lunedì 14 ottobre 2013

Fattore Nimby, fattore Invisibile, fattore Italia. Lo sapete che cosa vende di più al mondo il nostro paese?

"Il rispetto della Legge e gli interessi della collettività sono un dovere assoluto: vale per tutti gli altri".
                                                                              Oscar Wilde, autore britannico fine sec. XIX

di Sergio Di Cori Modigliani

Siamo tutti d'accordo sul fatto che l'Italia sia un paese anormale.
E' talmente anormale e conflittuale (in maniera infantile) che già a questo punto non è più possibile mettersi d'accordo e trovare una sintonia armonica, perchè si comincia a litigare tra fazioni contrapposte sul significato da attribuire al termine "anormale".
Qualche decennio fa, i sociologi statunitensi coniarono il termine "fattore Nimby", acronimo che sta per Not-In-My-Back-Yard, qualcosa come "Non Nel Giardinetto Di Casa Mia". Questo termine, ormai diffuso a livello di massa, è diventato il simbolo discriminante tra la coscienza consapevole della cittadinanza e il narcisismo individualista di chi si lancia in battaglie ideologiche e politiche a condizione che non riguardino se stessi, la propria famiglia, i propri amici, parenti, partito, fazione, movimento, territorio, comune, ecc.  
In questo siamo davvero maestri. .
E il fattore Nimby aumenta, inevitabilmente, la conflittualità tra tutti.
Al Nimby, bisogna appaiare un altro fattore, che corre in parallelo.
Nel 1996, l'autrice statunitense Connie Willis, la più celebre scrittrice vivente di fantascienza, pubblicò un romanzo dal titolo "Il fattore invisibile", nel quale i due protagonisti lavoravano per una fantomatica organizzazione governativa con il compito di identificare e trovare il "quantum" della socialità collettiva, per l'appunto il cosiddetto fattore invisibile, ovvero quello specifico dispositivo dell'inconscio delle masse che produce e determina l'immaginario collettivo, tale per cui a un certo punto le gonne delle donne diventano cortissime, dopo sei anni si allungano di dodici centimetri, mentre si allungano i capelli dei maschi di cinque centimetri e dopo dieci anni va di moda, invece, la calvizie. Così via dicendo. Nel divertente racconto, il consorzio di multinazionali che aveva ordinato questa ricerca, voleva (e doveva) prevedere quale tipo di mode si sarebbe diffusa per essere in grado di manovrare il desiderio della gente spingendola poi ad acquistare degli specifici prodotti. 
Quello splendido romanzo di fantascienza, in verità, era un delizioso libro comico, intriso di satira politica sofisticata, che ruotava intorno a questa strana e tuttora inspiegabile magia della mente umana, quel fattore invisibile impossibile da decifrare prima, per la potenza della sua creatività originale. Si tratta di una spinta propulsiva misteriosa, che spinge -tanto per fare un esempio- nella conservatrice e austera Gran Bretagna del 1966 un gruppo di ragazze a gettarsi in una via della city di Londra, e armate di cartelli e megafoni, bruciare davanti alla folla esterrefatta dei reggipetti, sostenendo che "bruciare i reggiseni è il passaporto verso la libertà delle donne". Per un caso accidentale del destino, assolutamente fortuito, proprio in quel momento passava lì davanti un taxi, dentro al quale c'erano John Lennon e Paul Mc Cartney, pieni di pacchi, che andavano a visitare la nonna malata di Paul. Trovarono la scena esilarante e davvero stimolante. Fu una grande ispirazione. Rimasero a dormire dalla vecchietta. La notte, insieme, scrissero una canzone "obladì obladà life goes on bra" (trad.: "obladì obladà, la vita scorre su un reggipetto"). Poco tempo dopo, usciva il disco dei Beatles, che vendette circa 40 milioni di copie. Sedici mesi dopo, nel mondo occidentale, crollava per un -46% la vendita al consumo di reggiseni presso il pubblico di consumatrici tra i 13 e i 33 anni.
Nessuno seppe mai perchè si verificò tale evento che lanciò una moda.
E', per l'appunto, il fattore invisibile di cui parla la Willis.
