lunedì 1 dicembre 2014

La Grande Menzogna: l'ultima fase del progetto di restaurazione oligarchica.


"La borghesia non è mai stata antifascista. Quando le classi oppresse si svegliano e reclamano i propri diritti, la borghesia si rende conto che i propri privilegi acquisiti corrono il rischio di essere intaccati. A quel punto, allora, si appella al fascismo affinchè provveda a salvaguardare i loro interessi e blocchi l'affermazione dei diritti negati al popolo".
Buonaventura Durruti, anarchico catalano, eroe della rivoluzione spagnola, ucciso da un sicario stalinista nel 1936 a Barcelona.




di Sergio Di Cori Modigliani

Sul vero/falso e sulla svolta mediatica del potere oligarchico in Italia.

Ci troviamo all'inizio della fase definitiva dell'ingresso dell'Italia nel mondo reale.
Reale, qui, sta per attuale.
Nel senso di ciò che sta accadendo.
Essendo un paese arretrato, la nostra nazione gode di un incredibile e paradossale vantaggio rispetto a tutte le altre (e' il senso positivo della vicenda): non deve fare i conti con le resistenze della modernità, con i trucchi del capitalismo avanzato, e con i consueti impedimenti che i cosiddetti poteri forti tentano di costruire per impedire l'affermazione di un mondo nuovo. In quanto nazione medioevale, che ha da sempre mantenuto una oligarchia aristocratica più o meno mascherata, più o meno dichiarata, che ha fatto di tutto per impedire la genesi e lo sviluppo di un capitalismo efficace ed efficiente, ha oggi la possibilità di saltare direttamente nel mondo post-moderno, ponendosi addirittura come avanguardia; fatto questo che -in verità- si sta già verificando. Come nel mondo asiatico è la Cina: l'unica grande nazione al mondo che si è catapultata dal loro medioevo nella post-modernità, senza aver mai nè attraversato nè vissuto l'epica della società moderna.
L'Italia, infatti, è oggi l'unica nazione d'occidente che ha oggettivamente abolito il parlamento, destituendolo di ogni funzione e seguita a produrre governi non eletti la cui funzione e identità è garantita dall'alto. La Legge e le votazioni a maggioranza sono caratteristiche della democrazia, che in Italia pare abolita. I nuovi gestori dell'esecutivo appaiono (sono) normali attori, interpreti di ordini e non rappresentano più nè blocchi sociali nè partiti.
Siamo di fronte ad un esperimento politico. 
La nostra nazione ha ormai incorporato l'idea della democrazia finita e considera normale il fatto che il governo venga gestito e diretto da persone o personalità che nessuno ha mai eletto, che non sono il prodotto di specifici e dichiarati interessi, che non sono nè bandiere nè portavoci di classi determinate. Monti è stato nominato senatore a vita durante la notte, in fretta e furia, perchè si era agli inizi di questa fase ed era necessario salvare ancora la faccia. Letta jr. era, in pratica, uno di passaggio -al suo posto avrebbero potuto metterci chiunque altro, sarebbe stato uguale- e Matteo Renzi è una persona che in parlamento non c'era mai stata, che nessuno ha mai votato in nessuna consultazione elettorale se non nella provincia Toscana e che ha assunto il controllo del partito più importante della nazione sostenendo che non sarebbe mai andato a presiedere il governo se non fosse stato eletto dal popolo in regolari elezioni politiche generali.
E' il mondo della "post-democrazia" e, per comprenderlo e quindi situazionarsi per sapere come fare a sopravvivere e poi vivere e infine affermare il diritto all'espressione libera dei propri desideri, sogni, ambizioni, progettualità, è rigorosamente necessario comprendere con realismo quale sia il palcoscenico della Storia sul quale le classi oligarchiche al potere hanno messo in scena lo spettacolo necessario per garantire la tenuta della caste del loro privilegio.
L'Italia non è un paesetto.
Siamo molto ma molto più importanti della nostra espressione geografica, un po' come il Belgio e l'Olanda per ciò che riguarda la finanza e le guerre: due micropaesi vasti come un fazzoletto che contano -ma per davvero- quanto la Russia e gli Usa.
Siamo un paese davvero unico, in tutti i sensi. E da sempre (quantomeno negli ultimi mille anni) siamo sempre stati il più importante laboratorio sociale della civiltà occidentale. Ottocento anni fa, l'imperatore Federico II di Svevia veniva qui da noi, in Puglia e in Sicilia, per tentare di elaborare nuove modalità originali di sviluppo. Nessuno è mai stato così illuminantemente creativo come gli italiani. Questa è la ragione principale per la quale le oligarchie (da sempre) hanno fatto di tutto per mantenere il paese nella ignoranza, nell'oscurità, nella paura e -all'occorrenza- quando non c'erano altre alternative, vittima di smascherate dittature come il fascismo.
Liberate gli italiani dalle loro classi dirigenti e questo paese in un quinquennio diventa uno dei paesi leader del pianeta. Con l'aggravante di non essere interpretabile, pilotabile, comprensibile, domabile.

