venerdì 27 settembre 2013

Quando gli imprenditori sognavano e creavano mercato. L'incontro storico tra Walt e Arnoldo. E la parte che ci riguarda oggi.


di Sergio Di Cori Modigliani
Una storia lunga 80 anni, che viene da molto lontano, e che oggi perdura condizionando le nostre esistenze, soprattutto la politica italiana.

Correva l'anno 1937 e, per un caso fortuito della meteorologia bislacca, quell'anno, in California, la primavera era assurdamente fredda. Per i nativi, inconcepibile.
Un giovane artista e imprenditore di Chicago, che abitava a Los Angeles, considerato da alcuni un visionario astro nascente, mentre altri invece pensavano si trattasse di un pazzo maniaco, tornava a casa alle ore 16, contrariamente alle sue abitudini, in preda all'angoscia e al turbamento.
Si chiamava Walt Disney e stava sull'orlo del fallimento.
L'impresa nella quale aveva investito tutta la sua esistenza, sia spirituale che materiale, era nei guai, strozzata dai debiti con le banche. Il suo primo lungometraggio che rivoluzionava, allora, l'inesistente tecnica dei cartoni animati, si stava rivelando molto più costoso e faticoso delle previsioni. Mentre i disegnatori erano al lavoro per completare l'opera ("Biancaneve e i sette nani") lui si era già messo al lavoro per realizzare, finalmente, la sua vera ossessione di sempre: fare un film su Pinocchio. Ma non era riuscito ad avere tutta la documentazione iconografica di cui aveva bisogno per iniziare il lavoro. Uno dei suoi assistenti, qualche settimana prima gli aveva regalato una succulenta informazione: in Italia, nel mezzo del nulla, in una casa di campagna, abitava un altro pazzo come lui, altrettanto maniaco, che possedeva un rarissimo tesoro, unico al mondo.
Proprio quello di cui lui aveva stabilito avesse bisogno.
E così gli aveva scritto una lunga lettera presentandosi, e comunicandogli la sua curiosità.
Entrambi nutrivano diverse passioni in comune, tra cui la passione per la pedagogia e gli scambi epistolari. Alla fine di un nutrito carteggio, il giovane editore italiano alle prime armi, Arnoldo Mondadori, invitò Walt Disney e sua moglie a casa sua, per mostrargli il tesoro.
Era un viaggio molto lungo e lontano, ed era stato più volte rimandato, ma date le circostanze, l'americano quel giorno decise che era meglio per lui andarci.
Entrò a casa sorprendendo sua moglie, Lylianne, una brillante disegnatrice di moda, che  aveva convinto ad associarsi a lui nell'impresa dei cartoni animati. Da quando si erano sposati (sei anni prima) non avevano mai preso neppure un giorno di ferie e il viaggio di nozze era stato rimandato perchè durante i giorni del matrimonio lui doveva seguire il lancio dei suoi primi cortometraggi, rivelatisi dei totali fallimenti sia di pubblico che di critica.
Non era mai accaduto che tornasse a casa a quell'ora e sua moglie si preoccupò.
Walt Disney le disse: "Ho due notizie per te, una è bellissima, l'altra è pessima". Lei non si scompose più di tanto. Come lui stesso ha raccontato nella sua biografia, gli rispose: "Se quella pessima riguarda una questione di salute, dimmi subito di che cosa si tratta. Vale anche se riguarda il fatto che da domattina non abbiamo neppure i soldi per comprarci un litro di latte. Altrimenti, voglio sapere soltanto quella buona". E così, Walt Disney non le raccontò del suo imminente fallimento e le comunicò che di lì a pochi giorni se ne andavano, finalmente, in viaggio di nozze in Italia.
"Dove?"
"A Ostiglia"
"E dov'è?"
"Vicino a una cittadina che si chiama Mantova"
"Sarebbe?!"
"Non ne ho la minima idea, so soltanto che sta in mezzo alla campagna, sembra vicino a un fiume"
"A fare che?"
"A cambiare vita".
E così, dopo venti giorni si imbarcavano a New York sul piroscafo Regina Elena per andare a incontrare un tipografo che aveva aperto una piccola casa editrice di nicchia e che sosteneva quanto fosse importante investire nella educazione giovanile.
Arrivarono all'appuntamento con un giorno di ritardo, perchè si persero nella pianura padana.
Anche Arnoldo Mondadori era molto eccitato all'idea di quell'incontro. Anche lui aveva i suoi problemi.
Abile imprenditore italiano, spregiudicato e intelligente, aveva aderito al fascismo fin da subito, mettendosi a disposizione per stampare nella sua tipografia il materiale propagandistico del Duce, e con i proventi (e le relazioni ottime che aveva stabilito con Starace, il segretario del partito fascista) aveva fondato nel 1933 la sua casa editrice, che avrebbe dovuto diffondere la grande cultura italiana nel mondo. Ma subito dopo iniziarono i guai, perchè Mondadori aveva inventato la collezione Medusa, per un ristretto pubblico di lettori colti, traducendo i più importanti scrittori stranieri, soprattutto quelli inglesi e americani, odiati dal regime. Ed era entrato in rotta di collisione con il potere politico di Roma.
L'incontro tra Walt Disney e Arnoldo Mondadori invece che una visita di cortesia durata poche ore, si trasformò in una sosta durata quattro giorni dove le due intelligenze si incontrarono soddisfacendo i diversi appetiti strategici. Fu soltanto al terzo giorno che Mondadori si decise a mostrare a Disney il suo grandioso tesoro, celato in una stanzetta chiusa a chiave dentro la quale non poteva mai entrare nessuno, neanche la cameriera. Si trattava della più grande collezione privata al mondo di tutte le edizioni originali (in 126 lingue diverse) della favola di Pinocchio, corredata di disegni. Erano 356 volumi. C'era perfino una edizione scritta in aramaico, pubblicata in Syria con delle illustrazioni di un famoso pittore iracheno emigrato a Parigi. Rimasero chiusi dentro quella stanza per una intera giornata. Alla fine ne uscirono entrambi soddisfatti. La sera andarono a festeggiare insieme alle mogli nel centro di Mantova e il mattino dopo si recarono da un notaio internazionale a Milano dove firmarono l'accordo. Mondadori cedeva l'intera collezione a Disney. In cambio, l'americano cedeva, per 50 anni, tutti i diritti mondiali relativi a Topolino, quel Mickey Mouse che in Usa non era piaciuto alla critica. Gli unici territori che Disney mantenne furono gli Usa, il Canada e Cuba. Inoltre, i due, fondarono una società comune, la joint venture Disney-Mondadori, denominata Associazione Periodici Italiani, per pubblicare materiale illustrato per i più piccini.
