domenica 20 gennaio 2013

Trionfano il web e i social networks che si abbattono come una mannaia sui partiti politici.



di Sergio Di Cori Modigliani


E’ la faccia virtuosa della rete, il capovolgimento del Senso, quella silenziosa rivoluzione civile di cui si parla spesso in maniera pomposa, accademica, a mo’ di statistica, vezzo high tech per vendere merci ai giovani e roba scontata per tutti. Evviva l’e-commerce.
E’ il virtuale che influisce sul reale.
E impone un cambiamento perché lo determina, per propria costituzione.
E’ la sconfitta dei reazionari nostalgici, dei luddisti, di chi si nasconde dietro il paludato e senescente “ai miei tempi sì che…” perché –da questa piccola grande vittoria- esce definitivamente battuta la cosiddetta maggioranza silenziosa, sostituita per sempre dal nuovo caos provocato dalle striscette su facebook, dalle citazioni rubate, dallo sfogo bilioso, rancoroso, urlato, vomitato, alla ricerca spasmodica di un Senso: la nuova maggioranza rumorissima e cacofonica, variopinta e confusionaria che siamo tutti noi.
Per restituire un Significato alla nostra esistenza civile.
E’ la rivoluzione silenziosa di cui la cupola mediatica non parla e che non accredita.
Perché non lo può fare.
Perché non vuole farlo.
Perché, se lo facesse, dovrebbe certificare la propria sconfitta, il proprio inevitabile pensionamento e la conseguente messa in soffitta, battuta dalla Storia del progresso umano.
In una società ingessata, ferma, paralizzata, da sempre stretta dalla morsa furba di una forzatura ideologizzata, che ha imposto per cento anni lo scontro tra fascisti e comunisti, moderati e progressisti, laici e clericali, irrompe sullo scenario civile italiano una massa policroma di gente comune, dove si scontrano e si incontrano frigide suorine e mignotte esperte, filosofi/e plurilaureati/e e carrozzieri analfabeti, casalinghe, impiegati, ladri di idee altrui e produttori timidi di idee proprie, settentrionali razzisti che scoprono –per caso- in un certo terrone la condivisione sorprendente di un’idea del mondo e della vita e fondano amicizie solidali considerate un tempo inusitate.
E fanno, chi consciamente chi inconsapevolmente, ciò che per 50 anni non hanno fatto i rappresentanti auto-referenti di questa classe politica che mal ci rappresenta.
Lo hanno fatto (lo abbiamo fatto) forse senza neppure renderci conto di ciò che stavamo facendo. Ma ci siamo riusciti.
Ciò che non è riuscito ai magistrati, alle forze dell’ordine, ai comitati civici, a gruppi coraggiosi di locali organizzati, ebbene, è riuscito a tutti noi.
A nostra insaputa.
Perché (e questa è la grande notizia) è accaduto, è avvenuto, sta accadendo in queste ore in cui si arrampicano sugli specchi per metterci una toppa ma ormai per loro è troppo tardi. LI STIAMO MANDANDO A CASA FINALMENTE.
Ed è soltanto l’inizio.
E’ grazie a noi tutti internauti –nessuno escluso- ai bloggers, agli urlatori, ai disperati solitari chiusi nelle proprie tane del dissenso, ai feisbucchiani logorroici, agli spietati accusatori di un modello di vita che sa di morte, è grazie al web se tutto ciò sta accadendo.
Con  la copia in tasca (ben nascosta) dei sondaggi confezionati dai loro personali e privati consulenti della comunicazione, le mummie dei partiti prendono atto della indignazione popolare presente in rete e quindi si comportano di conseguenza.
E così, il PD non candida Crisafulli, non candida la Brambilla e all’ultimo momento esclude 14 funzionari in odor di mafie perché sa che a furor di popolo verrebbero sbugiardati, insultati, avviliti, smascherati da tutti noi in rete.
E così, il PDL si arrende e non candida più Scajola. Non candida più Dell’Utri. Non candida più Papa e da due giorni sono chiusi dentro una stanza per cercare di convincere Cosentino che il 16 marzo dovrà andare in galera come la Legge ha prescritto e non lo possono più candidare perché altrimenti ogni giorno sulla rete ci sarebbe chi ricorda ai cittadini che cosa fa che cosa ha fatto e che cosa vuole fare questo candidato.
E così il centro spiega a Rutelli, che è meglio per lui scomparire per sempre dallo scenario politico e così annuncia “mi prendo un anno sabbatico per riposare”. (riposare da che? Quesito surrealista).
E la Lega Nord è costretta a rinunciare a tre fondamentali capi bastone perché nelle pagine facebook leghiste la gente inferocita ha chiesto le loro teste.
In tutto una cinquantina.
Non molti, ma troppi, davvero troppi per loro. Anche se per tutti noi sono sempre troppo pochi, è il segnale del fiato sul collo che viene dalle invisibili bocche virtuali della nostra scandalizzata indignazione.
Rompe l’accordo con Storace il senescente Pannella, travolto da una valanga virtuale di critiche, faccette su facebook, vomiti virtuali di rabbia radicale dei radicali. E la stessa marea di contestazioni si abbatte (da destra) su Storace nei gruppi strutturati del tifo fascista ed entrambi sono costretti a gettare la spugna di un matrimonio davvero osceno. Facebook e la rete li ha condannati alla rottura.
Grazie a noi.
Perché tutto ciò sta accadendo non grazie a una loro scelta, non grazie al lavoro della magistratura, non grazie al senso di responsabilità di un parlamento ridotto a carta straccia e mercato delle vacche.
Se ne ritorna a fare l’omeopata il bravo Scilipoti che abbandona l’agone insultando tutti noi “mi immolo per impedire che sui cosiddetti social networks dilaghi la demagogia anti-democratica e populista”.
Secondo loro, secondo le mummie, noi tutti saremmo “il populismo”.
E’ ciò che gli storici chiamano, da sempre, “furore popolare”.
Non vedremo mai più né Dell’Utri né Scilipoti né Scajola né Belsito né Rutelli né Rosy Mauro né Alfonso Papa in parlamento.
A furor di popolo sono stati mandati a casa.
E’stata la nostra rabbia bulimica a obbligare i comitati elettorali delle mummie.
Cominciano a capire che –per loro- è iniziato il conto alla rovescia.
Cominciano a rendersi conto che li stiamo mandando a casa tutti.
E questo è soltanto l’inizio.