Altro esperimento politico in atto in Italia, in un modo che poteva verificarsi soltanto all'interno di quel grande laboratorio sociale che siamo, è il M5s.
Senza concedere nulla nè alla propaganda nè alla faziosità, si può oggi -soprattutto con il senno di poi- ricordare con tranquilla serenità che il 25 Febbraio del 2013 il Wall Street Journal pubblicava una intervista al presidente di Goldman Sachs che dichiarava: Beppe Grillo, in questo momento, rappresenta il pericolo più grande per l'intera civiltà occidentale. E' l'uomo più pericoloso d'Europa, e non sottovaluterei affatto ciò che sta accadendo in Italia.
Non a caso, la cupola mediatica nostrana, allora, si mosse compatta immediatamente, venendo incontro alla consegna che i colossi finanziari multinazionali avevano dettato.
Oggi, la situazione è diversa.
Ma bisogna tenere a mente che l'Italia rimane il laboratorio sociale per eccellenza.
Nella situazione politica attuale, con i fondatori defilati e la promozione di un penta-direttorio, il laboratorio va avanti. Ma si può dire che quell' esperimento è finito. E aggiungo, con successo. Perchè ora è un altro tempo. Ed è il motivo per cui (è la mia opinione personale) Grillo si defila: essendo lui, fondamentalmente, un facilitatore, un catalizzatore propulsivo di energia collettiva senza briglie sul collo e tutto il resto lo annoia e lo deprime provocandogli scocciature e fastidi, prende atto che la prima fase è finita. Ma proprio perchè siamo dentro a un laboratorio, in questo momento non c'è nessuna possibilità di sapere se la scelta attuale sarà innovativa, progressiva ed evolutiva, oppure sarà regressiva, reazionaria e involutiva.
Nessuno lo può sapere.
Lo capiremo strada facendo.
Ogni giudizio, oggi, a mio avviso, è un atto di superficiale presunzione.
Il cosiddetto direttorio ha un vantaggio su tutti gli altri (qui intesi come PD, Udc, Forza Italia con annessi e connessi): sono post-moderni. Sono un prodotto dei tempi attuali e sanno che cosa vuol dire vivere nella post-democrazia.
Nel prossimo futuro, tutti noi avremo la opportunità di toccare con mano se sono in grado di essere avanguardia del nuovo che avanza, oppure avranno scelto di rinunciare al concetto di laboratorio e avranno scelto di fungere da stampella a questo sistema.