E Disney se ne ritornò in California.
Tre anni dopo usciva Pinocchio, un clamoroso successo negli Usa, con un profitto netto corrispondente a circa 250 milioni di euro di oggi.
Per Mondadori, invece, in Italia cominciavano i guai, finiti con la fuga sua e della famiglia in Svizzera, dove rimasero in esilio dal 1943 al 1947.
Ma nel 1949, venne distribuito in tutto il mondo il film "Fantasia" che irruppe nell'immaginario collettivo dell'epoca determinando un colossale successo di tutti i personaggi di Topolino, stampato poi come giornaletto a fumetti in 170 nazioni del mondo.
E i soldi della royalties andavano tutti alla Arnoldo Mondadori Editore.
La casa editrice si avvalse pertanto di questa cassaforte che i concorrenti gli invidiavano. Ogni anno, la Mondadori incassava circa 25 milioni di euro senza fare nulla. E con quei soldi costruirono il loro impero editoriale. Arnoldo rimase legato a Walt da sincera amicizia. La fotografia della bacheca li ritrae insieme nel 1960, nel corso delle olimpiadi a Roma. Mondadori lo ringraziò per la sua consulenza di qualche anno prima, quando Disney lo aveva consigliato caldamente di lanciarsi nell'editoria popolare pubblicando la prima enciclopedia di massa per un pubblico dai 7 ai 15 anni.
Quando nel 1976, il grande Mario Formenton divenne presidente della Mondadori, essendo anche lui un abile imprenditore lungimirante, si rese conto che di lì a breve sarebbe scaduto il contratto con la Disney. Per due anni trattò il rinnovo dei diritti ma la cifra chiesta dagli eredi era eccessiva. E così nel 1978 capì che bisognava anticipare i tempi con un'accorta politica industriale, visto che dieci anni dopo, nel 1988, la Mondadori avrebbe perso la sua cassaforte.
Dopo un anno di ricerche decise di imbarcare quelli che considerava i due più abili e spregiudicati finanzieri del mercato mediatico italiano, Silvio Berlusconi e Carlo De Benedetti, pensando che avere dentro due maghi della finanza sarebbe stato il modo migliore per affrontare quel passaggio. Quando nel 1986 Formenton morì, era convinto di aver lasciato agli eredi Mondadori la traccia per reggere l'impatto con il mercato editoriale internazionale.
Il resto è attualità.
Fine dell'aneddoto.
Era quella un'epoca di capitani di industria, di imprenditori che avevano idee, di industriali che rischiavano, di dirigenti editoriali che si approvvigionavano di menti pensanti  ma soprattutto di manager che ragionavano, pianificando strategie di lungo raggio, che avevano una visione di insieme.
Quello spirito e quella generazione è andata perduta. E l'analisi critica di questa perdita viene oggi censurata.
Si parla tanto della Politica, dei politici, della classe dirigente politica, ma non si parla mai della classe imprenditoriale, dando per scontato che in Italia gli industriali e gli imprenditori siano tutte persone sane, colte, per bene, che sanno cosa fanno.
Oggi si parla di Finmeccanica, di Alitalia, di Telecom, con le polemiche di questi giorni che ben sappiamo. Ma poco si dice sulle responsabilità di chi guida e ha guidato queste aziende.
Un articolo è apparso nel panorama della cupola mediatica su questo argomento, in data 25 settembre 2013, su Il Fatto Quotidiano. A firmarlo è uno scrittore, noto per la sua verve satirica,  il quale è anche uno degli autori dei testi degli spettacoli di Maurizio Crozza. Si chiama Alessandro Robecchi che oltre a scrivere e inventare battute, è evidentemente anche un  sofisticato analista della realtà politica italiana, soprattutto di quella imprenditoriale. Ecco un estratto del suo pezzo al quale vale la pena di dedicare dei pensieri.
"......tutto questo parlar male della politica e dei politici ha messo in secondo piano le gloriose capacità dell’imprenditoria italiana che rappresenta l’altra metà delle corruzione. In termini generali, certo, a grandi linee: dove passa una mazzetta c’è un politico da un lato e un imprenditore dall’altro. E questo quando gli imprenditori non sono direttamente un’espressione politica, come furono i padroni “patrioti” che “salvarono” Alitalia, spinti da un Berlusconi in fregola elettorale e dalla speranza di futuri favori e contropartite. Ora si vede com’è andata a finire, con tanti saluti all’“italianità”, parola che echeggiò forte e chiara su tutti i giornali e che adesso potete archiviare.  Quanto alle telecomunicazioni, potete mettere in fila tutte le volte che ne avete sentito parlare come settore strategico, motore della modernità del paese eccetera, e anche quello potete archiviarlo per sempre, dato che con la vendita di Telecom tutti i maggiori operatori telefonici che operano in Italia sono stranieri. A questo punto, il vero problema non è la spagnolità di Telecom o la francesità di Alitalia, ma l’italianità dell’Italia. Conosco l’obiezione: fare impresa in Italia è difficile, ma pare che sia difficile per gli italiani, perché se fosse difficile per tutti non verrebbero qui a comprare a man bassa. Poi, certo, possiamo fare collezione di belle frasi sulla casta, sulla politica, sui cialtroni che ci governano e che non spariscono mai. Perché invece i Colaninno, i Bernabè, i Tronchetti Provera, i Passera spariscono? Non pare: saltano da un consiglio di amministrazione all’altro come usignoli sui rami, quasi sempre lasciandosi dietro disastri epocali e balzando a combinarne di nuovi. Sempre salutati come salvatori della patria, coraggiosi innovatori, costruttori di ardite strategie accolte dalla òla dei commentatori che dopo due, tre, quattro anni si esercitano a demolire quelle costruzioni. Pure loro (i commentatori) non se ne vanno mai: il loro passare dagli applausi (evviva, si salvaguarda l’italianità di Alitalia!) ai fischi (ma che avete fatto! Dovevate vendere subito ai francesi!) nello stesso film, addirittura nella stessa scena, è garanzia di durata. Il concetto di responsabilità (ho detto / fatto / pensato una cazzata, me ne vado) non è contemplato, chi rompe non paga, non porta via nemmeno i cocci, e si prepara a nuovi mirabolanti successi".