47 commenti:

  1. Una piccolissima soddisfazione. Si comincia così. Mi autocongratulo per non aver abbassato la guardia nei momenti di depressione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo...la vita è piena di sorprese ed è assolutamente necessario evocarle affinchè si manifestino

      Elimina
    2. Ogni giorno, dopo essermi alzato dal letto, chiedo al Signore di fare qualcosa per cambiare la mia vita di ogni giorno in meglio e di fare altrettanto con gli altri che come me si campano da soli. Ho 57 anni e non ho accettato mai compromessi e favori perchè ciò che dovevo fare lo dovevo fare con tutte le mie forze (fisiche e mentali) consapevole che mi sarei guadagnato il pane con il sudore della fronte. Non ho mai accettato le lusinghe interessate a rabbonirmi temendole più degli psicofarmaci e ho sempre fatto in modo che ciò che mi dettava lo spirito non venisse alterato per viltà o codardia.
      Ora scopro, o meglio, riscopro, che sono uno dei tanti e che siamo davvero in tanti!
      La Storia si è rimessa in movimento e quanto di buono c'è nella nostra sudata tradizione di democrazia e libertà ritorna a far capolino per sostenere il cambiamento, quello vero, quello libero da condizionamenti e slogan.
      Un'aria nuova senza dimenticare, avendo sempre davanti l'individuo e non il moloch che cerca di sottrarci il corpo e l'anima.
      Ciao.

      Elimina
    3. LI STIAMO MANDANDO A CASA FINALMENTE ??
      Però tutto sembra rimanere come prima....
      IL MODELLO FISCALE ITALIANO E' LI' INTATTO BASATO SU:
      - TECNICHE DEGNE DELLE RETI SPIONISTICHE SEGRETE
      - MODALITA' DI ESAZIONE INTIMIDATORIE
      - LIVELLO DI TASSAZIONE VESSATORIA
      - SPEREQUAZIONE DEL CARICO FISCALE A DANNO DEI DIPENDENTI E DELLE PICCOLE IMPRESE
      - CONCENTRAZIONE DELLA FACOLTA' DI SPESA E DI IMPOSIZIONE DELLE TASSE NELLA MEDESIMA ISTITUZIONE (Governo-Parlamento)
      - TOTALE ESCLUSIONE DEL CITTADINO DALLE DECISIONI IN MATERIA DI FISCO E BILANCIO
      Quindi ?
      IL FISCO E' IL PROBLEMA DEI PROBLEMI, PER TUTTI NOI
      GLI SVIZZERI HANNO RISOLTO IL PROBLEMA FISSANDO IL LIVELLO DI TASSAZIONE IN COSTITUZIONE ( vedi art. 128 e 130 della Costituzione Federale della Svizzera) e dividendo la capacità di spesa dalla capacità di tassazione: la materia fiscale rimane prerogativa assoluta del popolo svizzero, non delegabile ed esercitata per referendum.
      Questo significa che ogni modifica in materia di tassazione, in quanto modifica costituzionale, deve passare attraverso referendum popolare.