A questo binario parallelo, Nimby e Invisibile, bisogna aggiungere una terza dimensione, che cambia a seconda delle nazioni: la percezione del sistema. E' il motore che produce l'export e l'import, lanciando mode e consuetudini abitudinarie, basata su un miscuglio di molteplici fattori che mescolano pregiudizi e stereotipi a intuizioni e sensazioni, e determinano il lancio di fortissime categorie che provocano il successo commerciale o meno di un prodotto, lanciano una moda, propagandano una nazione; con una spinta talmente forte da perforare l'immaginario collettivo delle masse condizionando il proprio giudizio, quindi il desiderio, infine il proprio impulso automatico all'acquisto. 
Sempre in quegli anni (altro esempio) e sempre a Londra, un geniale pubblicitario della Mackenzie & Fitch, che se la doveva vedere con un importante industriale dell'acciaio, in spaventosa crisi di vendita in seguito alla concorrenza imprevista di italiani, francesi e tedeschi, gli fece una curiosa proposta:
"Dovrebbe pensare a vendere ciò che noi inglesi abbiamo e nessuno ha al mondo".
L'industriale chiese che cosa fosse. E il pubblicitario rispose: "la pioggia".
Gli spiegò la potenza del valore aggiunto della pioggia inglese e lo convinse del fatto che la percezione planetaria spingeva la gente a ritenere che nessuno come i londinesi potesse essere così esperto e preciso nel salvaguardarsi dalla pioggia. Lo convinse a riconvertirsi producendo ombrelli, banali ombrelli firmati. L'industriale, disperato, accettò. E lanciò la Knirps. Due anni dopo apriva uno stabilimento in Scozia con 2000 addetti, quattro anni dopo raggiungeva la cifra di vendite di 100 milioni di ombrelli nel mondo. Da allora è diventata una delle più potenti multinazionali al mondo.
Come funziona la percezione planetaria del Sistema Italia, oggi?
Perchè non riusciamo più a imporci come un tempo?
Che cosa manca alle nostre merci per essere competitive come un tempo?
Siete davvero convinti che sia il "costo del lavoro" la cosiddetta "produttività" o "lo spread" che riduce lo spazio di concorrenza e affligge la diffusione nel mondo del Made in Italy?
Non è così.
Si tratta di una crisi politica.
Una crisi di Valori.
Soprattutto, la crisi del valore aggiunto.
La nostra classe dirigente, con la complicità dell'intera cupola mediatica, insiste nel presentare -soprattutto attraverso i talk show- una realtà che può essere risolvibile leggendo grafici, ascoltando cifre sciorinate da ragionieri, aumentando o diminuendo una aliquota, mentre il pianeta prosegue per la sua strada cavalcando l'immaginario collettivo.
I consumatori planetari non vivono nella realtà impiegatizia di Giovanni Floris, bensì in un mondo popolato da icone pop subliminali.
Il Sistema Italia vende ipocrisia, questa è diventata la nostra merce di scambio riconoscibile.
E questo è il cancro che corrode nelle sue fondamenta la spina dorsale del sistema.
Nell'età del web, dei social networks, della velocità neutronica della comunicazione, salvo restando l'esistenza dei soliti truffatori, è sempre più arduo e difficile ingannare la gente. E' ormai troppo facile essere scoperti, smascherati, sbugiardati, denudati, identificati.
Vince comunque il prodotto più aderente alla realtà, anche in termini politici, soprattutto secondo i parametri economici. E' uno dei Grandi Paradossi della generazione digitale che cresce e vive dentro la virtualità: sul mercato la virtualità non conta nulla, ha valore la realtà. Perchè se la pera che io compro non ha il sapore della pera io non la compro più, è ovvio.
Sei giorni fa in una importantissima riunione internazionale a New York del WTO (World Trade Organization) il consorzio di nazioni che gestisce lo scambio commerciale planetario ha diffuso le classifiche sulla "percezione planetaria" dei consumatori rispetto ai singoli stati. Già alcune settimane fa, quelle classifiche, erano state pubblicate in tutto l'occidente (Italia esclusa) con dibattiti seguiti e alimentati da sociologi, psicologi, esperti di comunicazione, filosofi, semiologi, scrittori, per cercare di comprendere la nuova realtà dell'immaginario collettivo nel nostro pianeta. E' l'aspetto decisivo dei sistemi, perchè è quello sul quale poggia la produzione dell'immaginario collettivo, del quale gli economisti nostrani e i ragionieri ossessionati da grafici e spread  non parlano mai pensando che la situazione italiana la si possa cambiare con una Legge, aumentando o diminuendo una tassa, uscendo o rimanendo nell'euro, votando Pd o votando PDL.