Nel frattempo, l'oligarchia farà di tutto per sedurli, smontarli, appannarli, consociarli, per portare fino in fondo il loro esperimento sociale: trasformare l'Italia nella prima importante nazione dell'occidente che vive a pieno titolo e ufficialmente dentro la post-democrazia senza diritti, senza Stato di Diritto, con doveri applicabili soltanto ai ceti più disagiati e deboli ai quali verrà garantita (a patto che stiano zitti) la sopravvivenza (forse) e in cambio un via libera per ingozzarsi di slot, casinò, scommesse di ogni tipo, pornografia, violenza subliminale continua, ovvero tutto ciò che spinge verso il buio, verso l'allontanamento da ogni possibile forma di illuminazione e di consapevolezza.
E' il motivo per cui -unico paese al mondo- il gioco d'azzardo e la pornografia sono così diffusi e stimolati: è il veicolo più semplice, veloce ed efficace, per succhiare soldi, fare affari, con il profitto aggiunto collaterale della regressione sociale con la diffusione di una tossicità spirituale e di una patologia di deficit culturale mai raggiunta prima in Italia.
Questa è la fase nella quale siamo immersi, a mio parere.
Intanto, per accelerare il processo, l'oligarchia sta attuando la promozione di "menzogne ufficiali". Confindustria annuncia, attraverso il suo ufficio studi, che "a Gennaio del 2015 parte la ripresa e la crescita, i dati sono inoppugnabili" ma sembrano in controtendenza rispetto al Fondo Monetario Internazionale, la Bce, la Banca Europea degli Investimenti, l'Ocse, l'ufficio macro-economico dell'Onu, l'Istat. E vanno in giro a dire che la disoccupazione è "la più alta mai registrata dal 1977". Che è vero e falso allo stesso tempo. E una mezza verità è sempre una menzogna intera. La disoccupazione, in Italia, ha raggiunto la stessa quota che aveva nel 1919, quando 1 milione di maschi morti (la grande guerra) aveva svuotato campagne e fabbriche. E' la stessa quota raggiunta nel quinquennio 1940-1945, durante la guerra mondiale, poi persa. Nel 1975, (quando venne lanciato il piano cinquantennale che presupponeva la de-industrializzazione dell'Italia e il suo totale assoggettamento a una neo-aristocrazia che stavano allora formando) prevedendo ciò che si sta verificando, decisero -senza nessuna motivazione logica- di annullare ogni riferimento statistico relativo sia alla disoccupazione, che all'analfabetismo, che agli indici di lettura e di diffusione della cultura, sostituendoli con  nuovi parametri che sarebbero iniziati dal 1977, l'Anno Zero della P2.
E' vero, dunque, che è la cifra più alta dal 1977.
Ma non è vero che lo è in assoluto.
L'unico momento, negli ultimi 100 anni, in cui si toccò un livello di sofferenza sociale, di miseria, di ignoranza collettiva come quello verso il quale stiamo andando è stato il momento in cui la borghesia rampante si associò con l'aristocrazia chiedendo alle squadracce fasciste di fare il lavoro sporco a nome loro, nel 1922.
Essendo l'attuale classe dirigente vecchia e ammuffita, incancrenita nel suo immobilismo coatto, riproducono l'esperimento di allora, considerato vincente, promuovendo banalità, luoghi comuni e piatta retorica di bassa lega al rango di idealità e progettualità.
Ma è un grave errore di miopia totale.
Perchè la società post-democratica viaggia su coordinate diverse. E non funzionerà.
Perchè l'Italia rimane pur sempre un geniale laboratorio di sperimentazione, un vero e proprio work in progress, in grado di poter sfornare insospettabili isole di creatività originale.
Sapere con cognizione di causa che il potere userà la menzogna ufficiale, il falso, la calunnia e la diffamazione, può indurre molti a sentirsi impotenti e quindi deprimersi.
E' comprensibile, lo capisco.
Ma è anche una ottima occasione, per la nazione intera, per fare invece un salto.
Proprio perchè con la consapevolezza si sviluppano anticorpi. Il nostro individualismo, mescolato a un ritrovato senso di acquisizione delle proprie responsabilità, consente di sentirsi obbligati (dinanzi a se stessi, sapendo che i conti si fanno solo e soltanto con lo specchio) a informarsi, a educarsi, a capire per poter comprendere. Potrà produrre un salto qualitativo culturale epocale.
L'antica civiltà greca è la culla della nostra bella Europa.
Nella loro lingua, il passato remoto del verbo "vedere" (orao, da cui oracolo: cioè colui che vede) si diceva "oida". Questa forma verbale ha una particolarità sintatticamente unica: è anche il presente indicativo del verbo "sapere".
Per gli antichi greci, i sapienti non erano gli acculturati nozionisti, ma i vedenti.
L'esperimento M5s è stato vincente perchè ha aiutato milioni di persone a "vedere" per la prima volta. Ha smascherato la logica del potere, invitando il popolo a teatro.
E chi ha voluto, si è tolto il famoso prosciutto dagli occhi e ha visto -alcuni per la prima volta nella loro vita- che il re era completamente nudo, banale, esistenzialmente e spiritualmente misero. Ha toccato con mano la promozione dei falliti valorizzati verso il successo.
Quella fase grandiosa si è esaurita.
Non è possibile non ringraziare tutti coloro che l'hanno permessa, sostenuta, prodotta.
Il geniale inventore del laboratorio ha capito che la fase è cambiata.
Ha stabilito che il suo esperimento era finito.
Ma non ha chiuso il laboratorio.
Le provette sociali vanno avanti.
Non si vedono, perchè sono invisibili.
Le vede chi sa.
Sa chi le vede.