      Elimina
  2. C'è ancora TANTO da fare :)
    http://www.cadoinpiedi.it/2013/01/20/pdl_berlusconi_candida_un_ex_meteorina.html

    RispondiElimina
  3. Sarà che sono sospettoso di natura, ma non vorrei che stessero mettendo al posto loro semplici burattini senza materia celebrale, preziosi solamente di portare in dote un cognome vergine, una faccia (nuova) amica e presentabile ad occhi ancora poco attenti dell'italiano medio che si risveglia da un sonno (per alcuni) durato una vita intera. Non vorrei che fosse il solito "ombrello" dietro il quale si nasconderebero le solite mosse squallide, ultimo arazio per mantenersi in vita ancora un poco; il lupo, si sa, perde il pelo ma non il vizio di essere drogato di potere fine a se stesso. Concordo con lei che, comunque, le acque si stiano muovendo.
    Grazie per il suo prezioso aiuto di analisi ed approfondimento.
    Saluti Daniele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuro che e' come dici.

      Possono mettere in lista chi gli pare, ma se tu non li voti...

      Elimina
  4. questo è il motivo per cui non investono in banda larga, i giornalisti li controlli le tv le controlli, le radio le controlli, i giornali li controlli ma il "furor di popolo" no

    RispondiElimina
  5. E Monti?
    Se volete ridere andate sulla sua pagina Facebook...
    http://www.facebook.com/PresidenteMonti

    Alcuni commenti...

    Carlo Medda: io vedendo monti berlusconi e bersani voto GRILLOOOOOOOOOOO

    Ciccio Bombo: Abbiate un po di decenza e chiudete questa pagina

    Placido Triveri: facile fare l'eroe con i soldi degli italiani,faccia il vero eroe e si dimetta da senatore a vita chieda scusa agli italiani e si chiuda in convento a pregare per tutti quelli che si sono tolti la vita grazie al suo eroismo!

    Dario Sgrall: Monti allora inizi a zappare la terra.

    Risposta minacciosa e piccata del rag. vanesio o di un suo sgherro:

    Un conto è fare delle proposte, un altro è insultare. Ricordiamo, laddove ce ne fosse bisogno, che le offese in questo social network come in qualsiasi luogo pubblico sono passibili di condanna penale.

    Controrisposta...

    Maurizio Costi: ha ragione professore, ma vista la mole di insulti su codesta pagina ci penserei bene se fossi in lei, rischia di mandare in tilt l'intera magistratura italiana! del resto che si aspettava? fiori e cioccolatini?


    Guy F.

    RispondiElimina
  6. in questi politici nessuna fiducia sono tutti corrotti e' hanno brama di potere..ed avidita'

    RispondiElimina
  7. Io sono ancora scettico,dopo aver visto anni di dominio berlusconiano,dato troppe volte per morto e poi sempre risorto,mi sono convinto dell'indecente passività nel campo informativo dell'italiano(mi capita spesso di parlare con persone che sembrano cadute dal pero,sempre pronte a criticare coloro che hanno governato sebbene anche grazie alla loro disinfomazione o cristallizzata e intoccabile ideologia-destra o sinistra che sia),e dell'indecente e cieco proprio tornaconto(ancora più grave).Siamo tanti e sempre in disaccordo,talvolta dovremmo guardare un po'più in là del nostro naso per capire cosa abbiamo fatto per evitare questa catastrofe...Ma qualcosa si muove,finalmente un po' di sana incazzatura se non proprio indignazione.

    RispondiElimina
  8. Complimenti per l'articolo che descrive in modo molto chiaro e semplice uno strumento molto potente a cui tutti abbiamo accesso, e che tutti dobbiamo utilizzare per smascherare la corruzione radicata in questo paese.

    RispondiElimina
  9. "E questo è soltanto l’inizio."

    Certo, ed è davvero il frutto di un attivismo capillare che da questo blog, ma anche da altri di diversa area politica di riferimento, si è sparso sulla rete, manifestando un'apolitica convergenza proprio con il Movimento 5 Stelle, l'unico ariete in grado di sfondare porte e finestre del Palazzo e permettere agli italiani, cittadini e non sudditi, di entrarci per vedere finalmente cosa c'è dentro.

