giovedì 25 luglio 2013

Stappiamo lo champagne. Evviva! E' arrivata la ripresa.



di Sergio Di Cori Modigliani

Si inizia così, a imbonire un paese, attraverso la diffusione di notizie sui mercati, per i mercati, da diffondere pubblicamente a mezzo stampa e televisione. 

Tra le varie piattaforme che il potere politico-economico usa c'è quello di "teleborsa", uno strumento gestito da radiocor-ilsole24ore-legato alla Borsa Valori di Milano, la quale, però, è dipendente dalla City di Londra, essendo stata incorporata dal London Stock Exchange.
Forniscono dati, notizie, informazioni, trend, analisi, che loro sostengono essere "oggettive" e "scientifiche". 
Da quando Saccomanni è ritornato da Mosca dopo aver annunciato che "la crisi è finita" e il premier Letta è ritornato da Londra dove ha incontrato quelli che lui ha definito "gli investitori" (locuzione piuttosto arbitraria e ambigua: una cosa è una pensionata che abita nel quartiere di Tottenham e ha 108 sterline investite nei bpt della Corona, un'altra cosa è l'amministratore delegato della Royal Bank of Scotland; entrambi hanno il diritto legale di poter definire se stessi "investitori". Enrico Letta si è rifiutato di riferire al paese in parlamento chi ha incontrato -a livello ufficiale- di che cosa hanno parlato e quali eventuali accordi siano stati stipulati a nome della nazione, quindi della collettività) ebbene, dopo queste due sortite all'estero, la musica è cambiata.
A me appare evidente che si stia cercando di modificare di 180 ° i riferimenti rispetto alla realtà, fornendo dati, date, notizie aziendali, prospettive, grafici, parabole, prive di adeguato supporto, se non quello sancito da un ordine perentorio dall'alto.

I consulenti della comunicazione presumibilmente si sono messi al lavoro dopo aver ricevuto i nuovi input.

Il fatto che tutto ciò non abbia alcun riferimento alla realtà, per loro è irrilevante, in quanto sono consapevoli che siamo entrati nella "fase di Surrealtà". Ciò che conta è portare avanti un piano psicotronico di permeazione delle coscienze collettive in modo tale da proseguire nell'opera di sostituzione dei "fatti" con le "parole". Una modalità infantile che funziona nelle società regressive, primitive, e con i bambini piccoli. I lettini degli psicoanalisti sono pieni di individui adulti confusi, smarriti, squilibrati, sofferenti, perchè sono cresciuti con le quotidiane parole del "la mamma è sempre così buona" oppure "papi ti ama tanto e vuole sempre giocare con te", ma poi arrivavano le botte, l'indifferenza, la totale mancanza di attenzione, di rispetto e soprattutto di amore, quindi nel bambino si crea confusione e smarrimento perchè incorpora la differenza netta tra parole e fatti reali. Ma non sa come districarsi. Non può capire. E' un bambino piccolo, non è un adulto. Ma una cosa -proprio perchè è innocente e pulito- la sa per certo: nella sua famiglia qualcosa non funziona.
Così ci vogliono, a noi cittadini: bambini in stato confusionale sull'orlo di una crisi di nervi.