....nel frattempo godiamoci lo spettacolo, ne vedremo davvero delle belle.








13 commenti:

  1. Sono come cellule staminali, che diventeranno italiani, sempre gli stessi però.

    RispondiElimina
  2. http://progettodemocraziadiretta.blogspot.it/2014/11/grillo-e-il-m5s-ad-un-bivio.html

    RispondiElimina
  3. Bellissima interpretazione, si percepisce la fiducia e l'ottimismo che hanno solo le persone costruttive, e da costruire non ne mancherà di sicuro..

    RispondiElimina
  4. Ho la senzazione che l'energie impiegate per disinformare sul M5S abbiano ormai raggiunto l'apice senza per questo esser riuscite a far implodere o disgregare il movimento stesso.
    La capacita' del M5S di ricompattarsi e ripartire ogni volta che "sembrerebbe" giunto al capolinea e' sorprendente.
    Un virus, quando credi di aver capito in quale maniera si propaga lui cambia forma , gli antibiotici usati in precedenza non funzionano piu' perche' al posto di aver eliminato il virus lo hanno rafforzato.
    Se un virus non viene eliminato alla sua nascita' non si puo' piu' fernare. Quando le persone contagiate sono troppe per poter circoscrivere l' epidemia non ci sono piu' contromisure, il virus deve essere lasciato libero di fare il suo corso.
    Solo i portatori sani del virus riescono a sopravvivere

    RispondiElimina
  5. Grazie per il tuo contributo alla comprensione di ciò che viviamo.

    RispondiElimina
  6. Il movimento ha fatto qualcosina, ma niente di più.
    Del resto era difficile che facesse altro stante il fatto che a "monte" erano massoni, ovviamente schierati con i banchieri.
    Già la cosa era visibile al momento della loro presentazione.
    Non si poteva non notare che, omettevano, i punti più importanti... SOVRANITA' MONETARIA, RISERVA FRAZIONARIA, SIGNORAGGIO.
    Cose a suo tempo fatte osservare in una sala, che non ha saputo prendere lo spunto per appurare che loro veramente fossero.
    Poi, se vogliamo dire che si sono mossi, si possiamo dirlo o, per lo meno possiamo dire che hanno messo in vista il malaffare di bassa lega....
    Un po poco per essere elevati a dirigenti di uno stato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ""Non è stato qualcosina"",anonimo,non è stato proprio per niente qualcosina.Non spari amenità a casaccio,quasi cortina fumogena di una verità che vedono anche i ciechi.
      Il Movimento 5 stelle e' stato,magari senza neanche accorgesene, uno squarcio nella notte buia di un fascismo becero strisciante ,furbescamente occultato per anni e anni.
      Ed è perchè è una bomba al fosforo...ad orologeria,una imprevedibile orologieria,che il mondo della povertà spirituale e dello strapotere del denaro feroce incapace di mecenatismo,ma solo di produrre corruzione connivente,NE E' TERRORIZZATO.
      Ha dovuto smetterla di leccarsi i baffi ....ha dovuto smetterla di crogiolarsi sull'amaca della falsità ottundente.
      Quel potere HA VISTO BENISSIMO,e la virulenza del tentativo di sterminare sul nascere quella forza dell'amore e del pensiero che rende inimitabili gli italiani e l'Italia,incarnato nel bene e nel male,dal Movimento 5 Stelle,ne è la prova provata.
      Cosa avverrà?Non lo so.Ma non sarà come se nulla fosse o sia:non sarà più niente come prima.
      Troppi italiani,sanno,troppi.
      Nonsi i possono ammazzare o confinare quasi tutti come fecero con i dissidenti dal 1920.
      Non dica stupidaggini di "bassa lega" anonimo,non dica stipidaggini,ne abbiamo piene le scatole.
      E poi....la prego:non sia patetico circa il merito" di essere elevati al rango di dirigenti" di uno stato che i politici del Movimento non avrebbero,secondo lei.
      Quelli che abbiamo avuto sino ad ora ed ancora dobbiamo sopportare hanno già raggiunto l'infimo.In massima parte tutti quelli del Movimento non potrebbero che essere migliori,più che altro per l'estrema difficoltà di essere peggiori di così.