    Certo, il difficile verrà dopo. Voglio provare a sognare quello che potrebbe accadere.

    La gestione politica vede nel Parlamento solo la celebrazione del suo aspetto liturgico. E' nelle stanze chiuse delle commissioni parlamentari che si manovra il Paese e i suoi destini.

    Bene, se i sondaggi reggeranno il M5S avrà un numero di parlamentari tale da entrare in ogni commissione parlamentare. Lì i nostri rappresentanti (una volta tanto questo termine ha un piacevole senso di verità) non dovranno fare altro che portare alla conoscenza del popolo l'attività svolta, dissolvendo le ombre e facendo squagliare magicamente le camarille e gli inciuci che lì si sono sempre cucinati a fatti mangiare a noi.
    Si dissolveranno come vampiri alle prime luci dell'alba.

    Dopo mi auguro una fase costituente: ciò che resta della nostra Costituzione ha bisogno urgente di un ripristino, non certo le modifiche indotte sotto dettatura dell' ancien régime eurocrate, con una nuova e più degna Corte Costituzionale che non sia più l'ignobile cupola para-massonica che è diventata.
    La III Repubblica Italiana dovrà nascere così, poi cominceremo a parlare di Europa.

    I protagonisti della fase agonica della II Repubblica dovranno rispondere del loro sporco operato. Una nuova Norimberga, come dice Grillo?
    Forse, per una volta mettiamo da parte il solito buonismo idiota verso i forti che sbagliano: le galere vanno riempite di questi bastardi, dopo che avranno restituito tutto quello che ci hanno portato via.
    Si, perche in mezzo a tanto blaterare di politiche liberiste anziché keynesiane o altro, non tutti si sono accorti che si è trattato, più squallidamente, di una scientifica e sistematica (direi tecnica) rapina ai danni del popolo italiano.

    Che bello, sto per coricarmi e credo che farò bei sogni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI...D'ACCORDO...RICUPERIAMO TUTTA LA "COSA PUBBLICA"(Res Publica)...dalle mani della "COSA NOSTRA"(tutte le mafie...camorre...ndranghete...corone...leghe...ed altri cancri che affettano il suolo patrio...)

      Elimina
  10. un articolo da condividere su facebook, subito!!! ... ancora prima di averlo finito di leggere.

    RispondiElimina
  11. Non saprei, non mi trovo molto d'accordo. La rete avrà sicuramente meriti grandi in tutto questo, ma più che altro perchè è arrivata troppo velocemente per poter esser addomesticata. La rete secondo me è un grande catalizzatore sociale che in poco tempo ha aumentato esponenzialmente il numero di comunicazioni interpersonali, lo ha fatto però in modo impersonale permettendo quindi a chiunque di parificare la propria autorevolezza estirpando qualunque soggezzione o rispetto di ciò che "si può dire" o "non si può dire"in altre sedi. La gente in questo si è liberata( intendiamoci, parlo anche di ciò che riguarda gli argomenti intimi) ma lo ha fatto quasi godendo e alimentando certi moti di pensiero come un'acceleratore di particelle. Come un acceleratore altera ciò che accade in natura, così la rete altera la realtà, ne crea una caricatura, i brutti diventano orrendi, i politici diventano politicanti, il latte scaduto ieri.. è già formaggio.. . In questo mare c'è anche qualche isola che però si perde nell'eco di massa che si autosostiene. La rete credo che sia un grande strumento solo per chi sa leggere dietro alle righe, e questa è una dote moderna che sfugge a molti aderenti alla macchina dei partiti. Alcuni sono così stupidi da prendere la caricatura per faccia originale.. ma questo è pericoloso, molto pericoloso.. poi forse si ha contribuito a mandarli a casa.. ma con chi li sostituira? chi è bravo a uccidere di solito no è altrettanto bravo a far nascere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai tolto le parole di bocca; condivido molto poco l' ottimismo di Sergio, tanto da metterne in dubbio, sempre più spesso, la buona fede.