E'importante capirlo per alzare (invece) la soglia dell 'attenzione nel nostro essere adulti. 
Ecco qui di seguito la notizia del giorno diffusa a Milano e proveniente "ufficialmente" dall'Ufficio centrale di Statistica e dal Ministero dell'Economia.
http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/teleborsa/economia/663
NOTIZIE TELEBORSA - ECONOMIA
CONSUMATORI ITALIANI PIÙ FIDUCIOSI SULL'ECONOMIA (Teleborsa) - Consumatori più fiduciosi nei confronti della situazione dell'Italia, forse anche in risposta all'allentamento delle tensioni internazionali ed alla recente promozione del Paese, che è stato tolto dalla black list degli Stati sotto proceduta d'infrazione. Di conseguenza, c'è più ottimismo anche riguardo alla situazione della famiglia. Il clima di fiducia dei consumatori, secondo gli ultimi dati Istat, è aumentata a luglio a 97,3 punti dai 95,8 del mese precedente.; superando le attese degli economisti. Le componenti riferite al quadro economico e alla situazione personale migliorano entrambe, passando rispettivamente a 94,6 e 98,7 punti. Il clima corrente aumenta in misura significativa a 96,1, mentre quello futuro mostra solo una lieve crescita. Migliorano i giudizi sulla situazione economica del Paese. Quanto alle attese sulla disoccupazione si rileva un miglioramento delle aspettative. Migliorano anche le valutazioni sulla situazione economica della famiglia, sia in riferimento al bilancio familiare che alle opportunità attuali di risparmio. Più pessimismo circa le possibilità future di risparmiare. A livello territoriale, la fiducia migliora nel Nord-ovest, nel Nord-est e nel Mezzogiorno; peggiora lievemente al Centro.Stretta correlazione tra rischio Btp e dinamica euro (Il Sole 24 Ore Radiocor)

A voi sembra che corrisponda alla situazione reale del paese?

6 commenti:

  1. "Enrico Letta si è rifiutato di riferire al paese in parlamento chi ha incontrato -a livello ufficiale- di che cosa hanno parlato e quali eventuali accordi siano stati stipulati a nome della nazione, quindi della collettività".
    Questo è ciò che non deve accadere.
    Il Sig. Letta, il Sig. Napolitano e tutti coloro che agiscono in rappresentanza del Paese, devono avere una bella video-telecamerina incorporata dove si vuole che documenti ciò che dicono e fanno in nome della collettività (la tecnologia oggi lo permette).
    Passando dal faceto al serio.
    Si approvi una norma che imponga tale modalità di documentazione della propria attività.
    Unitamente ad un reddito non superiore a 180.000 E. annui, incentiverebbe a ricoprire quelle cariche, per come la vedo io, solo coloro che sono fortemente motivati all'interesse pubblico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile signor Antonio, forse è meglio che pensi a cambiare paese, questa è una nazione aristocratica composta da dinastie. Loro (nella loro mente) pensano di essere in buona fede perchè ritengono di star svolgendo per davvero un servizio pubblico, poichè (sempre nella loro mente) non vi è differenza tra servizio pubblico e interesse di "alcuni" privati. Per questo l'Italia è considerata sinonimo di Cosa Nostra. Pensano che sia roba loro e ne sono davvero convinti (tranne quando stanno alla tivvù o devono parlare con i giornalisti, si intende). Tutto qui. Anche il re Luigi XVI, a modo suo, era in buona fede. Così era stato allevato ed educato. Poi, ad un certo punto della Storia gli eventi sono mutati.

      Elimina
    2. Possiamo fregarcene allegramente di come la pensano Loro?, del resto mi pare che ci stiamo provando (con ottimi risultati) con quei ragazzi in Parlamento. Fenomenale ieri Colletti alla Camera

      Elimina
  2. Vi dicono niente i ristoranti pieni di italiani intenti a festeggiare la fine della crisi indicati dal grande statista di Arcore quale tangibile segno dello stato del Paese?

    Altri oggi vengono incaricati dell'incombenza informativa.
    Stiamo assistendo alla restaurazione del MINCULPOP,e finchè è estate si può anche tentare di riderne.
    Riso amaro.

    RispondiElimina
  3. Bell'articolo sig. Cori di Modigliani, io da giovane meditando e rimeditando infinite volte sulla struttura italica non ho trovato altra soluzione che prendere una valigia e un biglietto di sola andata per l'estero.
    L'aria e' diversa e si sente.....un grosso in bocca al lupo a voi passeggeri del Titanic Italia

    RispondiElimina
  4. George Orwell ed il suo libro insegnano: la realtà supera sempre qualsiasi fantasia

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.