      Elimina
  7. Non è più il tempo di continuare a coltivare il proprio orticello, ignorando se non disprezzando quello del vicino solo perché è diverso dal nostro. Per superare le difficoltà è indispensabile cooperare mettendo in comune quel che di buono e positivo ognuno ha. Il nemico da sconfiggere, il virus, non è localizzato solo in Italia, ma ha radici sopranazionali. Gli apprendisti stregoni ed i muratori che lo hanno fabbricato in laboratorio sono ramificati e ben protetti da patti ed interessi reciproci. Il denaro e l'arma del ricatto ne sono i principali veicoli.

    Non è ignorando o rifiutandosi di guardare la realtà che ci si garantisce la sopravvivenza, né come individui né come popoli. E' solo un'illusione dell'ego che agisce soprattutto per la sua esistenza, mentre l'Uomo è un essere sociale che si realizza nella molteplicità dei rapporti con tutti i suoi simili per la realizzazione di un Bene Superiore.

    Renzi, Salvini e tanti altri sono gli "utili idioti" di un sistema che è abile nel manipolare la realtà e la verità giocando sulla percezione. C'è da augurarsi che anche i 5 Stelle non cadano in questa trappola ideata applicando il principio del "divide et impera", perdendo così la loro forza rivoluzionaria e la loro ragion d'essere. Forse, sarebbe bene per i" figli" rinnegare i "padri putativi" per crescere in modo autonomo e responsabile nel rispetto della fiducia accordata loro da oltre otto milioni di elettori.

    Comunque, mi sento ottimista perché ci sono delle trasformazioni sociali e dei movimenti che non si possono più fermare. Oggi sono come un fiume carsico apparentemente invisibile, ma che arriverà pur alla superficie ed allora travolgerà tutti gli ostacoli.

    RispondiElimina
  8. Il memico purtroppo e' sempre lo stesso:l'italiano medio! A mio modo di vedere egli e' complice! Se io sono in grado di vedere perche' tanti altri no? A vent'anni per me'era chiarissimo che il berlusca era la restaurazione lo scacco matto a qualche bagliore di speranza per questa nostra nazione, l'italiano medio l'ha tenuto in vita per un ventennio e ancora e' in sella! Sarebbe bello poter individuare il nemico e abbatterlo il problema e' che l'italiano medio e' dappertutto anche in parte dentro di noi e ci tira giu'. A detta di un noto psichiatra (non quelli da tv)la classe dirigente italiana è favorita dal fatto di governare su un popolo caratterizzato da un forte servilismo, come non concordare......anche questa volta vedrete la maggioranza se la prendera' con i ladruncoli gli zingari ed immigrati morti di fame.....La vigliaccheria dell' italiano medio impedira' di prendere a calci i veri traditori della patria, quelli che sono ammirati per la furbizia, votati, temuti. Qui a padova questa impressione e' ancora piu'manifesta! Grazie per lo spazio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure Giulio Rossi la pensava così
      https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4