Nel 1993, nella classifica che ci riguarda e che segnala le prime tre "pulsioni automatiche" prodotte nel consumatore internazionale, ai primi tre posti il Sistema Italia aveva 1) Cibo, 2) Eleganza, 3) Arte. Così ci vedevano, così ci vivevano, questo venivano a cercare.
Nel 2003, ai primi tre posti avevamo: 1) Terme naturali, 2) Spiagge, 3) Moda.
Nel 2013, ai primi tre posti abbiamo: 1) Adulazione e ipocrisia, 2) Wellness, 3) Insulto gratuito.

La nuova classifica ha immesso l'Italia nella zona più deprimente (insieme alla Corea del Nord, lo Zimbabwe, la Colombia, la Thailandia) quella in cui vincono elementi della psicologia e della comportamentalità che ottundono e coprono qualunque altra attività di carattere economico e produttivo (Corea del Nord 1) Ottusità ideologica inaccettabile; Zimbabwe 1) Corruzione insostenibile; Colombia 1) Violenza gratuita; Thailandia 1) Esistenza generalizzata della schiavitù). 

Così viene percepita la nostra nazione. 
Non c'entra affatto il costo del lavoro nè la produttività.
Il Made in Italy non esiste più, perchè il pianeta non considera più la nazione e il Sistema Italia come un luogo attendibile e affidabile. L'Italia è vissuta e vista come un paese dove non c'è mai la possibilità di sapere se l'interlocutore sta dicendo la verità oppure mente perchè nel nostro paese sono stati abbattuti i parametri di riferimento del concetto di fiducia, coerenza, rispetto delle regole, senso della Legge. Quindi, il mondo si fida meno di un prodotto italiano perchè è portato a pensare che ciò che c'è scritto sulla fascetta di quello specifico prodotto non è detto che corrisponda alla verità oggettiva. Siamo stati identificati come un paese di truffatori, bugiardi, falsificatori. In data 18 febbraio 2013 il Financial Times pubblicava con enfasi le dichiarazioni di Mario Monti "Silvio Berlusconi è un cialtrone irresponsabile che ha portato l'Italia sull'orlo del baratro e della bancarotta". La stessa testata, con altrettanta enfasi pubblicava le dichiarazioni di Mario Monti in data 28 aprile 2013: "Silvio Berlusconi è il più grande politico che l'Italia abbia mai avuto, è l'unico statista. Lui è il più bravo e solido tra tutti quanti". Agli inglesi va bene, facilita la concorrenza dei loro prodotti; chi berrà mai più una bibita italiana in Inghilterra? Una settimana fa, a Londra, il presidente della Saatchi&Saatchi, la più importante multinazionale della pubblicità al mondo, parlando dell'Italia, sosteneva che "L'Italia è ancora terra di capitani d'industria, valga per tutti Diego Della Valle, davvero un formidabile imprenditore di successo. Certo è che le sue meravigliose scarpe, al 100% made in Italy, hanno un marchio dall'indubbio suono britannico. Non so se i consumatori oggi acquisterebbero scarpe con un nome italiano".
Triste ma vero.
La fondazione del Gran Regno d'Ipocritania, ben rappresentata da Letta e Alfano, sta tutta qui.
Il nostro miglior imprenditore vince perchè vende scarpe italiane con un nome inglese.
Il povero Della Valle, consapevole della situazione, lancia un marchio che non faccia "sentire" l'odore dell'Italia per evitare di essere identificato con il sistema nazionale.
Per poter accedere ai mercati internazionali dobbiamo nasconderci sotto mentite spoglie pur di non farci riconoscere.
E' l'ipocrisia il vero cancro economico dell'Italia.
La crisi trova in questo concetto la sua chiave di comprensione ultima.
Quella che consente a Mario Monti di dire ciò che ha detto.
Quella che ha consentito di far dire a Nichi Vendola il 28 novembre del 2012 che "Renzi rappresenta la farsa macabra della democrazia, rappresenta il fulcro della destra iper-liberista all'attacco" e poi il 28 settembre del 2013 "Renzi è il miglior candidato in assoluto a interpretare le istanze della nuova sinistra assetata di una narrativa diversa, originale, che lui ben rappresenta".
Quella che ha consentito Enrico Letta di sostenere in data 29 aprile 2013 "abbiamo avviato l'eliminazione del finanziamento pubblico ai partiti" e poi in data 2 agosto 2013 dar via al finanziamento pubblico ai partiti sostenendo "che si tratta di un modello equo di democrazia per impedire che siano i privati e i prepotenti a finanziare i partiti".
Quella che ha consentito al Ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin, di sostenere nello stesso giorno, due settimane fa, alle ore 13.30 "Non mi identifico più con il PDL e ho preso formalmente la distanza dalla scelta di Berlusconi che considero sbagliata e siamo in molti a prendere le distanze da lui" e alle ore 18.30 "Non esiste nessuna crisi nel PDL, siamo compatti e uniti dietro al presidente. Berlusconi è un vero gigante, non ha mai sbagliato, siamo tutti dietro di lui".