      «Tu offri ai discenti l'apparenza, non la verità della sapienza; perché quand'essi, mercé tua, avranno letto tante cose senza nessun insegnamento, si crederanno in possesso di molte cognizioni, pur essendo fondamentalmente rimasti ignoranti e saranno insopportabili agli altri perché avranno non la sapienza, ma la presunzione della sapienza»

      Elimina
    2. Caro Marco Bortolotti, scrivi bene però un po' superficiale nella conclusione: li sostituirà con Te! Il Movimento 5 Stelle sei Te! Esser sospettosi di tutti...per mettere se stessi come i migliori? Ci sarà qualcuno migliore di te? La risposta, mi dispiace, è si. Sono migliori perchè si sono buttati, si sono messi in gioco, anche ci sarà qualcuno che li tradirà. Tu invece stai a guardare? E poi sarai quello che dirai:te l'avevo detto io? aaahh Roberto

      Elimina
  12. Non posso che essere totalmente d'accordo con te... e chi non lo vede ancora, lo vedrà presto!
    La pagina di RigorMontis è intasata di improperi, il passaparola su FB è contagioso ed irrefrenabile.
    Chi pensa che gli "influencer" sono persone pagate per influenzare non ha ancora capito che per influenzare oggi, bisogna avere semplicemente ragione! Sono la verità e la ragione le vere vincitrici di questi tempi e non c'è manipolazione o propaganda che tenga. E sicuramente, e sempre d'accordissimo con te, questo è solo l'inizio. Più passa il tempo e più ci si rende conto di poter tranquillamente postare commenti liberi a chiunque e che quando una cosa risuona di VERO è perchè semplicemente è VERITA'. Certo è importante approfondire cercare l'altra campana e l'ennesimo punto di vista, ma questa ricerca non può far altro che far crescere l'unica e sola verità. Ed una volta che la si riconosce tutto diventa diverso. Non è un barricarsi dietro a preconcetti e paraocchi, ma precisamente il contrario, si diventa umili e disponibili a cambiare idea, a cercare sempre di più e a mettersi in discussione in ogni circostanza, questa è la VERITA'!
    Tutta cambia in meglio e i segni sono ormai manifesti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Sono la verità e la ragione le vere vincitrici di questi tempi e non c'è manipolazione o propaganda che tenga"

      Ma mi faccia il piacere...


      Punto 2:

      "ma precisamente il contrario, si diventa umili e disponibili a cambiare idea, a cercare sempre di più e a mettersi in discussione in ogni circostanza"

      "La pagina di RigorMontis è intasata di improperi," (e con essa tutto il web - e non solo, aggiungo io)

      Machettelodicoaffare..

      Elimina
    2. e alla fine quando il troppo è troppo si sbotta negli improperi... (completo io.. :-))

      Come al solito si preferisce guardare alla forma e mai alla sostanza... Questo capita sempre a Grillo, condannato per le sue forme estreme e mai giudicato per i contenuti che propone!

      Elimina
    3. E chi parla di forma? Io parlo di sostanza! Poi è indubbio che molti media strtumentalizzino le uscite di Grillo, ma lui fa qualcosa per evitarlo? O piuttosto presta il fianco strizzando l'occhio? E poi lui non fa forse la stessa identica cosa a discapito di chiunque non la pensi come lui? Passo le giornate a sciropparmi sul web i commenti di tutti (quindi compresi i "grillini"), da molteplici fonti, c'è gente che alla sparata della casalinga che potrebbe fare il ministro dell'economia perché sa tirare avanti una famiglia ci crede davvero, giusto per fare un esempio. Così come ormai si è perso il Senso della Politica, il fallimento non è del sistema cristo santo, il fallimento è della gente.

      Ma se vuoi discutere seriamente si può continuare con un esercizio di prestidigitazione: prendere il (haha) programma del movimento 5 stelle ed immaginarsi COME metterlo in pratica. Fatti, non pugnette.

      Che poi non mi fraintendere, io credo che il m5s abbia dei meriti indiscussi a livello sociale, non sono un detrattore per partito preso.
      L'ho votato alle regionali nel 2008 e lo rifarei, ma è già da un po' che si è passato il limite. La politica è una cosa seria, e NO, se permetti non sono tutti uguali.

      Io credo che il m5s si prenderà il suo buon 10-15% e ne sono contento, andrà in parlamento a vigilare, ma per carità lasciate che a governare sia qualcuno che ne capisca qualcosa.

      Ora ho scritto di getto e il mio pensiero potrà risultarti non così incisivo, ma se ti interessa una discussione civile posso spiegarti in termini molto più concreti perché penso che il m5s NON sia la soluzione ai nostri problemi, anzi, probabilmente ne diventerà parte integrante.

      Tu piuttosto, dove la trovi tutta questa fiducia?

