoriale e univoca ai danni di tutti i popoli planetari  ha prodotto, quindi, le prime forme di ribellione, di contrapposizione, al di fuori dei meccanismi usuali, perché privo di rilevanza e identificazione ideologica. Una forma spontanea, dal punto di vista finanziario-mediatico spaventosamente povera e priva di ricchi mezzi, ma dotata di un livello di consapevolezza collettiva molto alto che ha cominciato a dare i propri frutti, da wikileaks a occupywallstreet, dal trionfo elettorale di M5s in Italia, all’irruzione sullo scenario internazionale dello strappo sudamericano, evidenziato dalle scelte del presidente ecuadoregno Rafael Correa, il quale non appena ha assunto il potere ha fatto arrestare l’oligarchia locale, ha protestato il proprio debito economico definendolo “immorale” e ha licenziato le multinazionali, nazionalizzando banche, istituti finanziari, lanciando un modello che ha fatto presa su un intero continente.
L’Europa e l’Africa settentrionale (che è una nostra colonia, tanto vale dire come stanno le cose) hanno fatto finta di niente, pensando di riuscire a metterci una toppa. L’importante consisteva nel riuscire a chiudere “la partita economica” e creare un mondo in cui l’economia pianificata delle nazioni fosse soggetta agli ordini della finanza internazionale speculativa. Tradotto in termini sociali, questa mossa presupponeva l’abbattimento della classe media, sia quella pensante intellettuale che quella operativa imprenditoriale, costruendo un nuovo ordine mondiale basato su un’idea dell’esistenza precedente al 1789: super ricchi privilegiati da una parte, una massa di bisognosi spaventati dall’altra.
Noi ci troviamo al centro di questa guerra.
Ci stiamo avvicinando all’occhio della tempesta.
Ciò che sta accadendo in Egitto, deve servirci a comprendere, incorporare e capire quali siano le vere forze in campo. Lo scontro in atto non è tra sciiti e sunniti, non è tra mussulmani e laici, non è tra civili e militari, tra salafiti e cristiani copti. Questo è ciò che vogliono farci credere, e questo è ciò che stanno cercando di far passare all’interno della società civile egiziana per metterli gli uni contro gli altri.
La posta in gioco è un’altra.
Tant’è vero che non c’è nessuna (ma davvero nessuna) differenza tra la politica di Mubarak, quella di Morsi e dei Fratelli Mussulmani, quella dei militari al potere, e quella dei laici. Ciascuna di queste fazioni, negli ultimi 5 anni, ha gestito il potere seguendo le stesse identiche modalità: la piatta accettazione dei dettami della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale, facendo applicare in terra d’Egitto il varo di una serie di dispositivi finanziario-economici di natura restrittiva che ha distrutto il paese, affamando la popolazione. Oggi, alla tivvù, e sulla stampa italiana si ascoltano e si leggono anche colte e attendibili descrizioni delle diverse fazioni, dei nomi di gruppi distinti, manipolando lo sdegno dinanzi ai morti per le strade, senza spiegare come si vive in Egitto. Senza spiegare come hanno vissuto negli ultimi 5 anni e che cosa è accaduto. Non ci raccontano che in Egitto ci sono 90 milioni persone di cui, nel 2008, il 45% (pari a 40 milioni di persone) versavano in stato di “soglia al di sotto del limite della povertà” e nel febbraio del 2012 questa percentuale era arrivata al 59%, e nel giugno del 2013 aveva toccato la punta del 72%. Il laico Mubarak, il mussulmano Morsi, i generali attualmente al governo hanno rispettato gli ordini di scuderia, approfittando per accantonare miliardi di euro nei propri conti correnti nei paradisi fiscali. L’Unione Europea, dal 2008 a oggi (cioè soldi delle nostre tasse) ha versato circa 25 miliardi di euro secondo forme diverse per creare –così era sulla carta- un avanzato sistema di infrastrutture ferroviarie, di mezzi pubblici nelle grandi città, di scuole, di ospedali, di incentivi alle micro-imprese locali, soldi all’agricoltura per spingere gli egiziani a non emigrare, la creazione di un nuovo, gigantesco e poderoso avanzato sistema idrico-fognario urbano, una nuova rete elettrica sfruttando energie rinnovabili ed eco-sostenibili, il varo di un meccanismo di social welfare interno per creare imprese locali dando lavoro e abbattendo le conflittualità tra gruppi contrapposti. Niente di tutto ciò è stato fatto. NULLA. I nostri soldi, invece, con la totale acquiescenza di laici, mussulmani integralisti, riformatori non integralisti, militari, sono andati a finire nelle mani di consorzi di grandi studi di ingegneri e architetti europei legati a gigantesche multinazionali immobiliari, per creare spaventosi formicai di cemento, tirare su dei resort turistici, costruire porti per yacht da diporto privati, vendendo loro armi (l’Italia è in