      Elimina
  9. In ogni società le dinamiche per il potere rimangono sempre le stesse. C'è chi si batte alla luce del sole, in movimenti ecumenici, per il bene collettivo e quelli che si organizzano e si strutturano, in modo sempre più raffinato, per l' interesse della propria organizzazione. Cosi la Massoneria, la Religione, e la Mafia (tutte organizazioni verticistiche basate sull'inizazione, il giuramento di fedeltà e di aiuto reciproco, sull'indottrinamento), in una società capitalista e liberista, hanno gioco facile nel raggiungere compromessi fra loro, infiltrarsi nei partiti e scrivere le regole a proprio vantaggio. E' un caso che negli ultimi venti anni il potere sia stato gestito da un partito che vedeva coesistere un massone (berlusconi) un cattolico (Gianni Letta) e un mafioso (dell'Utri)? Può un movimento come quello 5 stelle (dove per iscriversi è sufficente un clic con la tastiera, non è richiesto nessun giuramento solenne di reciproco aiuto, non c'è nessuna iniziazione e indottrinamento per cementare gli aderenti e manca addirittura uno statuto) sconfiggere organizzazioni come quelle massoniche, religiose e mafiose che hanno a disposizione strutture collaudate da secoli?

    RispondiElimina
  10. Sul tavolo del laboratorio m5s c'è addirittura la possibilità di scissione.
    Visto lo spessore dei dissidenti non avremmo certo grandi sussulti in capo ad un nuovo movimento 6 stelle. Semmai per effetto moltiplicatore negativi ricondurrebbe il m5s ad una percentuale sobria ed imbrigliabile.
    E' chiaro che farebbe comodo solo a quel sistema putrescente che oggi si riafferma con MafiaCapitale. Da qui si confida nel buon senso di quella cittadinanza movimentista che entrata in parlamento si scopre politicante e impersonata in novelli politici mancati in cerca d'autore. Nessun dissidente mi pare abbia lasciato tracce dopo la effimera notorietà del momento. Se invece trovassimo alte personalità in grado di dare sostanza ad un nuovo progetto sarebbe un'altro discorso. Così non è.
    Tuttavia non butterei via nemmeno un movimento rinnovato che arrivasse alle prossime politiche ad un misero 10%. Sarebbe comunque una forza senza compromessi che nel tempo farà valere la propria credibilità e costantemente estranea a quelle logiche sporche che rendono la politica distante dai cittadini. Certo i tempi si allungano. Ma in attesa di nuove e valide alternative non resta altro.

    E' poi da vedere come si produrrebbe questa scissione, con una maggiore iperdemocrazia degli
    Artini boys?
    Cioè una consultazione con la propria base di cui si è meri portavoce o con una delibera d'imperio mossa dalla coscienza del singolo parlamentare?
    Credo la seconda, come la scelta di cambiare le modalità di rendicontazione e di discreta corrispondenza con esponenti governativi.

    Se ci fossero i prodromi per un Podemos italiano potrei seriamente considerare le scelte di tutti gli Orellana di turno, in mancanza di ciò osservo il massiccio gioco contro un gruppo parlamentare che nella sua azione politica rimane fedele ai programmi elettorali e che articola l'opposizione in maniera encomiabile. Certamente le egoiche sparate di Grillo appaiono spesso scoordinate ed inopportune
    ma siamo alle pagliuzze e alle travi.
    La scelta del direttorio è un momento importante certamente critico e da cui avremo interessanti indicazioni sulla salute prossima del movimento. Ho fiducia in queste persone anche se solamente ratificate dalla rete, vedremo.

    Certo attendo ancora che i fuoriusciti, delusi dal movimento che ritenevano l'ultima spiaggia di una politica impresentabile, si accomiatino dal parlamento -postribolo che pensavano di segnare sotto l'egida di Grillo- nell'attesa di lavorare in autonomia per qualcosa di nuovo alla prossima tornata elettorale. Se si fermano la a bivaccare, qualcosa, nei principi ispiratori grazie a cui sono onorevoli, non gli era chiaro fin dall'inizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo non si capisce bene cosa vuoi dire, cito: "Certo attendo ancora che i fuoriusciti, delusi dal movimento che ritenevano l'ultima spiaggia di una politica impresentabile", o non hai capito che era il movimento deluso da loro o non li biasimare per aver dimostrato la fondatezza della presa di posizione del movimento intero, ossia, da Grillo e Di Maio fino a tutti quelli che li sostengono da casa.
      La butto lì, forse si capisce bene.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.