      Elimina
    4. O se preferisci una discussione a-politica, possiamo parlare di quanto trovo surreale la tua affermazione che "Sono la verità e la ragione le vere vincitrici di questo tempo"; per me, è tutto il contrario..

      Elimina
    5. ... potremmo iniziare ad imparare dagli errori del passato, per esempio dando fiducia ai giovani che usano molto la rete... Il programma Erasmus è in piedi dal 94, per la prima volta c'è una protesta organizzata per andare a votare... Si potrebbe parlare di velocità, gli internauti sono più aggiornati rispetto a chi non usa la rete e stanno iniziando ad imprimere velocità nella società.Non credo che gli eredi di Marx, quelli con la tessera, riusciranno a incaricarsi del compito. La rete non ha bisogno di comunismo perchè la rete è collettiva, la rete è Wikileaks, la rete è anonymous, la rete è facebook, la rete sono le tue mail, come tutte le evoluzione tecnologiche, portera cambiamenti imprevedibili, ma chi la usa di più di sicuro sta un passo avanti...

      Elimina
    6. Caro Anonimo, qualcuno diceva che la rete era l'esaltazione degli stolti. Scegli tu....dove essere.
      Roberto

      Elimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Non vedremo mai più né Dell’Utri né Scilipoti né Scajola né Belsito né Rutelli né Rosy Mauro né Alfonso Papa in parlamento.

    Sì ma al sottoscritto interessa sapere:

    li vedremo mai appesi o davanti al plotone di esecuzione?

    RispondiElimina
  15. Ma perchè scrivete cose non vere?
    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2013/01/21/Elezioni-Scilipoti-candidato-liste-Pdl_8113048.html
    Ma siete proprio sicuri di tutto questo ottimismo.
    E parafrasando Mao la rivoluzione non è un pranzo di gala (e non si fa in rete)...
    Contenti voi.....

    RispondiElimina
  16. E' semplicemente da incorniciare, perfetto. Spero che le elezioni diano l'ultima spintarella e che il movimento 5 stelle vada ben oltre i sondaggi, intanto abbattiamoli tutti, poi ricostruiremo piano, piano per bene, dalle radici.

    RispondiElimina
  17. LA VERITA'...
    La verità è che ve l'hanno messo ar culo dorcemente
    Un manipoli di cazzi s'è fatto avanti
    All'ombra di Palazzi potenti

    e mentre che vi credete liberi e sicuri
    il boia vi ha falciato le palle
    e ugulate come donnette da finti scranni
    che al calar del Sole
    quando la luce è poca

    energeticamente sarette fatti fuori

    RispondiElimina
  18. QUESTA FINTA RIVOLUZIONE
    DI QUATTRO ROTTINCULO
    SERVI DEL PAPA PRIMA CHE DEL DENARO
    NON DARà FRUTTO

    TALCHè ANCHE DIO, FATTOSI UOMO, USCì DAL SISTEMA

    SPERANDO INVANO DI CREARE UN ALTRO SISTEMA

    I CABALISTI SANNO BENE COME FOTTERSI GLI UMANI

    VI HANNO INCOLLATO A UNA SEDIA DI GIORNO E A UNA SEDIA DI NOTTE

    LA VERTà è NEL SESSO: TUTTA LA CONTROCULTURA LO DIMOSTRA PARTENDO DA RIBAUD, VOLTAIRE, NIETZSHE...QUEI FOLLI GRAZIE AI QUALI ORA SIETE ANCORA SCHIAVI MA NON PER VOLONTà DIVINA BENSì E SOLO VOSTRA...

    RispondiElimina
  19. i 5 stelle sono dei rottinculo arrivisti...tali e quali agli altri...

    QUANDO VUOI FARE LA RIVOLUZIONE: TI SPOGLI DI CIò CHE HAI E VAI AVANTI

    IL BRIGATISMO ERA RIVOLUZIONE NON I 5 STELLE

    RispondiElimina
  20. @Anonimo delle 10:09,10:13,10:15 (che è sempre il medesimo).
    Amico devi andarci cauto con certa roba, ti fa male, fatti 'na corsetta, vai vai che ti fa bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho scritto i commenti delle 13:15 e delle 14:53, quindi il "è sempre lo stesso" spero non si riferisca a me, mi sembra anche abbastanza evidente il cambio di registro, ma tant'è, per evitare ulteriori equivoci mi firmo con una bella X.

      X

      Elimina
    2. Bene signore/a X, così non facciamo confusione.
      Anch'io mi firmo con una bella Y.