testa in Europa come principale fornitore) cemento, know how tecnologico, legato a interessi finanziari di gruppi europei mediatici e bancari, nel totale disprezzo sia dei dispositivi europei sia delle esigenze della cittadinanza. Abbiamo impoverito il paese, sapendo ciò che stavamo facendo, gettando milioni e milioni di persone nella disperazione esistenziale più assoluta, approfittando dell’avidità bulimica dei singoli governanti per  far passare delle leggi nazionali che hanno defiscalizzato gli oneri delle multinazionali (Eni e Finmeccanica in testa) ingozzando le banche locali di devastanti derivati speculativi finanziari che hanno spinto ai massimi la borsa valori locale. Ma hanno messo in ginocchio il paese, nel frattempo costretto (per propria scelta) a modificare tre volte la propria costituzione per immettere all’interno obblighi di rispetto di bilancio che hanno completamente devastato la già fragile struttura industriale ed economica del paese.
Lo scontro che noi oggi vediamo non è una guerra tra laici e mussulmani.
E’ l’ennesima truffa gestita dai colossi della finanza e dalla cupola mediatica.
E’ l’insurrezione di decine di milioni di poveri disperati allo sbando, ben manipolati da chi li gestisce, li organizza, e li mette gli uni contro gli altri per impedire loro di identificare il loro vero e autentico nemico: il sistema finanziario internazionale che gestisce le multinazionali dell’energia, del petrolio, dei fossili inquinanti, del mercato immobiliare, del grande turismo di massa, nel più totale disprezzo delle esigenze e della vita delle popolazioni locali. Senza Legge, se non quella del puro business. Mubarak non ha  rispettato nessuna legge rubando ( a noi europei) circa 10 miliardi di euro. Morsi non è stato da meno. In poco più di un anno si è messo da parte circa 2 miliardi di euro, a condizione che non attuasse nessun cambiamento: ha rispettato il diktat. Non appena preso il potere, un mese fa, i militari hanno congelato i conti bancari dei Fratelli Mussulmani e si sono presi i loro i soldi. Morsi rimarrà sotto sequestro finchè non avrà rivelato le password dei suoi conti correnti personali.
Le cose stanno così.
E’ inutile diffondere la retorica degli ipocriti.
La lezione da apprendere, per noi europei, consiste nel comprendere che ciò che accade oggi in Egitto accadrà domani in Tunisia, Lybia, Algeria, fino al Marocco e l’intera zona si infiammerà. Come in Europa, del resto. Con la differenza che da noi lo stile è diverso, la forma assume diverse sembianze, ma gli ordini sono sempre gli stessi. Perché la cabina di regia che emette gli ordini è sempre la stessa.
Il primo passo consiste nell’essere veri europei fino in fondo.
E’ necessario sottrarsi alla facile demagogia che spinge a sostenere le ragioni dei Fratelli Mussulmani o le ragioni dei laici civili o le ragioni dei militari.
Non va sostenuto nessuno.
Perché nessuno di questi ha mai rispettato le esigenze della collettività egiziana.
Essere europei vuol dire combattere per l’affermazione del diritto di tutti, di ogni etnia, di ogni ceto, di ogni credo religioso, per affermare come ruolo centrale della politica la fondazione del Dirittto Civile e della Legge, e il rispetto per l’esigenza della collettività perché la società appartiene alla cittadinanza.
Non siamo sudditi.
Il cancro non si trova a El Cairo o nell’ufficio di qualche gruppo terrorista.
Si trova a Francoforte e nella sede del Fondo Monetario Internazionale e nell’ufficio europeo di Ginevra della Banca Mondiale.
O ci rimbocchiamo le maniche per cambiare questa Europa, oppure finiremo per fare la stessa fine degli egiziani. Non ci saranno poliziotti che ci spareranno addosso dai tetti. Da noi si fa in modo diverso. Siamo più sofisticati, dotati di subdola e raffinata ipocrisia secolare. Si fa in modo di rimbecillire la gente in modo tale che, alla fine, in piazza non scende nessuno, perché ci pensano i cicisbei che gestiscono i talk show televisivi ad ammansire le persone. E’ più indolore, meno sanguinolento e più efficace. Si uccidono le coscienze e si addormentano le persone; i più riottosi e restii finiranno comunque per suicidarsi o diventare emarginati, scomparendo nel nulla: basta non dar loro accesso al mercato della diffusione delle idee. Magari con la promessa ventilata di regalare a tutti un viaggio premio di una settimana in uno splendido resort sul Mar Rosso. Costruito ed arredato con gusto italiano, da scenografi italiani, architetti italiani, ingegneri italiani, finanziati da banche italiane. Per loro i mutui sono sempre disponibili.
Per aiutare l’Africa, dobbiamo andare prima a cambiare l’Europa a Bruxelles.
Oppure, sarà l’Africa che irromperà in Europa con tutta la sua violenza.
E’ una questione di scelte.