La crisi vera (non quella finta) del Sistema Italia sta tutta qui, nella impossibilità di poter affrontare un qualsivoglia tema, argomento, legge, dispositivo, materia, seguendo dei parametri comuni di riferimento, perchè il Regno d'Ipocritania ha abolito il concetto di coerenza, di rispetto della legalità, della verità oggettiva. Ogni personalità politica, in Italia, è autorizzata a smentire se stessa senza che nessun giornalista, nessun collega, nessun votante, chieda immediatamente un rendiconto di tale contraddizione e la denunci come vizio.

Sta a tutti noi cercare di cambiare questo paese, a condizione di essere d'accordo almeno su un punto base, che andrebbe sottoscritto da tutti, piddini, pidiellini, montiani, pentastellati, credenti e atei, laici e integralisti, uscendo fuori dalla logica Nimby: "il paese è anormale e la sua anomalia consiste nell'aver elevato l'ipocrisia e il falso a norma costituita; ciascuno di noi ha il dovere di denunciare i propri polli".

Si parte da qui, dal minimo comun denominatore.
Prendendo atto della realtà per ciò che essa è in termini economici e politici reali, non virtuali.
Siamo fuori dalle nazioni evolute.
Siamo fuori dai parametri democratici.
Siamo esclusi ormai dai consessi internazionali che contano.
Nessuno crede più neppure a una parola ufficiale della nostra classe dirigente.
Lo dicono dovunque.
Lo dicono soprattutto le cifre.
Il Made in Italy produce ipocrisia e falsità.
Dobbiamo abbattere questa oscena barriera di inciviltà esistenziale.
E' l'attuale dirigenza politica a produrre la crisi economica, non il contrario.
E' una bella differenza!



22 commenti:

  1. Per noi i cittadini e cittadine normali diventa complicato muoversi tra i labirinti di notizie, smentite e proclami. Internet aiuta ma non basta. Occorre che chi fa dell’informazione il proprio mestiere desideri smascherare i furbi, far inciampare gli ipocriti, sbugiardare le falsità.
    Occorre che Verità super partes per articolisti, redattori, pubblicisti, cronisti, reporter, inviati, ritorni ad essere la più la loro più alta aspirazione.
    Occorre che i giornalisti riscoprano il dovere di verità, attraverso il quale consentono alla collettività l'esercizio di quella sovranità che secondo l'art. 1 Cost. “appartiene al popolo” perché un'informazione che occulta o distorce la realtà dei fatti impedisce alla collettività un consapevole esercizio della sovranità.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Salve Sig Sergio, non centra nulla questa mia domanda con il post ma non ho piu trovato un modo per contattarla direttamente come ho fatto in un paio di occasioni....
    Volevo chiederle se conosce David Icke e se lo conosce vorrei sapere cosa ne pensa...magari con un post :-)

