mercoledì 17 ottobre 2018

La Ue esiste e resiste molto bene.






di Sergio Di Cori Modigliani


La differenza tra la realtà "nuda e cruda" (come si diceva un tempo) e la percezione di tale realtà (ovvero: il modello virtuale dei social) è sempre più marcata.
Mentre i nazionalpopulisti italiani si affannano a dichiarare estinta la Ue (il che è un delirio basato sull'informatica predittiva, quindi "una idea virtuale e non reale" che spinge verso la auto-profezia) arriva una notizia davvero importante sulla Ue di cui neppure un post o un rigo negli ultimi 4 mesi:

entro la mezzanotte di oggi si chiudono formalmente gli incontri tra Theresa May e la Ue per regolamentare la Brexit. La discordia è totale e sta andando malissimo.
La grande sorpresa (negativa) per Farage, Bannon, Trump, Putin, Le Pen, Salvini, Grillo & co. è stata la totale compattezza, la forte tenuta collettiva dei 27 paesi della Ue contro l'arroganza britannica. Sono falliti tutti i tentativi di far litigare i membri della Ue sull'Irlanda.
Da 126 giorni si va avanti e i conservatori britannici, i russi e la finanza anglo-americana sono letteralmente "disperati" perchè non si sarebbero mai aspettati una tenuta così forte, coesa e massiccia da parte dei 27 membri della Ue.
Una bellissima notizia vera. Verissima.

Benvenuti nel mondo reale.
Anzi, dear Prime Minister May: welcome to the real world!

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.