      Y

      Elimina
  21. Dovrà essere ripristinata la moralità in questo paese, i cittadini onesti devono ribellarsi a questo sistema corrotto, clientelare che ha trasformato l'Italia in un paese di privilegiati da una parte e gli s...gati dall'altra. Prima i politici e poi a ruota i giornalisti che stanno diventando la stessa cosa!!

    RispondiElimina
  22. NON ESISTONO ITALIANI ONESTI, SONO TUTTI PRONTI AD INCU..RE IL PROSSIMO PERSEGUENDO IN PROPRIO PARTICULARE INTERESSE.
    GRILLO E' UN INGENUO IDEALISTA SE CREDE DI RISTABILIRE LA MORALITA
    ED ONESTA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TI SBAGLI DI GROSSO FORSE HAI LA CODA DI PAGLIA, GLI ITALIANI SONO UN POPOLO DI ONESTI TRANNE QUEL 3% DI CORROTTI E MANGIAPANE A TRADIMENTO CHEFINO AD OGGI CI HANNO GOVERNATO E PARLO AL PASSATO PERCHE' SONO SICURO CHE QUESTA VOLTA SARANNO FINALMENTE LE PERSONE ONESTE CHE CI GOVERNERANNO, QUINDI VOTA M5S E NON ESSERE COSI' PESSIMISTA.

      Elimina
  23. Dicevano che le contraddizioni di classe non esistevano piu'
    raccontavano che saremmo tutti diventati ricchi
    promettevano un lavoro per tutti clandestini compresi
    Illudevano il popolo cantando la pace mentre seminavano guerre in Europa e nel mondo.
    Invece riempivano le strade di Prostitute e Droga mentre le Televisioni falsavano la verita'.
    I Supertpotenti e Ricchi distrugevano la Sanita e tutto il sistema produttivo Italiano svendendo e mandando in malora tutto con il bene stare del grande traditore della Costituzione Napolitano Giorgio un venduto e ricattato.
    Purtroppo Noi italiani abbiamo avuto la sfortuna grande di vedere I Bersaglieri a Porta Pia invece di Garibaldi ma ora sembra tutto piu' chiaro dobbiamo cacciarli con le buone o con le cattive non c'e' neanche tanto tempo prima che sia troppo tardi e inevitabile una Guerra civile si la Germania ha colonizzato l'Italia.
    senza se e senza ma e' ora che ci svegliamo.
    IO voto Grillo .