    Grazie

    RispondiElimina
  4. Mi riprometto di tornare in un secondo tempo a riesaminare come si deve, punto per punto, alcune delle argomentazioni-cardine di questo Suo post, ma adesso quello che mi viene da osservare da subito, d'emblée (mi si perdoni il francesismo), è che, a quanto pare, quello che al resto del mondo -- che sembra non abbia altro da fare che guardare l'Italia, manco fosse, per statuto, il cielo delle stelle fisse -- va inesorabilmente di traverso è che noi non riusciamo a fare fronte comune, a fare "sistema", che siamo molto più colorati, variegati, inafferrabili, insomma impregnati di "fattore invisibile" di quanto le agguerrite pattuglie di referenziatissimi psicologi, sociologi, pubblicitari, filosofi e moralizzatori d'ogni scuola, lingua e nazione siano disposte a analizzare, catalogare, inquadrare e manipolare. Ops, volevo scrivere "curare".
    Perché è questo che... normalmente si fa con un'anomalia, vero? La si cura, la si "rieduca".

    Alla prossima, marilù l.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente sono state prese in esame 192 nazioni. Ho citato la parte che riguarda l'Italia perchè siamo italiani, e a me interessa la percezione sull'Italia.

      Elimina
  5. Concordo pienamente. Anche gli stati come i prodotti che compriamo suscitano emozioni. E le emozioni che suscita l'Italia sono molto negative in quanto la nostra inadeguata classe dirigente ha sempre pensato a controllare e reprimere nonchè saccheggiare piuttosto che a far maturare e progredire il paese

    RispondiElimina
  6. Più che l'italia sono gli italiani a suscitare emozioni negative. Imbroglioni e stupidi credo che sia così che ci vedano. Però poi agognano le nostre donne, che immaginano focose e fedeli, mentre i maschi italici vengono sentiti come irresistibili mascalzoni. Tutti luoghi comuni, eppure in questi luoghi comuni c'è molta verità. La casta che ha sequestrato questo paese è peggiore del paese stesso, anche questo un luogo comune eppure c'è molta verità. Paolo

    RispondiElimina
  7. Sergio, uno dei tuoi pezzi migliori.

    RispondiElimina
  8. Sì, avevo capito, Modigliani, che è stato reso noto un rapporto sulla "percezione planetaria" dei consumatori di diversi paesi (a proposito, compilato da chi? Su richiesta di chi, di quale organo o commissione del WTO stesso?), ma io mi riferivo ai titoli, pubblicati "con enfasi" (come Lei stesso sottolinea) dal Financial Times sulle balorde dichiarazioni contraddittorie, a distanza di due mesi, rilasciate dall'ex premier Monti sul conto di Berlusconi. Come mai così tanta attenzione prestata alle parole del leader politico di quel rudere industriale e rottame cultural-morale che sarebbe ormai diventata, agli occhi del mondo, la nostra penisola? Hanno altrettanto rilievo sulle pagine del FT le dichiarazioni e le (eventuali) gaffes del premier islandese o di leaders politici lettoni? Se non accade, magari dipende dal fatto che costoro sono davvero dei modelli di integrità morale e lucidità politica, tanto da non poter mai essere colti in castagna, in nessun giorno dell'anno e a proposito di nessun argomento.

    Poi ci sono altre cose che non mi quadrano. Se nel 1993 eravamo al top per quanto riguarda il cibo, adesso che succede? Siamo invasi dai ristoranti cinesi e giapponesi e i nostri chef cucinano solo nei programmi per maniaci dei fornelli trasmessi a raffica sui palinsesti di tutte le TV? Oppure è accaduto che i nostri prodotti tipici sono stati scopiazzati e immessi sul mercato come d.o.c., quando non lo sono affatto, ad opera di veri e propri FALSARI NON ITALIANI?

