lunedì 2 ottobre 2017

Catalexit docet






di Sergio Di Cori Modigliani


Il caso di Barcellona ci conferma la definitiva affermazione
della "Nimby revolution" (celebre acronimo anglofono che sta per "Not In My Back Yard", che in italiano equivale a "Non nel mio orticello"):


Le nazioni e popolazioni più ricche d'Europa hanno deciso di andare all'attacco dei più poveri dichiarando secessione, indipendenza, autonomia e blablabla, perchè vogliono vivere in un mondo in cui non si pagano le tasse allo stato centrale, non vogliono re-distribuire la ricchezza, detestano i controlli, pretendono massima libertà di speculazione nel nome di "libertà dei capitali - libertà dalle capitali" e vogliono imporre la loro visione del mondo, una società nella quale non esistono regole da seguire se non quelle di attirare come una calamita capitali finanziari in uscita portati da immondi squali di ogni genere, attrarre turismo di massa in cerca di gnocche, efebi, sballo di varia natura e droghe esotiche alla moda.

E' il Grande Paradosso dei nostri tempi, l'ultima frontiera della società iper-liberista che potrebbe suonare anche così: 

"Visto che voi, caro popolo, dite sempre che volete fare la rivoluzione, noi ve la facciamo fare e addirittura la guidiamo. Così ci facciamo una barca di soldi e per voi ci sono: coriandoli, briciole di torte alla panna, palloncini colorati, concertoni rock, partite di calcio sublimi, e tanti tanti tanti comizi sulla bellezza dell'essere autonomi, indipendenti, sovrani e liberi. Più liberi di noi, non c'è nessuno".

El pueblo unido commosso, ringrazia e scende in piazza.

Come dire: dopo il danno, la beffa.

1 commento:

  1. da dagospia
    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/tocca-ad-peruviano-piu-rsquo-bel-discorso-sull-rsquo-unita-rsquo-158127.htm

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.