giovedì 6 luglio 2017

Renè Magritte è vivo e lotta insieme a noi.



di Sergio Di Cori Modigliani



Un bacio al re del Belgio da parte di Renè Magritte, il suo più illustre e meritevole cittadino; avrebbe di sicuro apprezzato il suo gesto: era nelle sue corde. per la serie #buonsanguenonmente
Siamo ormai alla farsa:
Ecco i fatti:
A Tallin si riuniscono gli europei per discutere anche di emigrazione.
Il portavoce del regno del Belgio ha ufficialmente rilasciato la seguente dichiarazione formale:
"Di fronte alla situazione che si è venuta a creare, il nostro regno ha stabilito in data odierna con decreto ufficiale di aver dato disposizioni per chiudere i propri porti agli emigranti".
Fine del comunicato.
Nessun giornalista ha fatto domande.
Il mio punto personale, per quanto ovvio e banale, è di contenuto puramente geografico.
Un barcone di emigranti, per arrivare in un porto belga, partendo dalle coste libiche, deve attraversare lintero Mar Mediterraneo, dopodichè giunge alle bocche dello stretto di Gibilterra pattugliate dalla marina britannica che non fa passare neppure uno spillo. Ma i nostri prodi non demordono. Affrontano il viaggio e -con abilità pari a quella di James Bond- proseguono imperterriti e si gettano nell'Oceano Atlantico. Circumnavigando il Portogallo, e la Spagna, risalgono le coste francesi e riescono (essendo marinai gloriosi ed esperti) a raggiungere il Golfo di Biscaglia dove la famigerata corrente del golfo proveniente dal Messico si scontra con i venti freddi del Mare del Nord provocando una perenne zona di instabilità permanente: non si avventurano neppure i sommergibili nucleari. Superato il guado si arriva finalmente in vista del più vasto e importante porto belga: Anversa. Ma non finisce qui. Il celebre porto, infatti, non sorge sul mare (impraticabile) bensì sulle rive del fiume Schelda che si trova a 87 chilometri di distanza verso l'interno. Ma il barcone di emigranti affronta anche quest'ultima prova e lì ci arriva. Tempo medio del viaggio, all'incirca 6 mesi considerando il livello dell'imbarcazione.
 

Numero di emigranti sbarcati nei porti belgi in questo 2017: 0
Numero di emigranti sbarcati nei porti belgi nel 2016: 0
Numero di emigranti sbarcati nei porti belgi nel 2015: 0


Renè Magritte, ti adoro.

(ma è possibile che non ci sia in tutta Europa uno straccio di giornalista che abbia avuto la decenza di porre al portavoce di Sua Maestà Belga l'unica domanda sensata?
Ovvero: "A regazzì....ma che ve siete messi 'n testa?")

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.