E l'ignobile zuffa di cui tutti siamo oggi testimoni  la considero figlia dell'attuale politica editoriale italiana. 
L’Italia è l’unico paese al mondo in cui l’editoria ha scelto negli ultimi anni di disinvestire dai libri e spostare i capitali, invece, nel gioco d’azzardo. 
Sul sito della più antica casa editrice italiana ancora in attività, la De Agostini, fondata nel secolo XIX, troviamo le seguenti notizie:
 Il Gruppo De Agostini (www.gruppodeagostini.it) è una multinazionale italiana che ha le sue origini nel settore dell'editoria. Nel 2011 ha compiuto 110 anni di attività e oggi si presenta come una Holding di partecipazioni presente in diversi settori industriali e nel settore finanziario. 
De Agostini Editore
Edita in 13 lingue e 30 Paesi: le sue attività sono focalizzate sull'organizzazione e sulla divulgazione della conoscenza. La Società ha responsabilità di coordinamento e di gestione strategica e operativa, in Italia e nel mondo, di tutte le realtà operative del Gruppo nel settore editoriale, organizzato come segue: De Agostini Publishing, De Agostini Libri, Editions Atlas France/Suisse e Digital De Agostini.
www.deagostini.it
De Agostini Communications
Il settore "media e communication" comprende gli interessi del Gruppo nelle attività di content production, broadcasting e distribuzione di contenuti per la televisione, i nuovi media e il cinema. Zodiak Media è una società leader, tra le più innovative e creative al mondo, nella produzione e distribuzione di contenuti di alta qualità per la televisione e i nuovi media. ATRESMEDIA, gruppo radio-televisivo spagnolo quotato alla Borsa di Madrid, di cui è detenuta una quota di rilevanza strategica in partnership con il socio spagnolo Planeta Corporation, è co-leader del mercato televisivo Spagnolo ed è attivo nei seguenti settori: ATRESMEDIA TELEVISIÓN, ATRESMEDIA RADIO, ATRESMEDIA DIGITAL, ATRESMEDIA PUBLICIDAD e ATRESMEDIA CINE.
www.zodiakmedia.com 
www.antena3.com
Lottomatica Group
Società leader del mercato dei giochi e servizi, quotata alla borsa di Milano. De Agostini S.p.A. controlla Lottomatica Group con una quota di maggioranza assoluta. Lottomatica Group è la società operativa concessionaria dello Stato Italiano per la gestione del Lotto ed altri giochi pubblici (p.es. il Gratta e Vinci), dispone inoltre di un elevato know-how per l'elaborazione di sistemi e prodotti per giochi, nonché di sistemi per l'accettazione dei giochi e delle scommesse sportive, attraverso la fornitura di terminali e sistemi hardware e software. Con l'acquisizione di GTech, Lottomatica Group è diventata il più grande player mondiale nel settore delle lotterie, dei giochi e dei servizi.
www.gruppolottomatica.it 
www.gtech.com