E di consapevolezza.

21 commenti:

  1. Io sono contrario alla pena di morte.
    Però nel 1789 qualche testa volò dal collo e le aristocrazie planetarie pare lo abbiano dimenticato.Spero qualcuno glielo ricordi . Qualche "tirocinante".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo ricordano benissimo, se per questo. Pestano duro proprio perchè se lo ricordano. Lo sanno che può accadere di nuovo.

      Elimina
  2. "Le aristocrazie planetarie" quelle teste "volanti" se le dovrebbero ricordare molto bene visto che hanno contribuito a quei "voli" ...

    RispondiElimina
  3. Mi sembrava strano infatti, perché non capivo chi fosse il buono e chi il cattivo. Tuttavia il fatto che stavolta vogliono confondere l'opinione pubblica, senza più presentare chi è nel bene e chi nel male, mi dà da pensare, .. mi sà che stavolta per gli egiziani si mette davvero male.

    RispondiElimina
  4. Seguendo il principio caro a questo blog di ristabilire il significato alle parole, ci terrei a sottolineare la differenza fra "Aristocrazia" ed "Oligarchia". La differenza non è poca: la prima è una parola positiva (secondo la definizione di Aristotele: "il governo di pochi nell'interesse di tutti"), la seconda è ontologicamente negativa (il governo di pochi nell'interesse di pochi e per l'arricchimento di pochi a scapito di tutti gli altri), proprio perché è una delle forme degenerative dell'Aristocrazia e/o della Democrazia.

    Pur essendo io un convinto democratico, credo che confondere le due parole, ci faccia perdere le coordinate e ci renda più vulnerabili, aprendo la strada a quella che sempre secondo Aristotele era una delle forme degenerative della Democrazia: La "Demagogia".

    MM

    RispondiElimina
  5. Santa ragione ... ed è per questo ho messo le virgolette vicino a 'ste "aristocrazie planetarie", che sono oligarchie ... detto semplicemente bande dei ladroni-assassini schifosi, spietati e ben nascosti !

    RispondiElimina
  6. "Tant’è vero che non c’è nessuna (ma davvero nessuna) differenza tra la politica di Mubarak, quella di Morsi e dei Fratelli Mussulmani, quella dei militari al potere, e quella dei laici."

    Stai scherzando, vero?