    Inoltre: se nel 1993 eravamo in cima alla classifica per quanto riguarda l'arte, adesso, di nuovo, che succede? E' bastato il crollo di qualche muro a Pompei e il ben più disastroso terremoto dell'Aquila ad annientare lo straordinario patrimonio artistico e archeologico della nostra nazione? Mi spiace, ma mi riesce difficile crederlo.
    Anche perché non si riesce a mettere piede in una delle cosiddette città d'arte, o in uno dei meravigliosi punti di forza paesaggistico-naturali del nostro territorio (penso per esempio alle Cinque Terre) senza essere travolti da torme di turisti di ogni lingua e nazione, ultimamente anche moltissimi cinesi.

    Poi: la violenza. Ma com'è che risalta molto di più adesso che non nel 1993, quando l'Italia era insanguinata dalla stagione dell'attacco militare della mafia alla nazione e Repubblica titolava "Palermo come Beirut"? Per non parlare degli anni di piombo e di quelli delle bombe sui treni e nelle piazze.

    Infine: come si accordano tra loro definizioni di un popolo "adulatore e ipocrita" e al contempo dedito all' "insulto gratuito"? Messa così la questione, sembrerebbe che qualche italiano, tacciato indebitamente di ipocrisia e falsità, abbia risposto con fin troppa franchezza cosa pensava di questi giudizi e di chi si sentiva in dovere di comunicarglieli.

    (segue)

    RispondiElimina
  9. (prosegue dal precedente commento del 14 ottobre, 19:15)

    Un'ultima cosa (almeno per ora): Lei definisce la sindrome del NIMBY come "narcisismo individualista", mentre per quanto riguarda il fattore invisibile lo descrive come "quello specifico dispositivo inconscio delle masse che determina l'immaginario collettivo", cioè qualcosa di diametralmente opposto al nimby, eppure Lei li accorpa, definendoli come disposti su un "binario parallelo". Per dire, a me il "fattore invisibile", col suo immaginario collettivo, sembrerebbe molto più collegato alla "coscienza consapevole di cittadinanza", come Lei l'ha chiamata, che non al nimby, e dovrebbe essere tanto più... invisibile e refrattario agli studi di settore delle rapaci multinazionali à la Willis quanto più è marcato il sentimento del proprio valore dei singoli cittadini, sentimento connesso soprattutto, benché non esclusivamente, alla propria appartenenza culturale e nazionale.

    Comunque è da parecchio che gli "altri", i non italiani in genere, non solo ci osservano ma ci invidiano e, di conseguenza, le escogitano tutte per 'domare' il nostro, per le loro mire e i loro appetiti, troppo ingombrante orgoglio nazionale. E' una guerra psicologica o, se preferisce, di propaganda economica e politica che è cominciata da molto prima dell'ultimo raduno del WTO e di questa sua ultima, per noi così deprimente, classifica. Basti pensare alla canzone "non mi sento italiano" di Giorgio Gaber, uscita con la pubblicazione postuma del suo ultimo album, nel 2003.

    Di nuovo grazie per l'attenzione e per l'ospitalità.
    marilù l.

    RispondiElimina
  10. l'italia e campione mondiale nel autoflaggellarsi, nel sentirsi untermensch (popolo inferiore) nel far vedere sempre il suo lato piu negativo anzi che positivo, nel quardare sempre dal basso verso GB, USA, D, F, e ad ascoltare ogni schemenza che dicono in quei paesi sul italia, ed e proprio questo il motivo che siamo in questa situazione.

    se il tedesco, francese, americano, inglese dice al italiano salta da questo burrone, l'italian lo fa con piagere, credendo che e la Cosa giusto perche lo dice il tedesco.

    saluti Paolo from ZH



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signor ZH, in quel che dice c'è sicuramente del vero, ma c'è anche molto altro. L italiano non nasconde la sua ammirazione per gli altri popoli perché non ne è invidioso, magari esagerando, magari sbagliando e facendo così la figura dello sciocco. Ma è anche molto narciso ed è questa una delle ragioni per cui abbiamo in gran conto ciò che si dice di noi. Ammirazione e mancanza d'invidia nei confronti degli altri unite al narcisimo fanno dell'italiano un individuo in grado di fare cose grandi e belle. Paolo

      Elimina
  11. Questo articolo è ottimo ed istruttivo.
    Gli italiani, secondo me, sono molto migliori di come li si dipinge ma sono pigri e credono, per indolenza, a chi parla più forte. Questa "qualità" ci ha segnato e lo farà anche nel futuro... quando cambieremo/cresceremo?