    RispondiElimina
  24. @...IERI, DOMENICA 20 GENNAIO, 2013, SONO STATO IN VIA SPARANO, A BARI, A DISTRIBUIRE DIVERSE CENTINAIA DI VOLANTINI PER INVITARE LA GENTE A VOTARE IL MOVIMENTO 5 STELLE....IL MIO SLOGAN ERA" seppelliamoli tutti con un segno di croce; un segno di croce che metteremo sul simbolo del movimento 5 stelle della nostra scheda elettorale"...QUESTO SLOGAN LO RIPROPONGO IN RETE...NESSUNA VIOLENZA SU NIENTE E SU NESSUNO... DOBBIAMO "SEPPELLIRE" SOTTO IL SEGNO DI CROCE DELLA NOSTRA SCHEDA ELETTORALE QUESTI NOSTRI INFAMI MENTITORI POLITICI, GOVERNANTI, E GRUPPI DOMINANTI A COMINCIARE DALLE BANCHE...MA GUARDATELI BENE.. OSSERVATELI ATTENTAMENTE... QUANDO APPAIONO IN TV DICONO SOLO MENZOGNE, ATTESTANO SOLO FALSIFICANTI PROCAMI, MENTONO CONTINUAMENTE E PUBBLICAMENTE SAPENDO DI MENTIRE...SONO TALMENTE ABITUATI ED ESERCITATI A SPACCIARE LA VERITA' CON DELLE GIGANTESCHE MENZOGNE CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI COGLIONI, CI CASCANO AD OGNI COMPETIZIONE ELETTORALE, DA OLTRE 60 ANNI... PIU' COGLIONI NON SI PUO' ... QUESTI INCAPACI E INCOMPETENTI POLITICI E GOVERNANTI FANNO CREDERE DI FARE QUALCOSA PER NOI MENTRE IN REALTA' SACCHEGGIANO LA NOSTRA VITA E PROGETTANO, CONTEMPORANEAMENTE, IL SACCHEGGIO DELL'ESISTENZA DEI NOSTRI FIGLI...CI HANNO INONDATI DI MERDA E HANNO COSTRETTO DECINE E DECINE DI PERSONE PER BENE A SUICIDARSI PER POVERTA', INDUCENDO MILIONI E MILIONI DI CITTADINI A FARE LE CODE ALLA CARITAS E ALLE MENSE DEI POVERI PER MISERIA E DISPERAZIONE.. NON FANNO MAI UN CAZZO DI NIENTE DI BELLO E DI BUONO MA SONO ABILISSIMI NEL SPACCIARE LE LORO TORTURE ECONOMICHE PER RIMEDI SALVAVITA, SOLO LA LORO PERO' IN CAMBIO DELLA NOSTRA MORTE...MANDIAMOLI A CACARE, MANDIAMOLI A FANCULO... TUTTI...RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA ESISTENZA... TOGLIAMOLA DALLE LORO SPORCHE E IMMONDE MANI... RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA COSTITUZIONE, LA NOSTRA SOVRANITA' E LA NOSTRA LIBERTA'... NAZIONALIZZIAMO LE BANCHE... TOGLIAMO LORO TUTTO L'ENORME E ILLIMITATO POTERE CHE HANNO ACQUISITO DOPO AVER SEQUESTRATO LA NOSTRA LIBERTA' E INDEBITATO A VITA LA NOSTRA VITA...CHIUDIAMO LE GRANDI IMPRESE, LE GRANDI INDUSTRIE E TUTTO CIO' CHE E' "GRANDE" RICORDANDOCI CHE I COLOSSI INDUSTRIALI E PRODUTTIVI, VEDI ILVA, SONO I NUOVI E MODERNI VORACI E TERRIBILI CANNIBALI, CI MANGIANO VIVI PER NUTRIRSI, INGRANDIRSI E INGRASSARE SEMPRE DI PIU' CON LO SFRUTTAMENTO, LA SCHIAVIZZAZIONE E SCEMPIANDO IL CORPO E MENTE DI MILIONI E MILIONI DI OPERAI, RIDUCENDO SUL LASTRICO MILIONI DI PICCOLE REALTA' PRODUTTIVE... BISOGNA METTERSI IN TESTA CHE NESSUN UOMO DEVE DIVENTARE RICCO IMPOVERENDO E SFRUTTANDO GLI ALTRI...CHIUDIAMO GLI IPERMERCATI E DECONCENTRIAMO IL COMMERCIO E LA PRODUZIONE METTENDOLE NELLE MANI DEI SINGOLI E NON DEI GRUPPI DOMINANTI ... CARI COGLIONI ITALIANI, SAPPIATE CHE IL SIGNIFICATO DELLA PAROLA "FASCISMO" E': "lo stato nella mani di un uomo solo"... MUSSOLINI, AD ESEMPIO, ERA UN TERRIBILE FASCISTA PERCHE AVEVA TUTTO LO STATO, CIOE' TUTTI I CITTADINI, NELLE SUE MANI... ALLA LUCE DI QUESTA CHIARA VISIONE DELLE COSE BISOGNA RICORDARSI CHE LA DEMOCRAZIA E' IL DECENTRAMENTO DEI POTERI... PIU SI DECENTRANO E PIU' SI E' DEMOCRATICI, PIU' SI ACCENTRANO E PIU' IL SISTEMA DIVENTA UN SISTEMA FASCISTA...E ALLORA BISOGNA TOGLIERE I POTERI AI POCHI CHE LO DETENGONO E BISOGNA DECENTRARLO NELLA MANI DEI SINGOLI E DELLE PICCOLE E MEDIE ATTIVITA' PER NON DIVENTARE "COSE" NELLE MANI DI QUESTI FASCISTI POLITICI, GOVERNATIVI, ECONOMICI E FINANZIARI CHE FANNO DI NOI DELLE POLPETTE E DELLE LARVE UMANE...MI FERMO QUI PER IL MOMENTO... VOTATE IL MOVIMENTO 5 STELLE...E' IL NOSTRO MIRACOLO...VIVA IL MOV. 5 STELLE... VIVA GRILLO E POI, COME SEMPRE.. VIVA LE DONNE... CARLO DE LUCIA .. PARTITO DELLE DONNE... BARI

    RispondiElimina
  25. Che meraviglia di articolo, ha smosso il mio sopito senso della patria.

    RispondiElimina
  26. Rutelli: “mi prendo un anno sabbatico per riposare”. (riposare da che? Quesito surrealista).

    Questa è bellissima. Vale da sola tutto il post. Complimenti.

    Un saluto

    RispondiElimina
  27. se avessimo pure i fucili d'assalto...


    beppe akbar!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.