    RispondiElimina
  7. Stavo quasi per chiederle un articolo sulla situazione egiziana ed eccolo qua: non ci sono né buoni né cattivi, ma criminali sfruttatori senza scrupoli da entrambe le parti come sospettavo. Ormai si è capito che di fronte alle "breaking news" è necessario sempre andare a guardare chi muove i fili, grazie (come al solito) per l'illuminante chiave di interpretazione.

    RispondiElimina
  8. io credo truffa mondiale non scontro tra religiosi e laici ma tra civilta oriente e occidente oligarchie e plutocrazie non dimentichiamo che ebrei e americani vogliono controllo del canale di suez

    RispondiElimina
  9. Fra le grandi cose fatte da Roosvelt, vi fu l’invio di tecnici in grado di consigliare i paesi europei sulla creazione di nuove costituzioni e sulle migliori forme di governo da attuare per ciascuno. Guarda caso i paesi che uscivano dalle dittature scelsero, anche grazie ai consigli di costoro, forme di governo tendenzialmente Parlamentari. Immagino che siano state inviate figure tecniche anche per la ricostruzione politica dell’Egitto, ma per quest’ultimo (i tempi ed i tecnici sono cambiati) fu scelta la Repubblica Presidenziale, ossia un sistema in cui la mediazione fra le parti del paese viene notevolmente limitata. È stato facile quindi per Morsi accentrare i poteri anziché distribuirli, creando così la situazione che sappiamo.

    Ricordiamoci la lezione anche in Italia quando verrà il momento e tentiamo ora di limitare il più possibile l’invasione di campo del Potere esecutivo (Il Governo) che, tramite l’istituto del decreto, impedisce al legislativo (Parlamento) di compiere il proprio ruolo. Se poi si arrivasse alla Repubblica Presidenziale, allora si che si rischierebbe un vera catastrofe!

    Per questo bisogna firmare l’appello de “Il fatto quotidiano”:
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/07/26/costituzione-stravolta-firme-contro-presidenzialismo/667514/

    MM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo sul fatto che in Italia sarebbe molto pericoloso, infatti io ho aderito e firmato

      Elimina
  10. Condivido. Per chi sa leggere tra le righe, questa volta la posta siamo noi, il nostro essere cittadini liberi di scegliere come vivere nel rispetto reciproco delle regole da noi liberamente decise. Proprio il contrario di ciò che sta succedendo anche con questo governo, dove le decisioni sono prese senza informare i cittadini nel modo dovuto. Anzi, i decreti leggi sono l'ennesima truffa per aggirare l'eventuale opposizione del Parlamento: s'è già visto come le contestazioni puntuali dei cinque stelle vengono vanificate ripetutamente, impedendo così ai rappresentanti di otto milioni di cittadini il controllo democratico sul loro operato. Falsificando la realtà e le modalità costituzionali.

    Siamo davvero ad uno scontro epocale fra modelli diversi. Per ora i burattinai all'opera sono sempre gli stessi, discendenti delle oligarchie che hanno massacrato i popoli europei negli ultimi secoli.

    Ma noi cittadini dobbiamo smettere di essere complici di simili infamie perché sono il nostro silenzio, la nostra indifferenza, il nostro egoismo a consentire a pochi criminali, travestiti da banchieri e statisti, di imporre un ordine mondiale che impoverisce molti per arricchirne pochi, e sempre i soliti!

    RispondiElimina
  11. e in questa guerra, per assurdo, siamo noi "popolo consumatore" che, in quanto tale deteniamo l'arma finale: il nostro consumare è la linfa che tiene in vita tali oligarchie.
    se da domani mattina nessuno compra i prodotti Shell, tra un mese la schell è morta..solo che..dove sono gli uomini e le donne autarchici che, in campagna qui da noi, solo cent'anni fà traevano il loro quasi totale sostentamento direttamente da un territorio limitato e limitrofo a dove risiedevano? o meglio ancora, i popoli indigeni che vivono in una dimensione di fusione con il tutto, conoscendo piante, animali, acqua, risorse.... è l'unica via..fare una assennata inversione a U, generale, culturale economica, spirituale...prima dentro ognuno di noi e poi tutti insieme come essere sociale.
    E il bello è che non c'è alternativa

    RispondiElimina
  12. l'italietta delle marcette è già Africa!