Quindi, Lottomatica, un’azienda che gestisce il gioco d’azzardo, che è 5 volte più grossa della Fiat, 12 volte più grande di Mediaset e 100 volte più grande di Mps è posseduta da una casa editrice. 
Quando a Silvio Berlusconi glielo spiegano, nell’autunno del 2011, fa un salto sulla sedia e da bravo speculatore capisce che quello è il settore in cui investire. Ho già parlato in questo blog, in un post di qualche mese fa, della costituzione della "Glaming", sintesi di glamour e gioco d’azzardo, per lanciare il gossip dei settimanali Mondadori mescolandolo alle video slot su internet.
Un aumento vertiginoso della diffusione delle video slot sul territorio nazionale. Due anni fa erano 240.000 macchinette. A gennaio del 2012 erano 290.000. A gennaio del 2013 erano 380.000. Sono previste per ottobre del 2013 circa 500.000 e un milione entro la fine del 2014.

Secondo gli analisti della city di Londra, nel 2015 la Arnoldo Mondadori Editore sarà il più importante controllore, produttore e distributore di gioco d'azzardo legale in Europa e l'intera attività della casa editrice verrà dirottata sulle videoslot e sui casinò internet con pagine piene di estratti dalla produzione gossip settimanale.

Questo è diventata la Mondadori.
Questo hanno deciso e voluto che fosse.

Ed è questa la posta in gioco.

La Politica non c'entra.

Neppure l'editoria.

It's just business.

E nella sua peggiore deriva.

E' l'ultimo atto che ha compiuto il governo Monti: dare concessioni alle società concessionarie. E' stato anche uno dei primi atti del governo del fare di Enrico Letta: non far pagare loro tutte le tasse dovute.

Così stanno le cose.

7 commenti:

  1. diciamo che tutto partì ben prima quando si volle prendere a mano il gioco d'azzardo nel 2000...per tentare di toglierlo alla malvita imperante. E il buon Gimmy Ghione mandato a fare il lavoro sporco mediatico di preparazione....si prese un cazzottone all'enada...Pensavano in seguito, post legiferazione del gioco di azzardo di ricavare 98 Miliardi ( 3 finanziarie ) mai riscossi dallo stato e lasciati chissà dove e a chi.