    RispondiElimina
  12. Come sempre i suoi articoli sono fantastici, me li leggo tutti e siccome negli ultimi anni sto girando per il mondo, devo confermare in pieno la percezione dell'italia fuori dai suoi confini. Purtroppo sono uno di quelli che crede che l'italia per risorgere deve morire, ma e solo un mio pensiero ! Ho grande necessità di velocizzare la mia ricerca in merito al report di cui parla del WTO per cui le chiedo con grande gentilezza se può postarne il link o la frase chiave per cercarlo nello specifico. grazie ancora per i suoi articoli ! un suo follower Matteo bye

    RispondiElimina
  13. si chiama inaffidabilità
    tutto li'
    noi la chiamiamo fatti furbo
    e loro ci stanno spaccando la faccia

    RispondiElimina
  14. Grazie per l'ottimo post. Anche io sarei interessato a questa classifica di percezione planetaria, non sono riuscito a trovarla con una prima ricerca veloce. Può gentilmente postarlo ?
    Grazie
    Gian Piero Izzo

    RispondiElimina
  15. Ahi! Serva Italia di dolore ostello/ nave sanza nocchier in gran tempesta,/ non Donna di province, ma bordello.
    Nei confronti dei popoli di cultura anglosassone, con Francia e Tedeschia in testa, attuiamo in modo creativo un atteggiamento di legittima difesa. Venite pure avanti, tanto non mi avrete. Ma tu tedesco, quando mi dai del baro, sei onesto nelle tue accuse? Diceva Lenin, che se i tedeschi devono occupare una stazione ferroviaria, prima fanno tutti il biglietto. E io Italiano giudico te, tedesco, un imbecille.Tu Anglosassone puritano e bigotto, quanto proietti su di me le tue contraddizioni? La Storia del tuo Impero annega nel sangue dei Pellerossa, dei Vietnamiti, degli Iracheni, degli Indiani. E io, Italiano, giudico te un assassino.Tu Francese che ti senti figo perché fai diventare tronchi cognomi e parole piane, che hai inventato la ghigliottina, che sei più razzista di un nazista, ma ti salvi perché sulla tua bandiera c'è scritto "Liberté, Fraternité, egalité". Io, Italiano, ti giudico Ipocrita.
    Ci stanno provando in tutti i modi a conquistarci. Se la Politica è inaffidabile, proviamoci con "Sondaggi&Studi ad hoc S.p.A.". Bisogna spezzare le reni agli Italiani per poterli depredare del moltissimo che hanno e che noi ambiremmo avere... Ma come? State facendo i "mafiosi" con noi che abbiamo il brevetto?
    Dividi et impera! Anglosassoni, francesi e tedeschi sono popoli uniti. Si sentono orgogliosi di essere nativi di quelle contrade. Si sono uniti per conquistarci. Stiamo facendo credere loro che ci stanno riuscendo. Ma come tutti i popoli che ambiscono alla conquista, non hanno la percezione del limite, e alla fine soccombono. La Storia insegna. E comunque "del doman non v'è certezza..."
    Complimenti comunque per l'ottimo post.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indro Montanelli soleva dire che gli italiani sanno fare meglio un gran numero di cose rispetto agli inglesi, ma come quelli non sanno "essere popolo". Però non sia così offensivo e sprezzante, quelli citati sono grandi popoli che condividono con noi storia cultura radici. Paolo

      Elimina
  16. Bel pezzo. Una sola pecca. E' possibile conoscere la fonte, ovvero qualche link allo studio citato? Dove possiamo leggerlo? Grazie

    RispondiElimina
  17. Grazie, veramente grazie....
    Antonia

    RispondiElimina
  18. la civiltà dei Maya ha avuto una fine, ed erano ben più civili di noi....l'inciviltà dell'ipocrisia avrà mai una fine? Grazie per tutto ciò che scrive.

    RispondiElimina