    RispondiElimina
  13. Finalmente un'analisi corretta sulla reale situazione che sta vivendo l' Egitto, ben diversa dai proclami FB di Mentana o dal banale e scentrato blog di Grillo sul tema. Io aggiungerei anche pesantissime ingerenze degli States per le medesime finalita'

    RispondiElimina
  14. Parlare della crisi egiziana senza menzionare il picco della produzione di petrolio in quel paese denota quantomeno superficialità. Forse aiuterebbe sapere che dal 2010 circa l'Egitto è diventato importatore di petrolio, da esportatore che era. E sono finiti i sussidi a pioggia, la benzina regalata, per la base elettorale di Mubarak. E dalla miseria nasce l'integralismo.

    Ma chiaramente è molto più liberatorio prendersela con una non meglio identificata "elite" e gridare al complotto. L'alternativa sarebbe dover ammettere che non ci sono risorse per garantire a tutto il mondo il nostro attuale livello di consumi energetici.

    RispondiElimina
  15. @ Anonimo18 agosto 2013 13:41: GIUSTA PRECISAZIONE !
    La rivoluzione francese è una delle pagine più buie della storia dell' umanità !
    Una delle tante ignominie che invece di essere esaltata dai soliti noti andrebbe additata quale crogiuolo di ulteriori disastri (rivoluzione bolscevica ed altre...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non se la prenda troppo, ci sono i fascisti che sono nati proprio per ripulire il mondo da quella che lei definisce "l'ignominia", se è in vena di nostalgia si rivolga a loro, l'accoglieranno senza dubbio con entusiasmo; oppure, nel caso intenda essere un po' più attuale, si può rivolgere ai colossi finanziari, che finanziano dovunque in occidente l'attacco intellettuale contro la tradizione della rivoluzione francese: è ciò che li terrorizza; non è un caso che la pubblicistica dell'estrema destra oltranzista si sia gettata, nell'ultimo biennio, in una copiosa produzione di testi inediti per dimostrare come la rivoluzione francese sia stata -usando le stesse sue parole- una "ignominia". C'è qualcuno che comincia a sentire un certo pizzicorino sul collo, da qualche parte del mondo.

      Elimina
    2. Non se la prenda troppo, ci sono i fascisti che sono nati proprio per ripulire il mondo da quella che lei definisce "l'ignominia", se è in vena di nostalgia si rivolga a loro, l'accoglieranno senza dubbio con entusiasmo; oppure, nel caso intenda essere un po' più attuale, si può rivolgere ai colossi finanziari, che finanziano dovunque in occidente l'attacco intellettuale contro la tradizione della rivoluzione francese: è ciò che li terrorizza; non è un caso che la pubblicistica dell'estrema destra oltranzista si sia gettata, nell'ultimo biennio, in una copiosa produzione di testi inediti per dimostrare come la rivoluzione francese sia stata -usando le stesse sue parole- una "ignominia". C'è qualcuno che comincia a sentire un certo pizzicorino sul collo, da qualche parte del mondo.

      Elimina
  16. Ormai la seguo da qualche tempo e devo ammettere che ben pochi sanno fare, con poche e chiare parole, un quadro tanto esaustivo degli scenari politici internazionali.
    Quello che mi fa veramente paura è solo l'ottusità di molte menti mediocri che parlano,commentano e criticano con parole non loro. Tipico degli effetti della " disinformazione di massa."
    Dopo che , altri, hanno ceduto prostituendosi, la sovranità economico - politica, qualcuno sta incominciando la " cessione della sovranità di pensiero ".
    La seguo con interesse. Sperando di poter qualche volta essere in disaccordo con Lei :).

    RispondiElimina
  17. Ti seguo da 5\6 post e se il buongiorno si vede dal mattino..........continua così . Un grazie ancora per risvegliare le nostre assopite coscienze !
    Gianni

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.