    RispondiElimina
  2. se le cose stanno cosi' adesso si spiega perche' le societa' concessionarie non hanno pagato i 98miliardi di imposte che avrebbero dovuto allo stato le quali avrebbero alleviato enormemente le sofferenze degli italiani!
    se ho capito bene(se non fosse cosi qualcuno mi corregga)una societa' concessionaria come la mondadori era tra quelle che avrebbe dovuto una consistente parte di quei soldi!
    ora so che la mondadori fa parte del gruppo fininvest che a sua volta appartiene alla famiglia berlusconi,il cui capostipite fa parte ancora del governo che ha legiferato che le societa' concessionarie devono allo stato solo 600 milioni anziche 98 miliardi...centra qualcosa questo o e' solo un caso?
    se qualcuno sa mi spieghi perche' adesso ho una gran confusione nelle mia testa,grazie anticipatamente!

    RispondiElimina
  3. 1980, con l'avvento di Craxi è iniziata una selezione lunga trent'anni e questi sono i risultati. L'Italia è diventata una sorta di Gotham City, una specie di Chicago anni trenta. Verrebbe da commentare con le parole del Joker:"le brave persone non dovrebbero abitare qui". Paolo

    RispondiElimina
  4. ...e si continua a darla a bere agli italiani con questa finta zuffa pagliacciata delle dimissioni per promuovere il "benefattore" Letta ed il suo predecessore macellaio sociale Monti che si dice pronto a sostenerlo, beninteso e naturalmente " rigorosamente per il bene del paese",allestendo un governo Napolitano Letta-(Berlusconi)Alfano-Monti-Vendola bis.
    ...una montatura perfetta per salvare,come sempre, gli stessi perpetuatori delle sciagure che ci stanno devastando.E devastando a tutto campo.
    L'asticella del disgusto si alza sempre di più.

    RispondiElimina
  5. se gli italiani vogliono giocare alle slot machine e ubriacarsi di calcio, il mercato fanno bene a darglieli ed a spremerli come limoni ... ogniuno ottiene quello che si merita ! così siamo fatti , è inutile sognare !

    RispondiElimina
  6. mi rifaccio a crozza,, brevemente... un po' di ironia (ci sta che la cago!!!): Walt Disney chi? Quello per cui I portatori di handicap (Gambadilegno) son deliquenti, e quelli di un diverso colore (Macchanera) pure? A proposito di immaginario collettivo... Certo, very clever: l'NLP non era stato ancora scoperto!!!

    RispondiElimina
  7. una delle cose che mi è più mi mandano in bestia è il senso di inferiorità di certi italiani nei confronti del popolo tedesco.
    Come si fa a prendere a modello un popolo che ha causato due guerre mondiali, e ne stà causando una terza avvalendosi dell'euro e delle politiche di austerità per affamare nell'ordine il popolo greco, spagnolo, portoghese, cipriota, italiano e a breve francese.
    La krante Germania: un mediocre calciatore che per non restare in panchina azzoppa i compagni di squadra.
    Come si fa ad ammirare l'efficienza tedesca quando i politici italiani stanno solo facendo benissimo l'interesse della finanza internazionale lavorando alacremente al piano di deindustrializzazione dell'Italia?
    Non ci vuole niente ad essere più efficienti di cosi, viene fine persino naturale facendo gli interessi di chi ti ha eletto non quelli della merkel (vedi letta, monti, renzi (grillo?) con la sola eccezione di B. che fa i propri).
    Si dice spesso: questi politici ce li siamo votati noi?
    Ma fatemi il piacere! Chi diavolo avremmo potuto votare negli ultimi vent'anni? Bertinotti?
    Siamo un popolo assai migliore di quello che crediamo, di quello che vogliono farci credere. Provate a prendere un tedesco e a farlo lavorare in questa Italia, vediamo cosa sa fare! Per converso un imprenditore italiano mandatelo a lavorare in germania: lo chiameranno "il tedesco" per come sa essere preciso ed efficiente.
    L'Italia con il patrimonio di cultura arte e genialità che si ritrova se avesse avuto una classe politica appena appena decente e fosse diventata uno Stato avrebbe finito per mettere in discussione la supremazia del vero Potere (quello transnazionale), siamo un pericolo per il Potere, per questo stanno cercando di farci fuori, cerchiamo almeno di non dargli una mano coi nostri stupidi sensi di colpa e mandiamo affanc... a casa questa classe politica non di corrotti ma di traditori.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.